Informazioni su Dr. Marco Ternelli

Dr. Marco Ternelli, farmacista appassionato di Galenica, Legislazione Farmaceutica e Farmaci al banco. Autore del blog Farmalegge. Amministratore di Farmagalenica.it, Cercagalenico.it e Preparazionigaleniche.it Nel 2013 si è specializzato in preparazioni galeniche a base di cannabinoidi e cannabis e ha conseguito un Master alla Bedrocan BV nel 2014. Da sempre lavora presso la Farmacia Dr. Ternelli (RE).

Noritren introvabile, nortriptilina galenico in Farmacia

noritren introvabile farmaco galenico farmacia

Noritren introvabile? Ma tranquilli! Il Farmacista Galenista prepara la nortriptilina e si trova!

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente saprai che il Noritren introvabile, a seguito di cessazione della produzione (temporanea) da parte della Ditta produttrice. Dall’inizio del 2017, infatti, il noritren introvabile è letteralmente sparito dalla circolazione lasciando moltissimi pazienti a cercare disperatamente le ultime scatole rimaste, che sono esaurite in breve tempo.
Fortunatamente, alcune Farmacie di Farmagalenica sono in grado di realizzare il farmaco Noritren introvabile galenicamente, ossia utilizzando la materia prima nortriptilina cloridrato e realizzando capsule sostitutive del Noritren… e non solo (v. lista farmacie in fondo all’articolo).

 

Questo significa che i pazienti possono ottenere il farmaco direttamente in Farmacie Italiane, senza bisogno di importare il Noritren dall’estero (non sempre possibile e disponibile); inoltre è possibile richiedere la preparazione in qualche giorno, senza dover aspettare mesi o settimane per l’importazione.

Il Noritren contiene nortriptilina cloridrato. Cos’è?

La nortriptilina è un noto ed antico principio attivo appartenete alla classe degli antidepressivi triciclici. Essa inibisce il riassorbimento (reuptake) di noradrenalina ed in piccola parte serotonina. Le diverse azioni farmacologiche attuate dalla nortriptilina ne garantiscono l’utilizzo nel trattamento della depressione maggiore ed anche nella disassuefazione dal fumo di sigaretta.

Il Noritren introvabile da inizio 2017. Come il Farmacista Galenista può risolvere il problema?

Come anticipato, il Farmacista Preparatore può allestire diverse formulazioni a base di nortriptilina in capsule (o compresse) ma in in sciroppo, capsule e soluzione orale), garantendo notevoli vantaggi al paziente quali:

  • realizzazione di un farmaco attualmente non reperibile in commercio
  • possibilità di continuare e non interrompere terapie in atto
  • allestimento di un farmaco utilizzabile anche in caso di problemi legati alla deglutizione (es. sciroppo)
  • preparazione di un quantitativo personalizzato di farmaco (es. 10, 50, 100, 300 capsule ecc…)
  • la possibilità di associare la nortriptilina con altri principi attivi nella stessa capsula o soluzione liquida (es. con il gabapentin o la flufenazina, nel trattamento del dolore neuropatico)
  • possibilità di escludere sostanze allergizzanti o intolleranti per il paziente (Es. lattosio)
  • possibilità di avere un dosaggio specifico e personalizzato secondo le esigenze del paziente (si possono allestire i classici 10 o 25mg, ma anche esempio 13mg, 30mg, 18,5mg, ecc…

Ci sono avvertenze particolari per la nortriptilina?

La nortriptilina, sia formulata in capsule che in soluzione orale risulta essere controindicata per uso pediatrico.
Lo sciroppo di Noritren introvabile può essere utile in pazienti che presentano difficoltà nella deglutizione e può essere aromatizzata su richiesta del paziente. Quest’ultima contiene una piccola percentuale di alcol, da tener presente in particolar modo nei pazienti epatopatici (http://www.rxlist.com/nortriptyline-hydrochloride-oral-solution-drug.htm)

Il Farmacista informerà il paziente sui possibili effetti indesiderati del Farmaco, che includono: stipsi, tremore, difficoltà nella minzione, tachicardia, cefalea etc. etc.
Va prestata attenzione se si assumo altri farmaci quali antimicotici, antistaminici, barbiturici etc, la cui cosomministrazione con la nortriptilina è assolutamente controindicata.

Quali sono la posologia e la modalità d’uso della nortriptilina?

La posologia della nortritptilina, nel trattamento degli episodi di depressione maggiore, varia da paziente a paziente ed il dosaggio andrà concordato col medico specialista. È sempre consigliabile iniziare il trattamento con un dosaggio basso (magari facendo preparare della capsule a dosaggio personalizzato, dato che NON è possibile dividere le capsule), aumentandolo gradualmente fino al raggiungimento dell’effetto terapeutico desiderato. Anche in questo caso l’utilizzo di un dosaggio personalizzato del Farmaco renderà la terapia più efficiente, riducendo allo stesso tempo il rischio di effetti avversi.
Altre informazioni su effetti collaterali si possono trovare qui.

Nel trattamento della disassuefazione dal fumo l’efficacia terapeutica della nortriptilina è stata raggiunta con dosaggi pari a 75-100 mg al dì (si veda https://academic.oup.com/ntr/article-abstract/7/4/491/1052617/Nortriptyline-for-Smoking-Cessation-A-Review?redirectedFrom=fulltext)

Ora che il Noritren introvabile, per richiedere l’allestimento di un farmaco galenico (in capsule, compresse o in soluzione) a base di nortriptilina cloridrato, è necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile ad hoc, valida sei mesi dalla data di prescrizione per un massimo di dieci dispensazioni.
Una ricetta che riporti “Noritren compresse” NON è valida per ottenere il farmaco galenico a base di nortriptilina (e viceversa): serve una ricetta che specifichi la sostanza, il dosaggio e la quantità di capsule da allestire. Maggiori informazioni possono essere richiesti direttamente alla Farmacia.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire un farmaco a base di nortriptilina cloridrato, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Costo cannabis terapeutica: 9€ al grammo pro e contro

costo cannabis terapeutica grammo farmacia farmagalenica

Costo cannabis terapeutica a 9€ al grammo. Dov’è la fregatura?

Oggi si affronta un argomento molto attuale, già trattato in passato su Farmagalenica (in questo articolo e quest’altro dedicato alla FM2), ossia il costo cannabis terapeutica in Italia che i pazienti pagano ogni qualvolta ritirano il Farmaco a base di cannabis medica in Farmacie aperte al pubblico.

