Ricetta medica cannabis: istruzioni ed esempi

Last Updated on 28 Settembre 2022 by Dr. Marco Ternelli

Semplificare la vita a Medici e pazienti: pronta da scaricare la ricetta medica cannabis!
Semplificare la vita a Medici e (di conseguenza) a pazienti: pronta da scaricare la ricetta medica cannabis!

Sono molte le richieste da parte di Medici e pazienti sulla ricetta medica cannabis, ossia su come è fatta una ricetta medica che prescrive cannabis medica; per questo, Farmagalenica rende disponibile al download a scopo didattico, diversi esempi di ricette mediche utilizzabili per la prescrizione a pagamento della cannabis terapeutica, con la spiegazione normativa su come debba essere redatta una ricetta medica cannabis, quali adempimenti ulteriori il Medico deve compilare oltre alla ricetta e cosa deve fare operativamente il paziente.

Va innanzitutto detto che la cannabis galenica è un farmaco galenico, ossia preparato dal Farmacista: così come tutti i galenici, purtroppo non c’è una formazione dedicata e continua alla classe Medica su come redigere una ricetta medica, cosa diversa dalla normale prescrizione di farmaci industriali.

Altrettanto, poche farmacie in Italia preparano la cannabis medica (ad. esempio alcune di Farmagalenica), per cui anche avendo una ricetta medica, non è detto sia semplice reperire la preparazione.

Vediamo di fornire tutta l’informazione che serve per la compilazione di una ricetta cannabis medica.

Nozioni generali sulle ricette mediche di cannabis terapeutica

FONDAMENTALE è sapere che:

  1. tutti i facsimile ed esempi presenti, sono relativi alla prescrizione della cannabis terapeutica su ricettario privato del medico (ricetta “bianca”) valida per l’acquisto esclusivamente a pagamento. NON ci sono facsimile per la prescrizione SSN perché attualmente non esiste una unica modalità di prescrizione della cannabis gratuita, ma varia da Regione a Regione (e comunque richiederebbe un ricettario SSN apposito).
  2. la ricetta medica cannabis a pagamento (a carico del paziente) può essere redatta da QUALSIASI medico iscritto all’Ordine dei Medici Italiani: specialista, di base, ospedaliero, eccetera.
  3. all’interno di ogni facsimile e esempio di ricetta, sono riportate anche le istruzioni per la compilazione corretta secondo i dettami della Legge 94/98 (Legge “Di Bella”) e il DM 9 novembre 2015.
  4. non ci sono limiti quantitativi o di durata della terapia: può essere prescritto qualsiasi quantitativo per una durata qualsiasi. Questo perché trattasi di prescrizione a pagamento, mentre nella prescrizione a carico SSN (SSR) le Regioni possono imporre vincoli e limiti (es. massimo 30 giorni di terapia o 3 mesi).

PER CHI HA FRETTA: cosa deve fare il Medico per prescrivere una ricetta cannabis medica?

Il Medico deve fare 3 cose:

  1. acquisire il consenso informato del paziente (ossia spiegare rischi, motivi della terapia, effetti collaterali, ecc…), facendoglielo firmare. Un esempio di consenso informato può essere scaricato in DOCX cliccando qui.
  2. redigere la ricetta medica cannabis sulle base delle indicazioni Ministeriali, utilizzando per semplicità i facsimile e gli esempi disponibili nel paragrafo successivo.
  3. compilare la scheda per la raccolta dei dati dei pazienti trattati, da inviare alla Regione territorialmente competente secondo le indicazioni che le stesse Regioni forniranno (SE le forniranno). Cliccare QUI per scaricare la scheda direttamente.
    Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla seguente pagina sul sito del Ministero della Salute.

A firma del Dr. Marco Ternelli, si rende disponibile al download una scheda riepilogativa sulla Cannabis terapeutica in Italia: farmacologia, legislazione, dosi, consigli, effetti collaterali, indicazioni, …
Clicca su Download per scaricare gratuitamente il PDF.

Quali sono le modalità per la prescrizione di cannabis a pagamento?

