Cannabis sativa (Bedrocan), farmaco galenico in Farmacia

Cannabis pronta per essere lavorata nel Laboratorio della Farmacia

Cannabis (Bedrocan) appena arrivata, pronta per essere preparata nel Laboratorio della Farmacia

IMPORTANTE: dopo aver letto questo articolo, leggere anche le domande frequenti aggiornate al 2017.

Alcune farmacie aderenti a Farmagalenica sono in grado di realizzare farmaci e preparazioni galeniche a base di bedrocan o bediol o bedrobinol bedica o bedrolite o FM2 (Cannabis sativa / indica inflorescenze femminili essiccate) per i medici e pazienti che ne avessero bisogno, nella Sclerosi Multipla, nell’inappetenza, vomito e nausea da chemioterapia o HIV, glaucoma e (in base alla legge Di Bella 94/98) nel trattamento del dolore oncologico, neuropatico e non o (solo se a pagamento) a qualsiasi altra indicazione terapeutica o malattia (es. morbo di Chron, epilessia, fibromialgia, Parkinson, eccetera) di cui sia presente sufficiente letteratura scientifica accreditata.

In quali forme farmaceutiche può essere assunta la cannabis?

Ad oggi, le preparazioni a base di cannabis terapeutica che possono essere realizzate nelle Farmacie Galeniche di Farmagalenica sono:

Infatti, il Ministero della salute con DM 23/01/2013, GU n. 33 del 08/02/2013 ha inserito nella Tabella dei Medicinali, sezione B, i medicinali stupefacenti di origine vegetale a base di Cannabis (sostanze e preparazioni vegetali, inclusi estratti e tinture) con entrata in vigore il 23 febbraio 2013.
Tale decreto conferma la possibilità di utilizzare in terapia, non solo il delta-9-tetraidrocannabinolo o THC, ma anche i composti vegetali che lo contengono (cioè la cannabis).
Non è quindi necessario alcun modulo di importazione dall’estero o autorizzazione, ma la sola ricetta del medico (QUALSIASI MEDICO, di base o specialista).

Quali sono le varietà di cannabis terapeutica utilizzabili in Italia?

Esistono 6 varietà teoricamente utilizzabili:

  • bedrocan: titolato al 19% in THC (Delta-9-tetraidrocannabinolo o dronabinolo) e < 1% in CBD (cannabidiolo) varietà SATIVA
  • bedrobinol: titolato al 12% in THC (Delta-9-tetraidrocannabinolo o dronabinolo) e < 1% in CBD (cannabidiolo) varietà SATIVA
  • bediol: titolato al 6% in THC (Delta-9-tetraidrocannabinolo o dronabinolo) e 7,5% in CBD (cannabidiolo) varietà SATIVA
  • bedrolite: titolato a <0,4% in THC (Delta-9-tetraidrocannabinolo o dronabinolo) e 9% in CBD (cannabidiolo) varietà SATIVA
  • bedica: titolato al 14% in THC (Delta-9-tetraidrocannabinolo o dronabinolo) e < 1% in CBD (cannabidiolo) varietà INDICA
  • FM2 (Istituto Farmaceutico Militare): titolato al 5-8% in THC (Delta-9-tetraidrocannabinolo o dronabinolo) e  7-12% in CBD (cannabidiolo) varietà SATIVA.

Dei 6 preparati vegetali di cannabis sativa, quelli importati attivamente (in ampie quantità) in Italia dai grossisti autorizzati sono il bedrocan, bediol e bedroliteSi consideri inoltre che il costo al grammo delle varietà (a parte FM2) è pressoché identico: ne consegue che essendo il bedrocan quello con il più alto titolo in THC, è sufficiente usarne un quantitativo minore rispetto al bedrobinolbediol. Questo si riflette sul costo finale della preparazione che, a parità di contenuto di THC, ha un prezzo inferiore.
Ovviamente, questo discorso vale se si vuole sfruttare il THC; se è necessario utilizzare il CBD, allora la scelta “obbligata” è per il Bedrolite, essendo quello che ne contiene la quantità più alta a parità di costo. Altrettanto, se si considerano i terpeni presenti, forse si ricorre al Bedrobinol.