Riassumendo all’essenziale, fino ad oggi il prezzo di vendita della cannabis al paziente era di:

  • 18-22€ (IVA 10% inclusa) al grammo per la cannabis olandese
  • 15,14€ (IVA 10% inclusa) al grammo per la cannabis italiana

Il prezzo di acquisto della cannabis olandese era dunque ottenuto da un prezzo di acquisto compreso tra i i 9-10€ + IVA 22%, mentre quello della cannabis italiana era fissato dal Ministero della Salute a 6,88€ + IVA 22% + 20€ (valore medio) spese fisse di spedizione.

NOTA: sulle spese fisse di spedizione della cannabis FM2, il lettore avrà intuito che se il Farmacista acquista

  • 10 grammi FM2, il costo al grammo della cannabis diventa (inclusivo di spese spedizione) 8,88€ + IVA 22% = 10,83€ (costo cannabis al Farmacista)
  • 20 grammi FM2, il costo al grammo della cannabis diventa (inclusivo di spese spedizione) 7,88€ + IVA 22% = 9,61€ (costo cannabis al Farmacista)
  • 30 grammi FM2, il costo al grammo della cannabis diventa (inclusivo di spese spedizione) 7,55€ + IVA 22% = 9,21€ (costo cannabis al Farmacista)

Si capisce bene come più cannabis FM2 il Farmacista ordina, più è ammortizzata la spesa fissa della spedizione. Se ne ordinasse (es.) 400 grammi certamente l’impatto sarebbe irrisorio. Col solo problema di dover acquistare molta più cannabis (investimento di 3357€), trovarsi con una sostanza stupefacente a ridottissima scadenza (ad oggi, 4-5 mesi residui) da distruggere successivamente con oneri aggiuntivi e rischiare di essere segnalato dal Ministero per “propaganda pubblicitaria indiretta” per i quantitativi “ingenti” di cannabis FM2 richiesta (vedi quiqui, qui, qui e qui).

Vale anche la pena ricordare come varia l’IVA della cannabis (o di qualsiasi altra materia prima che transita in un Laboratorio Galenico):

  • cannabis acquistata dal Farmacista (dal grossista) come materia prima (per essere lavorata/ripartita): IVA 22%
  • cannabis venduta dal Farmacista (al paziente) come farmaco finito: IVA 10%

Infine, ricordiamo da cosa è composto il prezzo di un farmaco galenico finito, cannabis o non cannabis:

  1. il prezzo di vendita delle materie prime
  2. l’onorario professionale del farmacista
  3. (eventuali) diritti addizionali
  4. (eventuale) costo recipiente

A scanso di equivoci, si chiarisce (casomai ce ne fosse ancora bisogno) che il prezzo al grammo di vendita NON è il prezzo finito del farmaco galenico di cannabis, ma va addizionato di onorario, diritti addizionali e recipiente.

Poichè la cannabis non era inclusa nella Tariffa Nazionale dei Medicinali, il costo della materia prima (ossia il prezzo di vendita della cannabis) era ottenuto per Legge (secondo la Tariffa Nazionale dei Medicamenti) dal Farmacista raddoppiando il prezzo netto di acquisto (privato dell’IVA di acquisto al 22%) e aggiungendo l’IVA dei medicinali (al 10%).

La notizia: è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale n° 127 del 3 giugno 2017 (quindi NON ANCORA IN VIGORE!!!!!!! Lo sarà dal 18 Giugno 2017) l’inserimento nella tariffa Nazionale dei Medicinali la voce “Cannabis infiorescenza 1 grammo 9€“.
Cosa vuol dire? Che il prezzo di 9€ al grammo (IVA inclusa) è il prezzo IMPOSTO e FISSO (a qualsiasi varietà di cannabis, italiana o olandese) a cui il Farmacista dovrà vendere al pubblico, indipendentemente dal prezzo di acquisto da parte del Farmacista.

In altre parole, non importa che il farmacista paghi la cannabis 7-8-9-10€/grammo + IVA 22% (8,54€-9,76€-10,98€-12,2€ IVA inclusa): DEVE OBBLIGATORIAMENTE VENDERLA a 9€ al grammo (IVA 10% inclusa) cioè 8.18€ + IVA 10%.

Con calma, vediamo i vantaggi e gli svantaggi di questo fatto.

VANTAGGI (PRO)

  • I pazienti spenderanno meno perchè calerà il costo della materia prima => minor costo del farmaco galenico finito

SVANTAGGI (CONTRO)

  • col passare del tempo, sarà sempre più difficile trovare farmacie che dispensano cannabis.
  • non ci sarà più la capillarità della distribuzione che si era formata e si stava formando
  • sarà necessario ricercare, con tempo a fatica quelle poche farmacie rimaste a preparare cannabis (magari con motori di ricerca come Cercagalenico.it, che il Ministero della Salute – UCS, considera “propaganda pubblicitaria indiretta”).
  • sarà necessario ricorrere alle importazioni dirette, ma solo se la AUSL è organizzata: addio uniformità sul territorio italiano (a pagamento), addio tempi celeri tramite la farmacia, addio medico di base che può fare la ricetta, addio comodità della farmacia sotto casa.
  • rimarranno le farmacie ospedaliere (quante poche sono ad oggi?) a produrre galenici a base di cannabis, ma solo per quei pazienti che hanno diritto alla rimborsabilità. Chi acquistava cannabis a pagamento, ricade nei punti precedenti.

Una domanda su tutte: perchè ci saranno sempre meno farmacie che preparano cannabis terapeutica?

Certamente i lettori avranno già colto o intuito: si tratta di vendere un farmaco ad un prezzo di vendita più basso di quello di acquisto, ossia sottocosto.
Quale Farmacista (o qualsiasi altro mestiere vi venga in mente) vorrà quindi pagare 10, per vendere a 9?
Da qui, un prevedibile e logico ridimensionamento del numero di farmacie che potranno “decidere” o “permettersi” di sobbarcarsi i costi e continuare la preparazione del farmaco.
Vale la pena ricordare che la Legge prevede che una farmacia debba eseguire una preparazione galenica nel più breve tempo possibile, MA se non è in grado di preparala può rifiutarla dando informazioni sulla farmacia più vicina in grado di eseguire la preparazione (ad esempio, sempre ricorrendo a motori di ricerca come Cercagalenico.it).

Ma è davvero insostenibile la preparazione di un farmaco galenico a base di cannabis con questi prezzi? Non c’è anche l’onorario professionale a “compensare”?

Esempi per chiarire, riprendendo l’elenco iniziale su come è composto il prezzo di un farmaco galenico a base di cannabis.
Attenzione: sono esempi indicativi e possono contenere errori formali o di calcolo. Il lettore/paziente può controllarli utilizzando la Tabella onorario professionale (che per Legge deve essere “ostensibile al pubblico”).