Come scritto poco fa, il Medico deve ottenere il consenso informato (scaricalo QUI) dal paziente, MA NON deve necessariamente indicarlo in ricetta: lo scopo è infatti quello di “tutelare” il Medico ed è di sua competenza soltanto, oltre al fatto che renderebbe nulla la privacy della ricetta (perché il consenso informato riporta il nome e cognome del paziente).
Fatto questo compila la ricetta medica cannabis su ricettario privato (ricetta bianca) con i seguenti formalismi:

  • codice NUMERICO o ALFANUMERICO del paziente, NON il nome e cognome o codice fiscale del paziente. La ratio è proteggere la privacy del paziente: solo il Medico prescrittore conosce la reale identità del paziente, associata al codice
  • data di redazione della ricetta medica cannabis
  • timbro (o carta intestata) e firma del medico
  • prescrizione della sostanza incluso il titolo, tra i vari disponibili (es. Cannabis flos 22% THC – 50 mg). L’indicazione del marchio di cannabis AD OGGI (Bedrocan, Bediol, Bedica, FM2, Pedanios, eccetera) è obbligatoria quando non è possibile identificare con certezza una varietà (es. Bediol o FM2); è facoltativa invece, quando non vi è alcun dubbio circa la varietà di cannabis prescritta dal Medico (es. Cannabis 14% si riferisce solo al Bedica).
  • forma farmaceutica: cartine / filtri / bustine / soluzione oleosa / capsule apribili per tisana / tintura / collirio / eccetera
  • il numero di dosi (es. 10 cartine) o la quantità (es. 50 ml)
  • posologia che non è obbligatoria, ma è molto raccomandato che ci sia. Si noti che il DM 9 novembre 2015 ha imposto di indicare la posologia in peso , ma riferendosi SOLO alla Scheda paziente, ergo non è necessario indicare la posologia in peso sulla ricetta.
    È fortemente consigliato, solo ed esclusivamente nel caso di prescrizione di estratti (olio, resine, creme, ecc…) che il medico riporti la posologia in mg di THC o mg di CBD, NON in gocce o ml, lasciando al Farmacista il compito di convertire la dose di THC o CBD nel corrispondente numero di gocce o ml in base al reale contenuto dell’estratto.
  • motivazione della prescrizione o “esigenza di trattamento” (DM 9 novembre 2015), ovvero le esigenze particolari che giustificano il ricorso alla prescrizione estemporanea (es. “mancanza di prodotto industriale”, “trattamento del dolore in paziente resistente a terapie convenzionali”, ecc..), in base a quanto previsto dalla Legge 94/98.
  • età e sesso del paziente [contrariamente a quanto indicato all’inizio, NON vanno indicati in ricetta]

Ogni ricetta medica cannabis ha una validità temporale di 30 giorni escluso quello di redazione e il Farmacista ha l’obbligo (DM 9 novembre 2015) di consegnarne una copia timbrata, datata e firmata dal Farmacista.

Nota: il Farmacista invia mensilmente ogni copia della ricetta medica cannabis all’AUSL. Il Medico non deve inviare nulla.

Dove si possono scaricare dei facsimile ed esempi di ricetta medica cannabis OLANDESE, ITALIANA, CANADESE e ad uso veterinario?

Di seguito, ecco alcuni facsimile (a esclusivo scopo didattico, fatti salvi errori o omissioni) in formato PDF per la prescrizione di infiorescenze ed estratti cannabis della BedrocanBV Olandese, FM2 italiana, Pedanios Canadese Billy Button e Estratti industriali aggiornati al 2022.

Nota: per gli oli di cannabis, il facsimile riporta solo la nuova metodica dell’olio galenico di cannabis standardizzato con metodica Ternelli, ossia a concentrazione di THC o CBD fissa e costante ogni volta (es. 1,0% cioè 10 mg/ml) indipendentemente dalla concentrazione iniziale dell’infiorescenza.

Per effettuare il download è sufficiente cliccare sul PDF sotto.