Poiché il Bedrocan (e tutte le altre varietà legali di cannabis terapeutica) presente nelle Farmacie viene importato dall’Olanda, i costi di importazione e lavorazione sono mediamente elevati (la spesa è fiscalmente detraibile in quanto medicinale), ma dipendono moltissimo dalla quantità di cannabis richiesta per dose e dal numero di dosi indicate in ricetta.
Parlando di prezzo della cannabis, esso merita un discorso a parte: la cannabis ha un costo basso, fissato per Decreto del 23/3/2017 a 9€ al grammo (+ lavorazioni onorario e spese accessorie).

Quanto costa la cannabis terapeutica di grado farmaceutico?

Questo cosa vuol dire?
Che da un prezzo all’origine della cannabis olandese di circa 8-9€ 6-7€ 5-6€ al grammo, il fornitore italiano vende alle Farmacie ad un prezzo, concordato con il Ministero della Salute, di circa 18-19€/grammo 14-15€/grammo 11-12€/grammo (IVA 22% inclusa). Le Farmacie, in base alla Tariffa Nazionale dei Medicamenti (in vigore dal 1993 e aggiornata al 18 Gugno 2017), sono obbligate a raddoppiare il prezzo di acquisto, e si arriva così ad un prezzo di vendita al pubblico di circa 30-35€ 28-29€ 19-21€ 17-19€/grammo  vendere al costo di 9€/grammo (IVA 10% inclusa); per approfondimenti sul prezzo, leggere questo articolo.

Vuol anche dire che da un prezzo all’origine della cannabis italiana FM2 di 6,88€ + IVA 22% (8.39€) al grammo (prezzo cui l’istituto vende), le Farmacie, in base alla Tariffa Nazionale dei Medicamenti (in vigore dal 1993), sono obbligate a raddoppiare il prezzo di acquisto, e si arriva così ad un prezzo di vendita al pubblico di 15,14€/grammo vendere al costo di 9€/grammo (IVA 10% inclusa); per approfondimenti sulla FM2 leggere questo articolo.

IN LINEA DI MASSIMA, per dare una stima molto approssimativa del costo finale della cannabis OLANDESE, risulta che

  • 30 cartine da 100mg hanno un costo indicativo di circa 118€ 110€ 99€ 89€ 69€ 60€ 30€
  • 30 cartine da 200mg hanno un costo indicativo di circa 222€ 210€ 188€ 175€ 136€ 115€ 60€
  • 30 cartine da 300mg hanno un costo indicativo di circa 330€ 300€ 277€ 265€ 215€ 175€ 105€
  • 30 cartine da 500mg hanno un costo indicativo di circa 540€ 500€ 455€ 435€ 344€ 285€ 165€

Cosa serve per poter acquistare legalmente cannabis terapeutica in Italia?

Dal punto di vista della ricetta medica, è necessaria una Ricetta Non Ripetibile redatta su ricettario privato (“c.d. “ricetta bianca”) prescritta da un medico qualsiasi (neurologo, oncologo, medico di base, medico non specialista, pediatra ecc…) nel rispetto dei formalismi previsti della Legge 94/98 (Legge “Di Bella”).
Per chiarimenti e spiegazioni sulla redazione e compilazione della ricetta e sulle modalità di prescrizione, con possibilità di DOWNLOAD di vari FACSIMILE, fare riferimento a questo post.
Per cercale quali Farmacie di Farmagalenica preparano la cannabis per uso terapeutico, utilizzare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

IMPORTANTE: per Legge, ogni Farmacia che si approvvigiona di cannabis terapeutica non può MAI cedere la cannabis in quanto tale (nei contenitori sigillati da 5 grammi che vedete nella foto di questo post), ma solo dopo averla ripartita nelle dosi indicate dal medico in ricetta.

Le Farmacie non possono dispensare la Cannabis direttamente nei flaconi originali

Le Farmacie non possono dispensare la Cannabis direttamente nei flaconi originali

Ci fossero ancora dei dubbi...

Ci fossero ancora dei dubbi…

Per questo, la Farmacia prepara delle cartine/bustine contenenti la dose indicata dal Medico (es. 100mg), pronte per essere usate per infusione o via inalatoria.
Se la Farmacia a cui il paziente si rivolge, fornisce dosi NON ripartite in cartine/bustine, magari il paziente avrà risparmiato qualcosa, ma dall’altro lato bisogna chiedersi: il Farmacista ha preferito commettere un illecito già una volta; per quale motivo allora dovrebbe essere onesto nel consegnare effettivamente cannabis farmaceutica (Bedrocan, Bediol, ecc…), piuttosto che una mescolanza con cannabis di strada o altro (!), allo scopo di lucrare ulteriormente sulla salute del paziente?