ESEMPIO 1: 30 CARTINE DA 100MG DI FM2 (totale 3 grammi di cannabis)

  1. il prezzo di vendita delle materie prime: 27€
  2. l’onorario professionale (calcolato) del Farmacista: 7,80€
  3. (eventuali) diritti addizionali: 1,55€ (sostanza stupefacente)
  4. (eventuale) costo recipiente: 0-10€

Prezzo finale di vendita (IVA inclusa): 36,35€
Tempo di lavoro (50 secondi a cartina + adempimenti di Legge): 40 minuti circa
Costi acquisto FM2 da parte del Farmacista (IVA inclusa): 27,63€
36,35 – 27,63 = 8,72€, a cui scorporare IVA (per semplicità usiamo 10%) = 7,93€
Nota: per semplicità non sono stati inclusi nel calcolo i costi indiretti e passivi, quali ammortamenti, macchinari, utenze, assicurazioni, ecc..

ESEMPIO 2: 30 CARTINE DA 100MG DI BEDROCAN (totale 3 grammi di cannabis)

  1. il prezzo di vendita delle materie prime: 27€
  2. l’onorario professionale (calcolato) del Farmacista: 7,80€
  3. (eventuali) diritti addizionali: 1,55€ (sostanza stupefacente)
  4. (eventuale) costo recipiente: 0-10€

Prezzo finale di vendita (IVA inclusa): 36,35€
Tempo di lavoro (50 secondi a cartina + adempimenti di Legge): 40 minuti circa
Costi acquisto Bedrocan da parte del Farmacista (IVA inclusa): 32,94€
36,35 – 32,94 = 4,01€, a cui scorporare IVA (per semplicità usiamo 10%) = 3,65€
Nota: per semplicità non sono stati inclusi nel calcolo i costi indiretti e passivi, quali ammortamenti, macchinari, utenze, assicurazioni, ecc..

ESEMPIO 3: 50 ML OLIO DI CANNABIS IN 5G DI FM2

  1. il prezzo di vendita delle materie prime: 45€
  2. l’onorario professionale (calcolato) del Farmacista: 5,91
  3. (eventuali) diritti addizionali: 1,55€ (sostanza stupefacente)
  4. (eventuale) costo recipiente: 0-10€

Prezzo finale di vendita (IVA inclusa): 52,46€
Tempo di lavoro (preparazione olio + adempimenti di Legge): 4 ore circa
Costi acquisto Bedrocan da parte del Farmacista (IVA inclusa): 46,06€
Costi analisi previste dal DM 9/11/15: 40-60€
52,46 – 46,06€ = 6,04€, a cui scorporare IVA (per semplicità usiamo 10%) = 5,49€
Nota: per semplicità non sono stati inclusi nel calcolo i costi indiretti e passivi, quali ammortamenti, macchinari, utenze, assicurazioni, ecc..

ESEMPIO 4: 50 ML OLIO DI CANNABIS IN 5G DI BEDROCAN

  1. il prezzo di vendita delle materie prime: 45€
  2. l’onorario professionale (calcolato) del Farmacista: 5,91€
  3. (eventuali) diritti addizionali: 1,55€ (sostanza stupefacente)
  4. (eventuale) costo recipiente: 0-10€

Prezzo finale di vendita (IVA inclusa): 52,46€
Tempo di lavoro (preparazione olio + adempimenti di Legge): 4 ore circa
Costi acquisto Bedrocan da parte del Farmacista (IVA inclusa): 54,90€
Costi analisi previste dal DM 9/11/15: 40-60€
52,46 – 54,90 = -2,44€ (RICAVO NEGATIVO!)
Nota: per semplicità non sono stati inclusi nel calcolo i costi indiretti e passivi, quali ammortamenti, macchinari, utenze, assicurazioni, ecc..

Quanto costa un Farmacista per 1 ora di lavoro? La risposta è in questo articolo.
Indizio: si parte dai 20€/ora in su…

Diversi pazienti (grazie!) hanno avanzato proposte in seguito alla notizia del costo cannabis a 9€ per trovare una soluzione. Eccone alcune

Cedere i flaconi in quanto tali senza lavorarli: non si può, è illegale (spiegazione precisa in questo articolo).

Acquistare la cannabis in gruppi di farmacie per ridurre spese di spedizione: non è possibile, in quanto ogni singola farmacia ha possibilità di acquistare stupefacenti solo ed esclusivamente per se.

Le farmacie potrebbero importare la cannabis direttamente dall’Olanda bypassando il fornitore italiano: no, non è possibile perchè alle farmacie territoriali NON viene concessa l’autorizzazione all’importazione.

Altre considerazioni?

  • a parità di costo cannabis di vendita (9€/grammo), i pazienti (o medici) potrebbero essere portati a prescrivere la cannabis olandese, già abituati a prescriverla da anni. Perchè dovrebbero passare alla varietà italiana se i costi sono gli stessi?
  • in base al Decreto c.d. Cresci Italia di Monti, gli onorari professionali sono stati aboliti, liberalizzando in questo modo le tariffe. La cosa è quindi valida anche per i Farmacisti che, in tutto questo discorso, possono compensare le perdite.
  • perchè mettere mano SOLO al prezzo della Cannabis della Tariffa dei Medicinali, quando il Ministero avrebbe potuto aggiornare anche gli onorari professionali dei Farmacisti, fermi al 1993 (millenovecentonovantatre), mantenendo un certo equilibrio ed evitando di mettere a rischio l’accesso al farmaco da parte dei pazienti?
  • (curiosità) in America, la cannabis farmaceutica ad uso medico (non ludico) costa sui 15$/grammo.

I Farmacisti sanno quanto è delicato questo tema, come sia facile passare dalla parte del torto in un attimo, diventando loro (i Farmacisti) “approfittatori” o “furbetti” che rialzano (legittimamente) il prezzo di onorari professionali per compensare un calo del costo della materia prima.
Così come si potrebbe accusare il Farmacista che
1. se non prepara più cannabis terapeutica “lo faceva solo perchè ci guadagnava”.
2. se il Farmacista continua a prepararla “allora vuol dire che può permetterselo e va bene così”.
Dovrebbe essere chiaro che si tratta di SOPRAVVIVENZA del SERVIZIO di preparazione di farmaci alla cannabis e che non è speculazione, ma necessità di permettere a Voi pazienti di continuare a rifornirvi della terapia di cui avete bisogno e diritto!

Ulteriori informazioni sulla cannabis ad uso medico possono essere reperite sul sito del Ministero della Salute e dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Per cercare e visualizzare la Farmacie di Farmagalenica in grado di preparare cannabis terapeutica consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina.