Per la prescrizione ad uso Veterinario è necessaria una REV(G) secondo le indicazioni di questo articolo.

Dove trovo un Medico che possa redigere una ricetta cannabis medica?

Prima di tutto occorre ricordare che qualsiasi Medico può redigere una ricetta cannabis medica (a pagamento): per questo, anche il medico di base medico di medicina generale) può farla, ma non è obbligato poiché un Medico può prescrivere un farmaco solo se, in scienza e coscienza, ritiene sia necessario al trattamento della patologia del paziente.

Ricorda: un medico non è mai obbligato a prescrivere un farmaco, cannabis o non cannabis.

MT

Non è possibile, per motivi legali, indicare in questo articolo dove e quali Medici prescrivono la cannabis medica in Italia. Possiamo però segnalare:

  • contattare su Cercagalenico.it delle Farmacie che fanno galenica e chiedere, singolarmente, se hanno dei nominativi di Medici o conoscono centri specialistici in cui viene utilizzata la cannabis medica
  • usare Google, Duckduckgo, Bing, Yahoo come motori di ricerca per trovare medici che prescrivono cannabis terapeutica
  • registrarsi su www.letsweed.com e vedere se sono reperibili nominativi di Medici [sito chiuso]
  • chiedere, su Facebook o altri social network, ad altri pazienti

Alcune domande frequenti sulla ricetta cannabis medica

Cosa di intende per “olio di Cannabis”?

Spesso si usa il termine “olio di cannabis” per riferirsi all’estratto alcolico, cioè la resina FECO o RSO (Rick Simpson Oil), ma dal punto di vista farmaceutico, il riferimento corretto è al Cannabis Olive Oil, cioè ad un estratto in olio di oliva. Probabilmente l’errore nasce dal termine americano oil che in italiano è tradotto letteralmente come OLIO, associandolo quindi automaticamente all’olio di oliva, quando in realtà si riferisce alla consistenza della resina alcolica.
Per approfondimenti sull’olio di cannabis, potete leggere l’articolo dedicato.

Qual è la ricetta giusta da scaricare per una patologia oncologica?

Dipende: nel dolore si utilizzano solitamente cartine da vaporizzare o olio di cannabis. Se si vuole utilizzare il Rick Simpson Oil o Full Extract Cannabis Oil, la preparazione consigliata è quella della resina di cannabis in estratto alcolico.
NOTA BENE: leggere molto, molto attentamente questo articolo (e assicurasi di averlo capito bene) prima di scaricare il facsimile.

Dove posso trovare altre informazioni sulla cannabis medica?

Su disponibilità della ditta ACEF (uno degli importatori italiani di Cannabis terapeutica), alleghiamo un PDF esplicativo con molte altre informazioni di carattere tecnico, scientifico e bibliografico.
Inoltre, su gentile concessione del Dr. Marco Ternelli, si rende disponibile al download una scheda riepilogativa sulla Cannabis terapeutica, incluso un escursus sulla variazione dei prezzi della cannabis terapeutica nel corso degli anni.
[sdm_download id=”3741″ fancy=”0″]

Ulteriori informazioni sulla cannabis ad uso medico possono essere reperite sul sito del Ministero della Salute e dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Per ogni altra domanda o dubbio, potete scrivere nei commenti.

Infine, ricordiamo che per conoscere quali sono le Farmacie di Farmagalenica in grado di vendere prodotti a base di Cannabis Sativa L.consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

Subscribe
Notificami

273 Commenti
Più recenti
Più vecchi
Inline Feedbacks
Mostra Tutti i Commenti

Buongiorno, sono un ragazzo di 24 anni e ho l’artirite psoriasica. Vorrei provare la cannabis medica (in aggiunta ai farmaci che prendo) per alleviare dolore, rigidità e stress.
Ho letto su internet che qualsiasi medico può prescriverla a pagamento, però ho paura che nè il medico di famiglia e nè il mio reumatologo siano disposti a farmi la ricetta. In caso mi trovassi in una situazione del genere, ossia nel caso in cui nessuno dei due medici volesse prescrivermela come potrei fare?
Attendo una vostra risposta e vi ringrazio,
Nicolò

Buongiorno, vivo a Roma, ma ho la residenza in Piemonte. Soffro di neuropatia costale e fibromialgia da 15 anni. Come posso fare ? Può prescrivermela il mio medico curante anche se appartengo ad un altra regione, oppure rivolgermi ad un medico qui a Roma?