Per anni, nel caso di distribuzione diretta dopo importazione, al paziente sono stati forniti direttamente i barattolini con tappo giallo, con l’indicazione di “comprare una bilancia e farsi le dosi a casa” (…).
Chi perseguiva questa linea, si “giustificava” dicendo che poiché la normativa (DM 11/02/1997) per l’importazione di specialità medicinali non registrate (commercializzate) in Italia, si riferisce appunto a specialità medicinali, motivo per cui la cannabis diventa automaticamente specialità medicinale, ossia prodotto industriale.
Una incredibile magia quindi. Lo stesso identico contenitore, stesso lotto (!!), stessa sostanza, stesso produttore:

  1. se importata per le farmacie va obbligatoriamente ripartita come richiede il RD 1938 (“È vietata la vendita delle sostanze farmaceutiche non in forma e dose di medicamento”), altrimenti scattano sanzioni penali.
  2. se importata per essere distribuita direttamente, allora diventa (??) “specialità medicinale” (termine impreciso) quindi non sconfezionabile quindi non utilizzabile per realizzare cartine e fornita nei barattolini intonsi.

Senonché il Consiglio di Stato (sentenza N. 02934/2015) ha ribadito che (semplificando) anche le specialità medicinali possono essere sconfezionate per la preparazione di galenici. E cade tutta l’impalcatura precedente. Questo è uno dei motivi per cui negli ultimi mesi, molti pazienti che prima ricevevano i barattolini integri, si sono visti fornire le dosi già ripartite.

Consigli del Farmacista per l’uso e l’assunzione della cannabis terapeutica

Al momento della dispensazione del bedrocan, bedrobinol, bedica, bediol o bedrolite, verranno fornite tutte indicazioni (a voce e scritte in un protocollo) necessarie al corretto utilizzo della Cannabis, alla sua conservazione, alla sua preparazione, ecc…
Fondamentalmente, la somministrazione terapeutica viene effettuata o mediante infusione (con metodiche descritte nel protocollo che forniamo) o tramite inalazioni/vaporizzazioni orali (mediante l’utilizzo di dispositivi appositi acquistabili anche in Farmacia) oppure, nel caso dell’olio, per via orale in gocce già pronte all’uso.
La posologia dei derivati della Cannabis è estremamente variabile e dipende da numerosi fattori che concorrono a determinare il dosaggio; tra i fattori più rilevanti vi sono:

  • sesso
  • età e peso del paziente
  • natura della patologia
  • tipo e gravità dei sintomi
  • risposta individuale
  • terapie concomitanti
  • via di somministrazione

In letteratura generalmente la posologia si riferisce al contenuto in milligrammi di THC, pur sapendo che il fitocomplesso comprende altri principi attivi che possono influire sull’effetto farmacologico. I derivati della Cannabis, incluso il bedrocan possono essere somministrati per via orale o inalatoria.
La via orale prevede la preparazione di una tisana da assumere una o più volte durante la giornata.
La via inalatoria prevede l’utilizzo di speciali apparecchi riscaldatori/vaporizzatori  ed una serie di inalazioni ripetute.
La scelta della via di somministrazione influisce notevolmente sulla farmacocinetica e sulla farmacodinamica del farmaco:

  • la via inalatoria comporta un rapido assorbimento dei principi attivi ed una rapida comparsa dell’effetto (circa in 5 minuti). I picchi ematici sono elevati e l’eliminazione rapida.
  • la via orale tramite tisana (decotto), comporta una comparsa degli effetti dopo 30-90 minuti raggiungendo il picco massimo dopo due o tre ore. L’effetto si prolunga per altre 4-6 ore e l’eliminazione è graduale.
  • la via orale tramite olio, comporta una comparsa degli effetti dopo 90-110 minuti raggiungendo il picco massimo dopo due o tre ore. L’effetto si prolunga per altre 6-8 ore e l’eliminazione è graduale.

Nota importante: si raccomanda di non “fumare” il farmaco in quanto la combustione determina una notevole perdita di principi attivi (fino al 40% del THC).
Normalmente la preparazione viene preparata in farmacia entro 24-48 ore, (salvo difficoltà di reperimento della materia prima) ed ha una scadenza (calcolata con parametri stabiliti per legge) di circa 4-5 mesi.