Open Day Cannabis Farmaceutico Militare – Resoconto

Resoconto dell’ open day sulla cannabis farmaceutica

Con un po’ di ritardo a seguito di alcuni avvenimenti, Farmagalenica SNC riporta i punti salienti degli interventi che si sono seguiti il 16 Maggio 2017, presso lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, nell'” Open Day Cannabis Farmaceutica”, evento patrocinato dall’Ordine dei medici Chirurghi e degli Odontoiatri e dall’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Firenze.

Per Farmagalenica SNC, era presente il Dr. Marco Ternelli, invitato dallo Stabilimento a partecipare all’evento Open Day Cannabis Farmaceutica.
Il video integrale della giornata è disponibile sul sito di Radio radicale.it, cliccando qui.

Scopo del presente articolo è di permettere al lettore di farsi velocemente una idea dei temi trattati, gli orientamenti, posizioni, ecc…
Per questo motivo, verranno riportati sono gli interventi più salienti di alcuni relatori, lasciando il video precedente al lettore che volesse approfondire ogni singolo passaggio.

Di seguito, la locandina ufficiale della giornata informativa dell’ Open Day Cannabis Farmaceutica:

Open day cannabis medica e prescrizione: locandina ufficiale.

Intervento del Colonnello Antonio Medica (Direttore dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare)

Tra i punti salienti ha sottolineato:

  • Punti forti della cannabis medica prodotta dallo Stabilimento: prodotta in GMP, prezzo ridotto rispetto alle altre varietà, qualità
  • Non erano previste visite alle serre [peccato, ndr.)

Intervento del Dott. Antonio PANTI (Presidente dell’ordine dei medici di Firenze)

Tra i punti salienti ha sottolineato:

  • l’importanza nel ruolo che ha avuto la Toscana a fare da “apripista” con le sue leggi Regionali che sono state in parti riprese nella legge nazionale (DM 9/11/15)
  • che sarebbe bene fosse sempre lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze a produrre anche cannabis ad uso ludico, nel caso in cui dovesse venire legalizzata, alla stregua di quanto avviene in America, dove è prodotta da aziende private. In Italia, sarebbe una occasione che lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze non dovrebbe lasciarsi sfuggire.

Intervento della Dott.ssa Saccardi (in vece del Dott. Tiberio Corona, Direttore Settore Politiche del farmaco e Appropriatezza – Regione Toscana)

Tra i punti salienti ha sottolineato:

  • Scopo dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze è di arrivare ad una produzione sufficiente per il territorio nazionale in modo da essere “autonomi” e non dover più importare cannabis dall’estero.
  • la priorità a destinare la cannabis a chi ne ha davvero bisogno.
  • l’importanza di fare ricerca, libera, svincolata da industrie farmaceutiche, per migliorare sempre più la qualità.

Intervento della Dott.ssa Germana APUZZO (Direttore Ufficio Centrale Stupefacenti – Ministero della Salute)

Tra i punti salienti ha sottolineato:

  • come la cannabis dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze sia l’unica struttura  autorizzata alla coltivazione, trasformazione, distribuzione della cannabis medica.
  • come l’informazione sulla cannabis ad uso medico sia di competenza esclusiva dei siti del Ministero della Salute o dello SCFM di Firenze in quanto nei siti non istituzionali non vi è alcuna garanzia che l’informazione sia corretta
  • l’intenzione, nel 2018, di aggiornate l’allegato tecnico del DM 9/11/15 se ci saranno ulteriori evidenze scientifiche su altre indicazioni terapeutiche
  • che c’è l’intenzione di inserire la cannabis medica nella Tariffa Nazionale dei Medicinali in modo da ridurre il prezzo

Intervento del Prof. Rocco Domenico Mediati (Responsabile Cure palliative e terapia del dolore – Azienda Ospedaliero- Universitaria Careggi)

Tra i punti salienti ha sottolineato:

  • la necessità di avere più formazione, corsi ECM, FAD, ecc.. su indicazioni terapeutiche perchè ritiene ci sia scarsa letteratura su diverse patologie
  • le prescrizioni che effettuano da 2 anni a questa parte sono per il 90% decotto e 10% olio. Nonostante questo, hanno notato come l’olio sia molto più efficace del decotto.
  • come le indicazioni terapeutiche maggiormente utilizzate riguardino il dolore, le cefalee, il campo oncologico e gli spasmi.
  • che la cannabis NON sostituirà mai i farmaci tradizionali (FANS o oppiacei), ma si affiancherà ad essi, come ulteriore “arma” terapeutica.
  • che il 70% dei pazienti da loro seguiti è soddisfatto dei risultati ottenuti con la cannabis terapeutica.

A conclusione dell’articolo, un grandissimo ringraziamento va a tutti i Militari dello Stabilimento per la grandissima Accoglienza, Gentilezza e Sostegno dati al Dr. Marco Ternelli per l’operato svolto.

Ulteriori informazioni sulla cannabis ad uso medico possono essere reperite sul sito del Ministero della Salute e dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Per cercare e visualizzare la Farmacie di Farmagalenica in grado di preparare cannabis terapeutica consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina.

 

Tadalafil (Cialis galenico): farmaco preparato in Farmacia

tadalafil generico cialis galenico farmaco farmacia farmagalenica

Il Cialis® costa tanto, vero. Ma quando uscirà il tadalafil generico, sarà possibile preparare il tadalafil galenico!

Data l’enorme quantità di richieste da parte di tantissimi pazienti, anticipiamo i tempi di qualche mese e vediamo cosa succederà entro la fine del 2017 (autunno probabilmente) quando scadrà il brevetto di un principio attivo utilizzato nella disfunzione erettile: il tadalafil.
N.B.: attualmente alla data del presente articolo, il brevetto del tadalafil NON è ancora scaduto e pertanto non è possibile reperire in farmacia:

  • tadalafil generico (realizzato da industrie farmaceutiche di generici/equivalenti)
  • tadalafil galenico (realizzato dal Farmacista Galenista)

L’articolo verrà prontamente aggiornato quando il brevetto del tadalafil galenico sarà definitivamente scaduto ed impiegabile per la realizzazione di farmaci galenici magistrali.

Cos’è il tadalafil?

Il tadalafil è una molecola appartenente alla categoria degli inibitori della 5 – fosfodiesterasi, un enzima coinvolto nel processo dell’erezione maschile. Si trova in commercio in Italia in farmaci industriali molto noti, come il Cialis® compresse. Appartengono a questa categoria altre molecole molto note quali il sildenafil (il famoso Viagra®) e il verdenafil (il Levitra®).
In realtà il tadalafil è impiegato anche nel trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare con il nome commerciale di Adcirca®: per tale indicazione terapeutica NON scadrà il brevetto d’uso prima di altri anni.