Buongiorno, sono una ragazza di 38 anni, e purtroppo da novembre mi è espulsa un ernia al disco che mi crea oltre a un dolore esagerato e lancinante, disagio e malessere mentale, attualmente prendo il lyrica 75 e il lenizak 2/3 volte al giorno( ero passata al palexia 50 ma il mio corpo non lo tollera). Onestamente sono stufa di assumere medicine artificiali tutti i giorni da mesi, e volevo chiedere se x la mia situazione è possibile la prescrizione dell’olio di cannabis! Premetto che il nn lenizak mi rende inappetente tant’è che ho perso 7kg in poco più di… Leggi il resto »

Buonasera,

volevo chiedere una precisazione in merito al codice numerico o alfanumerico che il medico deve riportare sulla ricetta bianca (nel caso NON a carico del SSN): questo codice è stabilito arbitrariamente dal medico? E in particolare per la regione liguria, questo codice deve essere trasmesso dal medico al SSN o al Ministero della Salute o a qualche altro ente?

buonasera soffro di fibromialgia da tempo dopo visita dal reomatologo con terapia alterna mi ha anche prescritto degli esiti terapia cannabis ..direttamente esiti dell’ospedale ma non mi ha prescritto la ricetta come posso fare x averla la mia dottoressa di base non sà come si fà sono i piemonte novara potete darmi qualche indicazione grazie

Buonasera dottore,
chiedevo un chiarimento sulla prescrizione su ricettario personale del medico di oleolita di cannabis non a carico del ssn fatta ad un paziente residente in Emilia Romagna: la ricetta può essere fatta su carta bianca oppure è necessaria sempre la ricetta sole? Io non ho trovato riferimenti normativi che propendano per l’una o l’altra soluzione.
grazie per la disponibilità
Cordiali saluti
Lorenza Ferrari

Caro Dott Ternelli, le scrivo per un consiglio: mio padre soffre di PSP, ho letto alcuni forum americani dove è consigliato l’olio per aiutare la mobilità( A full extract of cannabis oil with the approximate ratios of the main cannabinoids of 0.5% CBD, 2% THC, 10% CBDA (cannabidiolic acid), and 7% THCA (tetrahydrocannabinolic acid) (approximately 11 mg/mL of CBD + CBDA and 9 mg/mL of THC + THCA) was prescribed, beginning with 2 sublingual drops at night and doubling the dose on a weekly basis. The oil was acquired by the patient’s family from ABRACE (a non-profit organization founded by… Leggi il resto »

Buonasera sono di Prato e soffro di fibromialgia da anni. Cymbalta e flexiban mavolevo capire se la cannabis poteva farmi stare meglio e a chi dovevo rivolgermi x una prescrizione gratuita se possibile o a pagamento
Grazie x la risposta, cordialità

Buongiorno, sono Alessandro Capurso, purtroppo causa stress e ansia dovuto al lavoro ed una predisposizione dentale (malocclusione in cura con apparecchio ortodoiatrico) soffro di bruxismo e scarsa qualità del sonno oltre che spesso, al risveglio, dolori alle mandibole; Chiedevo se fosse possibile avere un prescrizione anche a basso contenuto di THC avendo provato uso di magnesio, camomilla, esercizio fisico, e volendo escludere l usi di Xanax suggerito dal mio medico curante per ovvie ragioni. Concludo aggiungendo che da quando vaporizzo CBD in fiori acquistati in tabaccheria ho leggermente migliorato in po’ il sonno e la contrattura muscolo facciale. Speranzoso di… Leggi il resto »

273
0
Condividi una riflessione, lascia un commentox