———————

Su gentile concessione del Dr. Marco Ternelli, si rende disponibile al download una scheda riepilogativa sulla Cannabis terapeutica in Italia, incluso un appendice con tabelle di equivalenze tra olio, milligrammi e gocce.

———————

Per informazioni sulla possibilità di avere gratuitamente la cannabis sativa per uso terapeutico, fare riferimento a quest’altro post. Nella maggior parte dei casi, la cannabis terapeutica si paga, ma alcune Regioni permettono di ottenerla gratuitamente: per maggiori informazioni, modalità, indicazioni terapeutiche, ecc.. consultare la sezione apposita Cannabis Mutuabile.

Ulteriori informazioni sulla cannabis ad uso medico possono essere reperite sul sito del Ministero della Salute e dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Miitare di Firenze.

Per sapere quali Farmacie italiane aderenti a Farmagalenica preparano, o sono in grado di preparare, Bedrocan, Bedrobinol, Bedica, Bediol o Bedrolite cannabis sativa e indica, clicca QUI (si apre nuova pagina).

Questo articolo è stato pubblicato in Cannabis, Farmacie e contrassegnato come , da Dr. Marco Ternelli . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Dr. Marco Ternelli

Dr. Marco Ternelli, farmacista appassionato di Galenica, Legislazione Farmaceutica e Farmaci al banco. Autore del blog Farmalegge. Amministratore di Farmagalenica.it, Cercagalenico.it e Preparazionigaleniche.it Nel 2013 si è specializzato in preparazioni galeniche a base di cannabinoidi e cannabis e ha conseguito un Master alla Bedrocan BV nel 2014. Da sempre lavora presso la Farmacia Dr. Ternelli (RE).

561 pensieri su “Cannabis sativa (Bedrocan), farmaco galenico in Farmacia

  1. Ma con l’assunzione ravvicinata del Bedrocan in caso di incidente automobilistico è possibile che che si ravvisi presenza di THC nell’esame ematico?
    Cosa si può fare per impedire l’eventuale procedura giudiziaria.

  2. Salve Dott.Ternelli e complimenti per tutto il lavoro che svolge.
    Volevo sapere più o meno la differenza tra bedrocan e bediol ad esempio per quanta riguarda quali sintomi e malattie curare.
    Nel sesno che l’alto livello di thc del bedrocan può comunque spaventare. Soprattutto per un ansioso hehehh. So veramente curioso.
    Molte grazie e di nuovo complimenti,

    Carlo

    • Salve e grazie.
      In realtà è errato cercare di ricondurre una varietà ad una patologia e un’altra varietà ad un’altra patologia perchè i cannabinoidi presenti in varietà diverse possono essere efficaci sulla stessa patologia.
      Nel suo esempio, il Bedrocan contiene solo THC (22%) mentre il Bediol il 6% di THC e 8% di CBD.
      Va da se che se serve del CBD (come nel caso dell’ansia) è meglio il Bediol.
      Ma forse (sarà il medico a dirlo) andrà ancora meglio il Bedrolite che contiene il 0,4% di THC e 8% CBD (sempre nell’ansia intendo).

      Il THC nell’ansia è controverso: ad alcuni è causa di ansia e agitazione, ad altri calma. Oltre ad una componente individuale, alla varietà di cannabis (es. sativa o indica, per stare sul semplice), conta molto la dose: a basse dosi tende a calmare, mentre ad alte ad agitare.

    • Salve,
      generalmente vedo usare molto o il Bedrocan 22% vaporizzato (in quanto il THC migliora il tono umorale e rilassa) o il Bedica 14% (sempre THC, ma varietà indica e ha effetto meno).
      Sottolineo l’importanza della vaporizzazione anzichè usare le via orale (tipo olio o decotto).

      La cannabis poi è definita NON come cura alla depressione (non è un antidepressivo), ma in grado di migliorare temporaneamente il tono dell’umore.

  3. Sarei interessato anche io, poichè il bediol (oltre ad avere molti effetti positivi) manca di quell’effetto energizzante che aiuta e aumenta gli stimoli (dannata depressione.
    Molte grazie.

  4. Pingback: Farmaci dimagranti galenici: situazione 2017 - Farmagalenica

  5. Buon giorno e grazie per il suo lavoro, in caso di morbo di Crohn che tipologia di Cannabis terapeutica è consigliata e quale assunzione? Grazie in anticipo.