Cosa succederà quando il brevetto del tadalafil sarà scaduto?

Semplicemente sarà possibile per il farmacista realizzare un farmaco galenico a base di tadalafil con tutte le peculiarità del farmaco galenico:

  • possibilità di realizzare un qualsiasi dosaggio (es. 7mg, 11mg, 26mg, ecc…) in modo da soddisfare ogni richiesta terapeutica del Medico.
  • realizzazione di un qualsiasi numero di capsule o compresse: 10/100/1000 a seconda di quanto indicato in ricetta
  • possibilità di realizzare un farmaco senza determinati eccipienti a cui il paziente può essere allergico o intollerante.
  • possibilità di realizzare forme farmaceutiche alternative alle capsule/compresse in caso di necessità speciali o difficoltà di deglutizione (es. tadalafil sciroppo o tadalafil compresse sublinguali)

Certamente, essendo scaduto il brevetto, si assisterà ad un crollo dei prezzi dei farmaci industriali (solitamente almeno del 50% o anche più), e lo stesso accadrà per il tadalafil galenico realizzato dal Farmacista.

Informazioni su effetti collaterali e problematiche del tadalafil galenico?

Come riferimento è possibile leggere qui, anche se riferite alle specialità medicinali: sono riportate avvertenze, effetti collaterali e interazioni.

Non cambierà invece nulla per quanto riguarda il regime di dispensazione: così come è richiesta la ricetta medica ripetibile (valida 6 mesi per 10 confezioni) per i farmaci industriali a base di tadalafil, altrettanto servirà ricetta medica ripetibile per ottenere tadalafil galenico realizzato dal Farmacista.

Per cercare e visualizzare la Farmacie di Farmagalenica in grado di preparare tadalafil galenico in capsule o compresse, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).
NOTA: link non attivo ancora in quanto NON è ancora possibile realizzare il tadalafil generico.

Cannabis terapeutica in Farmacia: carenza Bediol Bedrocan

Carenza Bediol: in arrivo a Ottobre in Italia, ma con dei limiti

Carenza Bediol: in arrivo a Ottobre in Italia, ma con dei limiti

Informazione per i pazienti e Medici che attendono il ritorno della disponibilità della Cannabis sativa infiorescenze femminili essiccate varietà Bediol®: a seguito di comunicazione ufficiale dalla Ditta Bedrocan BV Olandese, si avrà una carenza Bediol fino a Ottobre 2017.
A questa si aggiunge una carenza e/o mancanza di Bedrocan e Bedica che dura da qualche settimana.

AGGIORNAMENTO del 08/05/2017: da indiscrezioni telefoniche, SEMBRA che la carenza Bediol durerà fino a fine Luglio 2017.

Il consiglio è comunque quello di cercare Farmacie (e ce ne sono!) dotate di scorte di cannabis tali da soddisfare le esigenze dei vari malati (almeno nei prossimi mesi): in fondo all’articolo è presente il link al motore di ricerca Cercagalenico.it per le Farmacie di Farmagalenica.
Se non fosse per siti che permettono ricerche del genere, i pazienti sarebbero costretti a interrompere le terapie, con tutti i rischi e pericoli connessi!

E nel caso non si riuscisse, la scelta potrebbe essere di “passare” alla cannabis FM2.
Tenere presente che sarà necessaria una nuova ricetta che riporti specificatamente FM2: in altre parole, con una ricetta che prescrive “cannabis Bediol” NON può essere utilizzata dal Farmacista per dispensare “cannabis FM2” (e viceversa).

-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*

ATTENZIONE: il testo che segue si riferisce ad un articolo scritto a Ottobre 2014 e non è riferito alla attuale carenza Bediol del 2017. Rimane a memoria storica.

Infatti, il problema della carenza Bediol in Italia (e tutta Europa) era dovuto all’esaurimento completo della cannabis nel sito di produzione Olandese. Come osservava il Dr. Ternelli Marco in un’intervista, il punto fondamentale da chiarire era che la nuova produzione di Bediol tenesse conto sia delle normali forniture (da Ottobre in avanti) sia delle forniture accumulate dai pazienti nei mesi in cui questa varietà di Cannabis è stata mancante (Maggio – Settembre).
Così (sembra) non è stato.
In poche parole, attualmente il produttore olandese sta fornendo all’Italia molto meno Bediol di quello richiesto, centellinando le quantità. Ne consegue che alle Farmacie di Farmagalenica sarà consegnata molta meno Cannabis di quella necessaria a soddisfare tutte le attese e nuove prescrizioni.

La “speranza” è che si tratti solo di una prima difficoltà del produttore olandese ad evadere tutti gli ordini accumulati e che, nel giro di poche settimane, possano essere fornita all’Italia e quindi alle Farmacie di Farmagalenica, tutti i quantitativi di Cannabis terapeutica richiesti, senza che si debba di nuovo affrontare una nuova “carenza Bediol”.
Le Farmacie dovranno quindi impostare bene il lavoro di preparazione delle cartine o dell’ olio terapeutico o resina per evitare disagi ai pazienti che da mesi attendono l’arrivo del Bediol.

Per avere tutte le informazioni circa la prescrizione di Cannabis terapeutica legale, acquisto e vendita presso le Farmacie Italiane di Farmagalenica, consultare il post dedicato.

-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*

Ulteriori informazioni sulla cannabis ad uso medico possono essere reperite sul sito del Ministero della Salute e dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Per cercare e visualizzare la Farmacie di Farmagalenica in grado di preparare cannabis terapeutica come il Bediol, Bedrocan o Bedica consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina.

Potassio cloruro compresse farmaco introvabile: con Galenica, si trova

potassio cloruro compresse kclretard farmaco farmacia

Si, le banane contengono potassio, ma solo il Farmacista può preparare potassio cloruro compresse per i pazienti

Sei un paziente che assume potassio cloruro compresse o capsule (es. KCl Retard®, Lentokalium®) e hai scoperto che è diventato introvabile in Farmacia? Non sai come fare a non interrompere o iniziare la terapia che ti ha prescritto il Medico?
Non temere, grazie alla Galenica (cioè la preparazione di Farmaci da parte del Farmacista direttamente nel Laboratorio Galenico della Farmacia) potrai risolvere il problema, ossia far preparare direttamente il potassio cloruro compresse (v. in fondo all’articolo per la lista delle Farmacie in grado di realizzare il farmaco).

Situazione potassio cloruro compresse o capsule in Italia: introvabile e mancante

Nelle ultime settimane, i farmaci industriali a base di potassio cloruro sono reperibili con difficoltà nelle Farmacie industriale o addirittura introvabili e molti pazienti sono spaventati all’idea di dover interrompere la loro terapia (cosa che in alcuni pazienti può essere pericolosa, v. dopo).

