Linea Diretta +39 350 5434998 - Orari: 9.00-12.30 / 16.00-19.00 info@farmagalenica.it
Farmagalenica
Informazione su Galenici e Farmacie che fanno Preparazioni Galeniche

Questo articolo venne scritto la prima volta a fine 2016/inizio 2017 per descrivere un problema: la mancanza di cannabis medica o mancanza cannabis terapeutica nelle Farmacie Italiane.
In altre parole, i pazienti si recano in una Farmacia Galenica con una ricetta di cannabis medica (cannabis terapeutica) e si sentono rispondere che

  • non c’è cannabis e non si sa quando arriverà
  • stanno aspettando da settimane/mesi, ma non arrivano rifornimenti
  • hanno solo una piccola quantità da dispensare, non si sa se riusciranno a dare tutto il quantitativo in ricetta.

Cosa significa tutto questo? Perchè c’è mancanza cannabis medica?

“Semplicemente” si ripete, ormai e purtroppo ciclicamente, un fenomeno legato alla bassa disponibilità di cannabis medica in Italia.

Ma cosa vuol dire “non si trova la cannabis medica” o “c’è mancanza cannabis terapeutica”?

In generale, si intende quando un paziente di una certa Regione ha problemi (tempi lunghi, quantitativi inferiori, ecc…) nel ricevere la terapia ordinata dal Medico in ricetta.

Sull’argomento, si riporta anche l’intervista rilasciata dal Dr. Marco Ternelli a Farmacista33, che può essere letta a questo link.

La carenza cannabis terapeutica è fonte di sofferenza e dolore in molti pazienti.

Quale cannabis manca e perché a volte non si trova cannabis in Italia?

Per quanto riguarda la cannabis olandese, a seguito di comunicazione ufficiale dalla Ditta Bedrocan BV Olandese (v. dopo), si avrà una carenza Bediol fino a fine Ottobre 2017, quindi si parla di Novembre 2017 come prime disponibilità.
A questa si aggiunge una carenza e/o mancanza di Bedrocan, Bedica e Bedrolite che dura da qualche mese e si protrarrà pure essa fino a fine Settembre Ottobre.

Nel 2017, il Ministero Olandese (tramite la ditta BedrocanBV), rispondeva così a chi chiedeva spiegazioni sulla carenza di cannabis medica in Italia (clicca l’immagine per ingrandirla):

No comment

Di fatto, c’è un unico e principale motivo: il limite alle importazioni di cannabis medica in Italia, unito ad una insufficiente produzione di cannabis medica in Italia. Per capirlo, è necessario specificare da dove arriva la cannabis medica nelle Farmacie Italiane.

La carenza cannabis medica in Italia si verifica perché ne viene importata meno di quella che serve

Captain obvious

Da dove arriva la cannabis medica nelle farmacie Italiane?

Da 3 posti:

  • dall’Italia (coltivata e prodotta dallo Stabilimento Chimico Farmaceutico Italiano di Firenze)
  • dal Canada
  • (principale fonte) Olanda

Ora si legga questa tabella esplicativa sulle quantità di cannabis importate negli anni passati, incluso il 2019:

AnnoOlandese
(importata)
Canadese
(importata)
Italiana
(SCFM)
Totale massimo
TEORICO*
2015 100 Kg 0 Kg 0 Kg 100 Kg
2016 150 Kg 0 Kg 0 Kg 150 Kg
2017 200 Kg 0 Kg 100 Kg 300 Kg
2018 450 Kg 100 Kg 200 Kg* 750 Kg
2019 750 Kg 0 Kg ? 200 Kg* 950 Kg

*TEORICO: perché rispetto al dichiarato, lo Stabilimento Chimico Farmaceutico di Firenze non riesce a produrre, nel corso dell’anno, la quantità richiesta o per aumento continuo della domanda o per mancanza di serre/risorse per la produzione. Per il 2018, ad esempio, il Direttore dello Stabilimento Chimico Farmaceutico di Firenze (Colonnello Medica) ha dichiarato che la produzione sarà di 150 Kg nel 2019 rispetto ai 200Kg indicati dal Ministero per il 2018.

Qual è l’iter per importare cannabis in Italia?

  1. Rilascio permessi (quelli del 2018 vengono rilasciati a partire dal 1 gennaio 2018, non prima)
  2. Accettazione, gestione dell’ordine da parte dei due Ministeri (italiano e olandese)
  3. Pagamento da parte dei fornitori italiani in anticipo della cannabis olandese ordinata
  4. Spedizione all’Italia, stoccaggio presso fornitore, controlli.
  5. Consegna alle farmacie.

Quale cannabis ITALIANA manca?