    • Io vedo prescritto di solito varietà ricche di CBD, tipo Bediol/FM2 (che però hanno THC) oppure Bedrolite (solo CBD praticamente). Questo perché il CBD ha attività antiinfiammatoria e ci sono studi osservazionali sul fatto che nel morbo di Crohn dia risultati positivi.
      La via orale è la consigliata (decotto, olio o capsule decarbossilate).

  6. Salve, invece nel caso di paziente con dolore cronico (di tipo reumatologico più coxartrosi al femore) quale tipo di cannabis è più indicato?
    Grazie

    • Per la letteratura scientifica disponibile, solitamente i Medici prescrivono o Bedrocan (solo THC) o Bediol/FM2 (THC e CBD).
      In genere preferiscono quest’ultima perché così sfruttano sia l’attività del THC, del CBD e del loro effetto sinergico.
      Ma non c’è una regola fissa, ogni persona risponde in maniera diversa in base alla propria genetica, farmaci, sesso, età, patologie, ecc…

    • Il Bedrocan, dato che in letteratura è il THC la sostanza principalmente responsabile dell’effetto stimolante l’appetito.
      E il Bedrocan è il più “ricco” di THC. Ovviamente un Medico potrebbe decidere di darle altro (es. Bedrobinol o Bedica) che pure contengono THC ma hanno caratteristiche diverse (a livello di terpeni ed essendo una sativa, l’altra indica).

  7. Buonasera Dott. Ternelli.

    Ho una ricetta del medico per 5 cartine da 100mg (0.5 grammi) di Bedica che la mia farmacia di zona mi farebbe pagare 26 euro per tale quantitativo.
    Discostandosi di molto dai circa 18 euro iva inclusa al grammo riportati in questo sito vorrei sapere come si possa arrivare alla somma di 52 euro per un grammo.

    • Salve,
      come scritto nell’articolo, i prezzi sono indicativi dato che ogni farmacia acquista la cannabis a prezzi diversi. Dal prezzo di acquisto dipende il prezzo finale, quindi se una farmacia acquista a prezzi più alti… l’importo finale sarà più alto.
      Consideri inoltre che per la Tariffa Nazionale dei Medicamenti, oltre al prezzo della cannabis c’è (fortunatamente, è lavoro!) anche un minimo di manodopera e diritti addizionali (6-7€ in tutto per 5 cartine).
      Dipende quindi da Farmacia a Farmacia.

      • Dott.Trenelli grazie per la risposta.
        Mi sono anche interfacciato con i suoi colleghi e collaboratori del suo laboratorio:
        Al momento il prezzo per la preparazione di 5 cartine da 100 mg di Bedica e’ di 16,58 euro. Detraendo i legittimi e contenuti costi di preparazione (fisso) di 5,23€ e gli 0,05€ per le 5 cartine (0,01 per ogni cartina preparata) che applicano le farmacie, si arriva ad una somma di 22,30€ al grammo alla quale aggiungere le somme sopra citate quindi un 30% in più dei più volte menzionati 18-19 euro al grammo.
        Sono somme importanti per la maggior parte delle persone e non rimane che la frustrazione di sottolineare per l ennesima volta lo squallore dello Stato Italiano responsabile per questi prezzi esorbitanti, malafede sottolineata da quella vergogna di FM2 che fanno costare leggermente di meno ma che non regge minimamente il confronto con i prodotti della Bedrocan che a quanto pare vengono importata a 5-7 al grammo.
        Ricordiamoci quando sostenevano a mezzo stampa che avrebbero fatto meglio degli olandesi perché noi siamo “itagliani”.
        Che qualche giornalista serio verifichi la costituzionalità di una triplicazione del prezzo a fronte del diritto oggettivo della libertà di cura e soprattutto la costituzionalità dell aver elargito solo a se stesso (EI) la possibilità di coltivazione.

  8. QUANTE STORIE PER UNA COSA NATURALE E PRODIGIOSA,
    MA PER LA CHIMICA MALEDETTA TUTTO DIVENTA PIU’ FACILE!
    MON DIEU.
    CHE TRISTEZZA.