In attesa che torni pienamente disponibile, la soluzione è possibile: il Farmacista può realizzare direttamente delle capsule o compresse di potassio cloruro per sopperire alla mancanza del farmaco industriale (KCl Retard®, Lentokalium®)

A cosa serve il farmaco potassio cloruro compresse?

Per maggiori informazioni, mandiamo a questa pagina.

Come richiedere la preparazione galenica di potassio cloruro compresse o capsule?

Premessa fondamentale: i farmaci industriali come il KCl Retard® sono compresse “ritardo” o a “rilascio prolungato”, ossia la compressa dal dosaggio da 600 mg viene (semplificando) “digerita” lentamente rispetto ad una compressa/capsula normale.
Pazienti e Medici devono tenere ben presente questo fatto onde evitare errori di dosaggio o sovradosaggio, con conseguente iperkaliemia.
Normalmente infatti, in farmacia non sono realizzabili forme di compresse o capsule a rilascio prolungato.

Ma la Galenica permette la personalizzazione del dosaggio, per cui è possibile richiede la preparazione di QUALSIASI dosaggio (es. 300mg, 450mg, 600mg, eccetera), mantenendo o diminuendo il numero di dosi assunte giornalmente.

Per ottenere la preparazione galenica a base di potassio cloruro compresse o capsule serve una ricetta ad hoc, ossia NON è possibile realizzare il farmaco con un ricetta che prescriva KCl Retard®, Lentokalium®, ma il Medico dovrà riportare in una ricetta

  • la dose di potassio cloruro (es. 500mg)
  • il numero di capsule o compresse da far preparare (es. 10/100/500 eccetera)
  • la posologia (non è obbligatorio)

Si tratta dunque di una ricetta medica ripetibile valida per un massimo di 10 preparazioni.
A differenza del farmaco industriale che è mutuabile, la preparazione galenica di potassio cloruro compresse o capsule è a pagamento e può essere detratta fiscalmente.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire potassio cloruro compresse o capsule, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

 

TUDCA acido tauroursodesossicolico, farmaco orfano galenico

tudca acido tauroursodesossicolico farmaco orfano farmagalenica

Dove reperire il farmaco orfano l’ acido tauroursodesossicolico o TUDCA per SLA? In FARMACIA GALENICA!

Se stai cercando farmaci a base di acido tauroursodesossicolico (TUDCA), farmaco recentemente dichiarato orfano per la SLA, sappi che lo puoi trovare come farmaco galenico in alcune Farmacie di Farmagalenica.it. “Farmaco galenico” vuol dire farmaco preparato direttamente dal Farmacista nel proprio laboratorio, dove vengono realizzate capsule o compresse a base di acido tauroursodesossicolico (vedi in fondo all’articolo per la lista delle Farmacie aderenti).

Cos’è l’acido tauroursodesossicolico o TUDCA e a cosa serve

L’acido tauroursodesossicolico é un acido biliare prodotto dal fegato, presente fisiologicamente nella bile umana; i farmaci industriali presenti in Italia a base di questo acido (es. Tauro® o Tudcabil®) sono indicati per il trattamento della colelitiasi e della cirrosi biliare.
Tuttavia diversi studi hanno dimostrato l’efficacia dell’acido tauroursodesossicolico nel trattamento sintomatico della SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica).

Acido tauroursodesossicolico e SLA

Il razionale preclinico del TUDCA risiede nelle sue proprietà antiossidanti, immunomodulanti e neuroprotettive, le quali si esplicano a livello del sistema nervoso centrale sia in vivo che in vitro.
Questi effetti in sinergia spiegherebbero l’efficacia del TUDCA nel rallentare la progressione della SLA e del perchè, nel 2017 l’EMA l’ha dichiarato orfano (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25664595 e  http://www.ema.europa.eu/docs/en_GB/document_library/Orphan_designation/2017/03/WC500224880.pdf).
Per approfondire il significato di farmaco orfano, clicca qui.

Da questi studi si evince infatti come il TUDCA contribuisca a rallentare la progressione della malattia sia in monoterapia nei confronti del placebo, sia in associazione con altri Farmaci per la SLA.
La terapia richiede, secondo gli studi condotti, la somministrazione di una dose pari ad 1 grammo di TUDCA due volte al giorno, per un periodo superiore ad un anno.

Come reperire il TUDCA o acido tauroursodesossicolico e perchè il farmaco galenico

Per assumere l’acido tauroursodesossicolico, e possibilità sono

  1. di utilizzare offlabel i (pochi) farmaci industriali disponibili (problemi: uso al di fuori delle indicazioni autorizzate, basso dosaggio, molte compresse da assumere ogni giorno)
  2. richiedere un farmaco galenico personalizzato

I vantaggi derivanti dall’allestimento di un preparato galenico a base di TUDCA realizzato dal Farmacista Galenista sono molteplici:

  • l’allestimento di un preparato con uno specifico dosaggio (es. 500mg o 1g di TUDCA) riducendo quindi il numero di capsule//compresse da assumere ogni giorno.
  • la realizzazione di un quantitativo numerico specifico di capsule /compresse idonee alla durata della terapia (100/500/1000 capsule, data la lunga durata di terapia)
  • l’assenza di sostanze allergizzanti/intolleranti per il paziente (es. lattosio).

Tutto ciò rende la terapia fedelmente personalizzata per il singolo paziente in trattamento.
In laboratorio potranno essere allestite delle capsule per dosaggi inferiori ad 1 grammo di TUDCA, preferendo viceversa, nel caso di dosaggi pari o superiori al grammo, l’allestimento del Farmaco in pratiche compresse dalla più facile deglutizione.

Come assumere acido tauroursodesossicolico e alcuni effetti collaterali

La terapia può determinare degli effetti indesiderati che nella maggior parte dei casi includono diarrea, nausea e vomito, sarà quindi consigliabile assumere il farmaco dopo mangiato. Si sconsiglia inoltre la co-somministrazione con Farmaci che possono compromettere l’assorbimento del TUDCA, quali colestiramina e ossido di alluminio (es. Maalox), in caso di necessità se ne consiglia l’assunzione almeno due ore prima della somministrazione del TUDCA.
Per tutti i dettagli è buona norma chiedere il consiglio al Medico prescrivente o al Farmacista.

La preparazione di compresse o capsule a base di acido tauroursodesossicolico richiede la presentazione di una ricetta medica ripetibile (RR) valida sei mesi fino ad un massimo di dieci volte, che può essere redatta da qualsiasi Medico, generico o specialista.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire capsule o compresse a base di acido tauroursodesossicolico (TUDCA), consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Farmaci dimagranti galenici: situazione 2017

farmaci dimagranti situazione 2017 galenico farmagalenica

Facciamo chiarezza su quali farmaci dimagranti NON è possibile prescrivere

Un post riepilogativo per le preparazioni galeniche a base di farmaci dimagranti in Italia, prescrivibili da Medici e realizzabili da Farmacisti.