A rotazione, può mancare qualsiasi varietà di cannabis (v. elenco), ma solitamente le varietà che mancano maggiormente sono:

  • Bedrocan (per elevatissima domanda)
  • FM2 (per insufficiente produzione)
  • Bediol (per problemi produttivi)

A chi ne chiedeva, veniva risposto che l’invio sarebbe avvenuto in quantitativo ampiamente ridotto all’inizio di ogni mese, con preferenza alle farmacie ospedaliere rispetto alle farmacie territoriali.
Va tenuto conto che anche nella più rosea delle previsioni, ossia in un totale ritorno sia della cannabis FM2 che le varietà olandesi, servirebbero almeno -1-2 mesi per recuperare la “coda” di pazienti formatasi in questi mesi di carenza cronica. E dato che questo NON avverrà per certo, i tempi ipotizzabili sono ancora più lunghi.

Il motivo principale del perché non si trova cannabis FM2 è dovuta all’attuale insufficiente produzione di cannabis (3 serre attive su 10, che dovranno entrare in funzione) che non riescono a far fronte all’elevata richiesta, sia diretta sia indiretta (mancanza di cannabis olandese).

Cosa fare se non si trova cannabis medica?

Il consiglio è comunque quello di cercare Farmacie (e ce ne sono!) dotate di scorte di cannabis tali da soddisfare le esigenze dei vari malati: in fondo all’articolo è presente il link al motore di ricerca Cercagalenico.it per le Farmacie di Farmagalenica.
Se non fosse per siti che permettono ricerche del genere, i pazienti sarebbero costretti a interrompere le terapie, con tutti i rischi e pericoli connessi!

Tenere comunque presente che sarà necessaria una nuova ricetta che riporti specificatamente FM2: in altre parole, con una ricetta che prescrive “cannabis Bediol” NON può essere utilizzata dal Farmacista per dispensare “cannabis FM2” (e viceversa).

La mancanza di cannabis spinge alcuni pazienti al mercato nero?

Ci sono suggerimenti tecnici per rimediare a questa carenza di cannabis italiana / olandese?

Il primo è quello di provare a contattare una farmacia Olandese (Transvaal pharmacy) e chiedere se è possibile ottenere olio di cannabis o infiorescenze di cannabis con ricetta italiana. NON è possibile avere spedizioni, quindi bisogna acquistarla fisicamente in Olanda.

Il secondo arriva direttamente dalla ditta Bedrocan BV (quella che produce le varietà olandesi di cannabis), ha fornito informazioni ufficiali su come ottenere un “Bediol” miscelando tra loro Bedrocan e Bedrolite (scarica il documento ufficiale):

  • 3.25 parti (grammi) di Bedrolite
  • 1 parte (grammi) di Bedrocan

da cui si ottengono 4.25 parti (grammi) di “Bediol”.
Semplificando, per rapportare a 5 grammi, si ha che:

  • 3.82 parti (grammi) di Bedrolite
  • 1.18 parti (grammi) di Bedrocan

da cui si ottengono 5.0 parti (grammi) di “Bediol”.

Altra possibilità è che il Medico prescriva un preparato galenico composto da cannabis Bedrocan (una delle poche varietà rimaste reperibili) insieme a cristalli di CBD.
In questo modo si può ottenere un farmaco che che contenga un rapporto di THC:CBD simile a quello del Bediol o FM2.

-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*

ATTENZIONE: il testo che segue si riferisce ad un articolo scritto a Ottobre 2014 e non è riferito alla attuale carenza Bediol e cannabis medica del 2017. Rimane a memoria storica.

Infatti, il problema della carenza Bediol in Italia (e tutta Europa) era dovuto all’esaurimento completo della cannabis nel sito di produzione Olandese. Come osservava il Dr. Ternelli Marco in un’intervista, il punto fondamentale da chiarire era che la nuova produzione di Bediol tenesse conto sia delle normali forniture (da Ottobre in avanti) sia delle forniture accumulate dai pazienti nei mesi in cui questa varietà di Cannabis è stata mancante (Maggio – Settembre).
Così (sembra) non è stato.
In poche parole, attualmente il produttore olandese sta fornendo all’Italia molto meno Bediol di quello richiesto, centellinando le quantità. Ne consegue che alle Farmacie di Farmagalenica sarà consegnata molta meno Cannabis di quella necessaria a soddisfare tutte le attese e nuove prescrizioni.

La “speranza” è che si tratti solo di una prima difficoltà del produttore olandese ad evadere tutti gli ordini accumulati e che, nel giro di poche settimane, possano essere fornita all’Italia e quindi alle Farmacie di Farmagalenica, tutti i quantitativi di Cannabis terapeutica richiesti, senza che si debba di nuovo affrontare una nuova “carenza Bediol”.
Le Farmacie dovranno quindi impostare bene il lavoro di preparazione delle cartine o dell’ olio terapeutico o resina per evitare disagi ai pazienti che da mesi attendono l’arrivo del Bediol.

Per avere tutte le informazioni circa la prescrizione di Cannabis terapeutica legale, acquisto e vendita presso le Farmacie Italiane di Farmagalenica, consultare il post dedicato.

-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*

Ulteriori informazioni sulla cannabis ad uso medico possono essere reperite sul sito del Ministero della Salute e dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Per cercare e visualizzare la Farmacie di Farmagalenica in grado di preparare cannabis terapeutica, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

Ti potrebbe interessare

Pin It on Pinterest

Shares
Share This