    CIAO
    tommaso di ciaula

  9. Buona sera, mi sono rivolto all’Ausl di appartenenza,FG per prendere il modulo per la richiesta del piano terapeutico della cannabis e farlo rientrare nel SSN ma non mi hanno saputo dare risposta, su internet non riesco a trovarne, come posso fare? Grazie

  10. Buonasera,io ho la fibromialgia e vorrei sapere a chi mi potrei rivolgere per sapere quanta cannabis dovrei prendere per curarmi . Sarei disposta ad andare in qualsiasi parte del territorio nazionale. Grazie

  11. Buonasera Dottore,

    Mi auguro di non sembrare superficiale o non adatto data la gravità di alcuni casi qui esposti.

    Soffro di emicrania pulsante lato sinistro ed eccezionalmente di emicrania alla base destra del collo fino allorecchio. la frequrnza dellemicranua pulsante è di 1 o 2 volte alla settimana, a volte leggera, a volte con ipersensibilità alla luce e rumori e odori fini ad avere la bocca con saliva densa tipica del pre-vomito. Uso i classici ibuprufene, paracetamolo o momentdol etc ma mi creano forti disturbi allo stomaco e ultimamente ho vomitato dopo la loro assunzione (dopo circa 45 mins). Ho chiesto al mio medico di base se mi prescrive del Bedrocan, ma non conosce la materia

    Le chiedo:

    se ha qualche esperienza simile con effetti utili o lettetatura scientifica valida,

    se tra Padova e Vicenza ci sono medici in grado di prescrove il farmaco per queste motivazioni.

    Cordialmente e grazie per la Sua presa di posizione

    • Salve,
      vedo diverse prescrizioni di centri specializzati in emicrania che usano la cannabis e certamente il Bedrocan è uno dei più prescritti, ma non è l’unico (dipende dal tipo e dall’origine dell’emicrania).
      Sul sito non gestiamo rapporti con Medici, mi scriva alla mia email ce trova nella sezione contatti e vedo se posso aiutarla.

      • Dottore potrebbe vedere se in provincia di Venezia c’è qualche medico che cura la cefalea cronica con il Bedrocan? Mia mamma si imbottisce di difmetrè ogni giorno da anni…grazie!
        I

  12. Buongiorno Dottore,
    posso chiederle se c’è della letteratura scientifica accessibile relativa all’uso di cannabis su pazienti con morbo di Parkinson? Se potesse indicarmi degli studi o articoli le sarei molto grata.. Il medico che segue mio padre, nonostante non sia contrario all’utilizzo, non sa da che parte iniziare.
    Grazie infinite

  13. Buongiorno dottore, e complimenti per il suo lavoro, encomiabile. Vorrei chiederle quale tipologia di prodotto vede più adatto per una emicrania persistente e molto dolorosa. Sono una donna di 50 anni, in pre-menopausa e di ca 80 kg. Grazie e cordiali saluti.

    • La ringrazio infinitamente, pensi che “lassù” al Ministero vogliono far chiudere siti come questo.

      Per quella patologia (posto che è il Medico a decidere e prescrivere) io vedo diverse prescrizioni che danno Bedrocan (se troppo psicotropo il Bediol) solitamente vaporizzato al momento dell’attacco (ma la cui durata è di un paio d’ore).
      Se invece il dolore è duraturo, somministrano l’olio (il cui effetto dura diverse ore).

  14. Buongiorno, vorrei utilizzare la cannabis per un glioblastoma che potrebbe riformarsi (dopo aver subito un intervento chirurgico di asportazione) che tipo mi consiglia e con quali concentrazioni? Grazie

    • Salve,
      posto che in questo campo non ci sono studi definitivi, ma sono in corso (e comunque tutti in vitro o su piccoli modelli sperimentali), quello che si predilige è il CBD in altissime concentrazioni,.
      Per ottenerlo è necessaria una resina ottenuta dal Bedrolite (ricco in CBD) che permette di concentrare moltissimo il CBD e da assumere a dosi crescenti col tempo.

  15. Buongiorno,
    Ho iniziato una cura a base di Bedica con ricetta per preparazione galenica.Sono di Roma e non trovando farmacie che ne disponessero mi sono rivolto,dopo ricerche, ad una farmacia del nord Italia.
    Ho due domande:

    Approfondendo la ricerca sull argomento, sul vademecum di questo sito ho letto che il medico prescrivente oltre a conservare il foglio dove il paziente firma il consenso informato, deve inviare alla regione la “scheda paziente per il progetto pilota” alla regione di appartenenza (il link del modulo presente nel sito non mi risulta raggiungibile e con l occasione chiedo informazioni dove trovarlo).
    Ebbene questo ancora non è stato fatto e vorrei sapere in cosa il medico incorra, se si possa fare in un secondo momento e se debba essere inviato ogni volta che il farmaco viene prescritto.