Un primo (obsoleto) articolo di Farmagalenica è reperibile a questo indirizzo.
Un secondo articolo di Farmagalenica è invece a quest’altro indirizzo.
Tali articoli rimangono a memoria storica, ma la situazione aggiornata sui farmaci dimagranti galenici al 2017 è riportata di seguito.

Ad oggi, dopo che diversi decreti sono stati emanati (l’ultimo è il DM 31 Marzo 2017) e poi (in parte) bocciati dai TAR, le sostanze di cui alla lista, per realizzare farmaci dimagranti non possono mai essere prescritte per uso dimagrante.

Ad oggi, le sostanze vietate che non possono mai essere prescritte per uso dimagrante (da sole o in associazione tra loro) o anche non ad uso dimagrante se associate tra loro, sono:

Le sostanze vietate che non possono mai essere prescritte per uso dimagrante da sole o in associazione tra loro (ma possono essere prescritte associate se a uso NON dimagrante), sono:

  • sertralina
  • buspirone
  • acido ursodesossicolico
  • pancreatina
  • sinefrina (o oxedrina)
  • acido deidrocolico
  • deanolo-p-acetamido benzoato
  • fenilefrina
  • d-fenilalanina
  • spironolattone
  • L-tiroxina
  • triiodotironina
  • zonisamide
  • naltrexone
  • fluvoxamina
  • idrossizina

E’ stato anche previsto, E FARMAGALENICA LO PROPONEVA GIÀ DUE ANNI FA (che soddisfazione :)) che ogni volta che il medico prescriva una qualsiasi altra sostanza ad uso dimagrante (qualsiasi vuol dire anche l’acqua se per uso dimagrante o una sostanza vegetale come il fucus estratto secco se per uso dimagrante), sulla ricetta medica dovrà:

  1. indicare che la preparazione è ad uso dimagrante
  2. ottenere il consenso informato scritto del paziente al trattamento
  3. specificare le esigenze particolari di trattamento che giustificano il ricorso alla prescrizione estemporanea e le indicazioni d’uso,
  4. indicare un riferimento numerico o alfanumerico che consenta di risalire all’identità del paziente senza riportare le generalità dello stesso

SONO PRESCRIVIBILI senza problemi AD USO DIMAGRANTE: efedrina e pseudoefedrina.

Inoltre, il farmacista dovrà trasmetta mensilmente tali ricette in originale o in copia alla ASL di riferimento (che a sua volta, le invierà al Ministero della salute per le opportune verifiche).
In pratica, si tratta degli adempimenti previsti dagli artt. 4 e 5 della Legge 94/98 (“Di Bella” (la stessa utilizzata per le prescrizioni di cannabis terapeutica).

La seguente tabella ha lo scopo di permettere immediatamente di capire la situazione prescrittiva:

Possibilità prescrittive dei principi attivi
A scopo dimagranteNon a scopo dimagrante
 Metformina, TRIAC,
Buproprione, furosemide,
ecc.. (da soli)
 NON AMMESSOAMMESSO
  Metformina, TRIAC,
Buproprione, furosemide,
ecc.. (associati tra loro)
 NON AMMESSO NON AMMESSO
  Sertralina, buspirone,
pancreatina, sinefrina,
ecc.. (da soli)
 NON AMMESSO AMMESSO
  Sertralina, buspirone,
pancreatina, sinefrina,
ecc.. (associati tra loro)
 NON AMMESSO AMMESSO
 Pseudoefedrina AMMESSO AMMESSO
Fenilpropanolamina
(norefedrina)
 NON AMMESSO NON AMMESSO
Efedrina AMMESSO AMMESSO

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire preparazioni dimagranti secondo le nuove modalità indicate dal Ministero della Salute, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Meldonium in Italia (mildronato): farmaco galenico in Farmacia

meldonium mildronato farmaco galenico italia farmagalenica

Il tuo cuore ha bisogno di meldonium o mildronato? Il Farmacista Galenista può preparartelo!

Se stai cercando come acquistare un farmaco a base di mildronato (o meldonium) per la tua patologia, ma ti sembra impossibile, sappi che può essere preparato come farmaco galenico (cioè preparato direttamente dal Farmacista) presso i laboratori di alcune Farmacie Galeniche di Farmagalenica (vedi in fondo all’articolo per la lista delle Farmacie aderenti).

Che cos’è il meldonium o mildronato e come funziona

Il meldonium diidrato (propionato) è un farmaco ad azione anti-ischemica sviluppato per il trattamento dell’ischemia cardiaca, angina pectoris, cardiomiopatia ischemica e insufficienza cardiaca cronica. Inoltre ha trovato impiego anche nella terapia nell’insufficienza cerebrovascolare acuta e nel recupero dopo disordini circolatori cerebrali e trauma cranico.
Il meldonium (mildronato) agisce regolando il metabolismo energetico abbassando i livelli di L-carnitina, un amminoacido, allo scopo di prevenire l’accumulo di intermedi tossici.

Ma il meldonium è commercializzato in Italia?

Negli anni passati era salito agli onori della cronaca in un famoso caso di doping che aveva coinvolto la tennista Maria Sharapova, poichè si ritiene che il meldonium sia in grado di ridurre la fatica e impedire il riconoscimento dell’uso di EPO (altro doping).
Il meldonium è un farmaco NON venduto in Italia come farmaco industriale, cioè prodotto dall’industria farmaceutica, mentre all’estero si trova in famaci chiamati Mildronate®, Carvecor® e Vasonat®.
Fino ad oggi, quindi, non era possibile utilizzarlo in Italia.
Ma grazie al Farmacista Preparatore ora è possibile ottenere il medicinale, che il Farmacista prepara partendo dalla materia prima purissima e allestendo delle capsule o compresse permettendo ai pazienti di accedere al farmaco.

Il Farmacista infatti può realizzare capsule a qualsiasi dosaggio e in qualsiasi quantità, potendo così creare un farmaco personalizzato per il singolo paziente.

Quali sono i dosaggi e gli effetti collaterali del meldonium o mildronato?