    La seconda domanda è relativa alla spedizione: è normale che un farmaco classificato come stupefacente possa essere inviato tramite un corriere espresso di fama nazionale utilizzato principalmente per ragioni commerciali invece di ditte specializzate al recapito dei farmaci a domicilio?

    Grazie.

  16. gentile dott. Ternelli le scrivo per conto della mia cara anziana mamma 85 anni.
    Da un anno e qualche mese soffre è di nevralgia del trigemino.Un anno di innumerevoli tentativi di risoluzione. Niente….oggi il dolore persiste. La nostra regioneè il Veneto. Per la sua esperienza crede che la cannabis possa essere di aiuto? Le posso chiedere anxhe se conosce lo o gli specialisti che la conoscono e la prescrivono?
    Grazie molte e buon preziosissimo lavoro! Emanuela

    • Ho letto in diverse pubblicazioni che il trattamento Cyberknife e’ considerato un trattamento non invasivo per la nevralgia del trigemino.
      Magari puo’ essere anche utile a sua mamma…in bocca al lupo!

    • Salve, nel dolore al trigemino la cannabis si è spesso dimostrata molto efficace, specie le varietà ricche di THC.
      Tant’è che appena divenuta legale, era prescrivibile solo da neurologi.
      Ora qualsiasi medico può fare la prescrizione (anche non specialista, un medico di base, ecc…), ma se ha richieste mi può scrivere alla mia email che trova nella sezione contatti.

  17. Buongiorno dottore ho la sm, pieno di dolori in tutto il corpo, e il mio neurologo, dopo tutti i medicinali che ho preso, e non ho avuto benefici ma solo strordimento, ora mi ha prescritto il bedrocan, a decotto, secondo lei assumendolo potrei vedere qualche miglioramento contro i dolori, cordiali saluti

    • Salve,
      si, per la SM la cannabis si è dimostrata spesso efficace. Il “problema” è il dosaggio, cioè che molti medici danno dosaggi già bassi di per se; con il decotto, poi, c’è una minima estrazione dei principi attivi.
      Che dosaggio di cannabis le hanno dato?
      Consideri comunque che i primi effetti li potrà vedere nel giro di 8-12 giorni,

  18. BUONGIORNO DOTTORE,
    da circa 2 mesi e mezzo prendo l’FM2, 15 gg al mattino e 15 la sera. La prima boccetta di olio l”ho comprata a firenze la seconda da farmacia vicina e posso venire a ritirarla.
    Vorrei chiederle se è possibile che dalla prima alla seconda confezione ci sia differenza o come continuare con la stessa cosa
    grazie

    • Salve, potenzialmente è possibile che ci sia qualche differenza dovuta al grado di decarbossilazione: la cosa è risolvibile confrontando i valori di THC e CBD riportati in etichetta (quella della prima farmacia e la seconda).
      Se mi dice i 2 valori, le posso dire come “aggiustare” il dosaggio con il numero di gocce equivalenti.
      Di preciso, che differenze ha notato?

      • quantirà totale 99,32g S. 107,02 O. 28.00
        A 1,55 R.1.50
        OLIO DI OLIVA 0,913G BHT 0.0002 GRAMMI VIT E ACETATO LIQ E307 0,01G CANNABIS FM2 0.07G
        QUESTA LA FARMACIA DI FIRENZE
        NON VEDO LE INDICAZIONI COME NELLA SUA ETICHETTA

        • Beh, non ci sono altri dati? Qui non sono riportati i valori di THC e CBD.
          Mi perplime il costo delle sostanze (S.. 107.02€) perchè l’FM2 ha un costo fisso.. ed è più basso (anche aggiungendo Vitamina E e BHT).

          Comunque ripeto, mancano le analisi sul THC e CBD. Forse le hanno dato un foglio a parte?
          Ma per sapere, si trova meglio o peggio con quella di Firenze?