Generalmente il meldonium è ben tollerato e gli effetti collaterali sono rari e di lieve entità. Durante gli studi o nella fase di post-marketing sono stati osservati (come comuni e rari) casi di:

  • reazioni allergiche (solo negli studi clinici)
  • mal di testa (solo negli studi clinici)
  • indigestione (solo negli studi clinici)
  • dermatite allergica, orticaria
  • agitazione, ansia, tremori
  • disturbi del sonno
  • vertigini, andatura anomala
  • alterazioni nella frequenza cardiaca, disturbi del ritmo cardiaco

In letteratura non sono riportati casi di sovradosaggio, tuttavia in caso di assunzione accidentale di un quantitativo eccessivo di meldonium, occorre verificare la funzionalità renale ed epatica.

Il meldonium va assunto ai pasti con abbondante acqua. Dosaggi e posologie sono strettamente individuali e decise dal medico, ma alcuni esempi possono essere:

  • Patologie cardiovascolari (in associazione ad altri farmaci): 500-1000mg in una-due somministrazioni giornaliere per 4-6 settimane.
  • Disturbi cerebrovascolari cronici: 500mg una volta al giorno per 4-6 settimane
  • Stress psico-fisico: 250mg quattro volte al giorno per 10-14 giorni.
  • Sindrome da astinenza nell’alcolismo cronico (in associazione ad altri farmaci): 500mg quattro volte al giorno per 7-10 giorni.

Posto che il farmaco va assunto solo dopo che il medico ha redatto la ricetta medica, la dose va adattata in base alla necessità (la Galenica permette di ottenere qualsiasi dosaggio, come già spiegato), in particolare andrebbe ridotta in pazienti anziani, con moderata insufficienza renale e/o epatica.
Non va utilizzato:

  • in caso di Ipersensibilità al prodotto
  • grave insufficienza renale e/o epatica
  • in pazienti al di sotto dei 18 anni
  • in gravidanza o allattamento

Per ottenere il meldonium (o mildronato) è necessaria una ricetta medica non ripetibile (in quanto doping ad uso orale), valida 30 giorni per una sola volta. Tale ricetta può essere redatta da qualsiasi medico.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire il meldonium o mildronato (capsule o compresse), consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Zinco solfato sciroppo pediatrico, farmaco galenico

zinco solfato sciroppo pediatrico farmacia farmagalenica

Zinco solfato sciroppo per il tuo bimbo? Lo prepara il Farmacista! Che bravo!!

Sei alla ricerca di una preparazione di zinco solfato sciroppo per il tuo bambino che ti ha prescritto il pediatra? Vuoi avere informazioni circa il suo utilizzo ed i possibili effetti indesiderati che può determinare? Sappi che nei laboratori attrezzati delle Farmacie di Farmagalenica.it i Farmacisti preparatori possono allestire uno sciroppo a base di questo principio attivo, con materie prime purissime per ottenere un farmaco sicuro e di qualità (vedi in fondo alla pagina per l’elenco completo delle Farmacie).

 

Cos’è lo zinco solfato sciroppo?

Lo zinco solfato è un sale utilizzato sotto diverse forme farmaceutiche (sciroppo, compresse e lozioni per uso esterno) e per varie indicazioni terapeutiche, dal momento che è coinvolto in svariati processi fisiologici e biochimici. Lo zinco è infatti utilizzato nell’organismo da diversi enzimi coinvolti nella crescita e divisione cellulare, nella regolazione del sistema immunitario ed in proteine scavenger dei radicali liberi.

L’utilizzo di zinco solfato sciroppo viene adoperato prevalentemente in ambito pediatrico, trovando indicazione in caso di:

  • sintomi da carenza di zinco, che può facilmente determinare deficit delle difese immunitarie
  • anemia falciforme, in cui l’integrazione di zinco può favorire la crescita e lo sviluppo osseo
  • acrodermatite enteropatica, una malattia rara causata dalla mutazione di un gene specifico che comporta la riduzione dei livelli di zinco con insorgenza di placche squamose in diverse zone della cute
  • sindrome di Wilson, caratterizzata dall’accumulo epatico e cerebrale di rame. L’integrazione di zinco in questo caso stimola la produzione di metallotioneina, la quale lega il rame e ne favorisce l’eliminazione
  • lesioni cutanee, come coadiuvante dell’azione cicatrizzante.

(confronta per approfondimenti: http://www.unilab.com.ph/assets/product-info/e-zinc.pdf https://www.cambridge.org/core/services/aop-cambridge-core/content/view/23B26245CF0F773E5F1AA19E9800B82B/S0029665100000781a.pdf/zinc-and-the-immune-system.pdf)

Cosa c’entra il Farmacista con lo zinco solfato sciroppo?

Il Farmacista preparatore può realizzare uno sciroppo specifico per ognuna delle indicazioni sopra riportate, garantendo:

  • la preparazione di uno sciroppo con una specifica concentrazione ( Es. 5mg/ml, 1mg/ml etc. etc. etc.);
  • l’aromatizzazione del prodotto, per migliorarne l’assunzione e gradevolezza (es. con aroma di lampone o vaniglia o fragola)
  • la preparazione e l’allestimento di quantità specifiche (es. 50ml, 100ml, 500ml, 1 litro) per tutte le necessità;
  • (volendo) l’assenza di sostanze allergizzanti e assenza di conservanti: il Farmacista può aggiungere un conservante (es. metile p-idrossibenzoato) per aumentare la stabilità e la durata di utilizzo dello sciroppo (fino a 6 mesi di scadenza). Tuttavia lo zinco solfato sciroppo può essere allestito anche senza conservante, ma in questo caso la durata massima di utilizzo sarà di 30 giorni dalla data di preparazione.

Quali sono i dosaggi e le posologie consigliate per lo zinco solfato sciroppo?

Il dosaggio varia in base al tipo di problema ed all’età del paziente e sarà il medico prescrittore ad indicare la giusta posologia per ogni singolo caso.
Bisogna considerare tuttavia che il limite massimo di assunzione di zinco elementare è di 5 mg nei pazienti fino a 12 mesi, fino a raggiungere i 34 mg a 18 anni di età. L’assunzione di quantitativi eccessivi di zinco solfato può determinare sintomi che includono vomito, diarrea e letargia (si veda https://www.drugs.com/dosage/zinc-sulfate.html e http://www.webmd.com/drugs/2/drug-4086/zinc-sulfate-oral/details).
L’assunzione va effettuata a stomaco vuoto, lontano dalla somministrazione di altri Farmaci.

Il Farmacista preparatore fornirà il prodotto in un contenitore ambrato da conservare ad una temperatura compresa tra i 4 e i 15 gradi (in pratica, il frigorifero). Inoltre verranno fornite tutte le indicazioni per il corretto utilizzo del preparato allestito. Per la realizzazione dello sciroppo a base di zinco solfato è necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile, valida sei mesi per un massimo di dieci preparazioni, che può essere redatta da qualsiasi Medico.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire lo zinco solfato sciroppo, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).