          • no mi sento meglio con la sua ed è per questo che vorrei capire cosa c’è di diverso o se è solo una mia sensazione
            grazie
            provo a cercare il foglio che c’era allegato nel pacco

  19. Pingback: Costo cannabis terapeutica: 9€ al grammo pro e contro - Farmagalenica

  20. informazioni esaustive, corrette, e principalmente professionali. Oltre a voler chiudere siti come questo, appare chiaro la determinazione di limitare o far finire la galenica in farmacia. Scatolette ombrelli, scarpe e altro sempre più market. cordialmente Francesco Russo collega e amico di Renzo Farmacia Malcontenta

  21. 50 grammi, dottore, lo porto in ebolizzione, poi gli aggiungo un cucchiaino di latte, lo lascio raffreddare, e lo bevo, e giusto come faccio.grazie, cordiali saluti

  22. Mi scusi solo una piccola domanda. .sono aver portato a bollore il bedrocan …io l’ ho sempre fatto continuare a bollire per 20 minuti…e poi aggiungo il latte per altri 15…e’ sbagliato il procedimento? Devo abbassare la fiamma o tenerla sempre alta…ho potuto fare dei danni a tenere la fiamma alta per 20 minuti?

    • No, non è sbagliato.
      La fiamma va alta, ma stia ASSOLUTAMENTE tranquillo. Potrebbe anche far bollire per 40 minuti che non succederebbe nulla di male: alla temperatura di ebollizione dell’acqua (circa 98°C) i componenti della cannabis non si degradano.

  23. Gent.mo dott. Ternelli,

    la contatto per un parere.
    Da circa 4 mesi sto assumendo il bedrocan in forma di olio, prescrittomi dal medico per dolore neuropatico (fortissime fitte all’altezza del colon sinistro che ormai non mi permettono di avere una vita normale).
    Ho iniziato con 3 gocce al giorno, per poi incrementare di una al dì e poi assumere la dose due volte al giorno. Da qualche giorno mi sono attestato sulle sessanta gocce al giorno, divise in due momenti a circa otto ore l’uno dall’altro. Non vedo nessun beneficio. È possibile? Da due giorni ho interrotto l’assunzione per sperimentare un eventuale aumento di dolore, che però non c’è stato. Il mio medico è molto bravo ma non ha conoscenze in merito e io mi ritrovo un po’ allo sbando a fare tentativi grossolani ed artigianali. Le sembra possibile che un dosaggio di sessanta gocce di bedrocan 22% al giorno siano del tutto inefficaci? Che ne pensa?
    La ringrazio e mi complimento per il suo lavoro e la sua disponibilità.

    Cordiali saluti

    • Salve,
      60 gocce possono essere un nulla in certi casi, data l’enorme variabilità.
      Ma ancora di più conta una cosa: COME E’ FATTO L’OLIO, cioè quanto THC e THCA contiene. La farmacia DEVE averle dato in etichetta o in un foglio, le analisi con il contenuto.
      Mi deve dire quello per dirle come è messo.
      Perchè 60 gocce di un olio a 1mg THC/ml, vuol dire che sta assumendo circa 2 mg di THC (pochissimi, ecco perchè non funziona)…
      Mi faccia sapere.

      • Gentilissimo dr. Tornelli,

        le analisi parlano di 1.900 mg/mL di THC
        CBD: N.D. (W/B)

        Se fosse necessario potrei inviare il documento ad una mail.

        Grazie per la sua risposta. Che ne pensa?

        • Salve, quelli sono 1,9 mg di THC per ml, ossia 0,19%.
          Concentrazione bassissima, ecco perché non vede risultati apprezzabili. Riprendendo il suo caso di prima, lei sta assumendo, con 60 gocce, circa 4 mg di THC.

          Per farle un esempio, normalmente l’olio che preparo è sui 10 mg/ml di THC (ossia 1%). se assumesse 60 gocce, introdurrebbe 20 mg THC/ml.

          In sostanza, deve aumentare di parecchio le gocce, o meglio, gli ML (usando una siringa magari).

  24. Buongiorno dottore , sono 2 mesi che prendo il bedrocan decotto, la farmacia dell’ospedale mi ha detto tempo di ebolizione solo15 min, lo prendo tutte le sere 1 cartina da50 mg, ho la sclerosi multipla e la fibromialgia pieno di dolori in tutto il corpo, ma almomento nessun beneficio mi puo dare un consiglio lei, magari sbaglio io nella oreparazione.grazie cordiali saluti.

  25. Ok dottore seguiro qusta procedura che mi ha mandato lei solo una cosa il coperchio lo metto subito, ho dopo che e’andata in ebollizione, cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *