Noritren introvabile, nortriptilina galenico in Farmacia

noritren introvabile farmaco galenico farmacia

Noritren introvabile? Ma tranquilli! Il Farmacista Galenista prepara la nortriptilina e si trova!

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente saprai che il Noritren introvabile, a seguito di cessazione della produzione (temporanea) da parte della Ditta produttrice. Dall’inizio del 2017, infatti, il noritren introvabile è letteralmente sparito dalla circolazione lasciando moltissimi pazienti a cercare disperatamente le ultime scatole rimaste, che sono esaurite in breve tempo.
Fortunatamente, alcune Farmacie di Farmagalenica sono in grado di realizzare il farmaco Noritren introvabile galenicamente, ossia utilizzando la materia prima nortriptilina cloridrato e realizzando capsule sostitutive del Noritren… e non solo (v. lista farmacie in fondo all’articolo).

 

Questo significa che i pazienti possono ottenere il farmaco direttamente in Farmacie Italiane, senza bisogno di importare il Noritren dall’estero (non sempre possibile e disponibile); inoltre è possibile richiedere la preparazione in qualche giorno, senza dover aspettare mesi o settimane per l’importazione.

Il Noritren contiene nortriptilina cloridrato. Cos’è?

La nortriptilina è un noto ed antico principio attivo appartenete alla classe degli antidepressivi triciclici. Essa inibisce il riassorbimento (reuptake) di noradrenalina ed in piccola parte serotonina. Le diverse azioni farmacologiche attuate dalla nortriptilina ne garantiscono l’utilizzo nel trattamento della depressione maggiore ed anche nella disassuefazione dal fumo di sigaretta.

Il Noritren introvabile da inizio 2017. Come il Farmacista Galenista può risolvere il problema?

Come anticipato, il Farmacista Preparatore può allestire diverse formulazioni a base di nortriptilina in capsule (o compresse) ma in in sciroppo, capsule e soluzione orale), garantendo notevoli vantaggi al paziente quali:

  • realizzazione di un farmaco attualmente non reperibile in commercio
  • possibilità di continuare e non interrompere terapie in atto
  • allestimento di un farmaco utilizzabile anche in caso di problemi legati alla deglutizione (es. sciroppo)
  • preparazione di un quantitativo personalizzato di farmaco (es. 10, 50, 100, 300 capsule ecc…)
  • la possibilità di associare la nortriptilina con altri principi attivi nella stessa capsula o soluzione liquida (es. con il gabapentin o la flufenazina, nel trattamento del dolore neuropatico)
  • possibilità di escludere sostanze allergizzanti o intolleranti per il paziente (Es. lattosio)
  • possibilità di avere un dosaggio specifico e personalizzato secondo le esigenze del paziente (si possono allestire i classici 10 o 25mg, ma anche esempio 13mg, 30mg, 18,5mg, ecc…

Ci sono avvertenze particolari per la nortriptilina?

La nortriptilina, sia formulata in capsule che in soluzione orale risulta essere controindicata per uso pediatrico.
Lo sciroppo di Noritren introvabile può essere utile in pazienti che presentano difficoltà nella deglutizione e può essere aromatizzata su richiesta del paziente. Quest’ultima contiene una piccola percentuale di alcol, da tener presente in particolar modo nei pazienti epatopatici (http://www.rxlist.com/nortriptyline-hydrochloride-oral-solution-drug.htm)

Il Farmacista informerà il paziente sui possibili effetti indesiderati del Farmaco, che includono: stipsi, tremore, difficoltà nella minzione, tachicardia, cefalea etc. etc.
Va prestata attenzione se si assumo altri farmaci quali antimicotici, antistaminici, barbiturici etc, la cui cosomministrazione con la nortriptilina è assolutamente controindicata.

Quali sono la posologia e la modalità d’uso della nortriptilina?

La posologia della nortritptilina, nel trattamento degli episodi di depressione maggiore, varia da paziente a paziente ed il dosaggio andrà concordato col medico specialista. È sempre consigliabile iniziare il trattamento con un dosaggio basso (magari facendo preparare della capsule a dosaggio personalizzato, dato che NON è possibile dividere le capsule), aumentandolo gradualmente fino al raggiungimento dell’effetto terapeutico desiderato. Anche in questo caso l’utilizzo di un dosaggio personalizzato del Farmaco renderà la terapia più efficiente, riducendo allo stesso tempo il rischio di effetti avversi.
Altre informazioni su effetti collaterali si possono trovare qui.

Nel trattamento della disassuefazione dal fumo l’efficacia terapeutica della nortriptilina è stata raggiunta con dosaggi pari a 75-100 mg al dì (si veda https://academic.oup.com/ntr/article-abstract/7/4/491/1052617/Nortriptyline-for-Smoking-Cessation-A-Review?redirectedFrom=fulltext)

Ora che il Noritren introvabile, per richiedere l’allestimento di un farmaco galenico (in capsule, compresse o in soluzione) a base di nortriptilina cloridrato, è necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile ad hoc, valida sei mesi dalla data di prescrizione per un massimo di dieci dispensazioni.
Una ricetta che riporti “Noritren compresse” NON è valida per ottenere il farmaco galenico a base di nortriptilina (e viceversa): serve una ricetta che specifichi la sostanza, il dosaggio e la quantità di capsule da allestire. Maggiori informazioni possono essere richiesti direttamente alla Farmacia.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire un farmaco a base di nortriptilina cloridrato, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Tadalafil (Cialis galenico): farmaco preparato in Farmacia

tadalafil generico cialis galenico farmaco farmacia farmagalenica

Il Cialis® costa tanto, vero. Ma quando uscirà il tadalafil generico, sarà possibile preparare il tadalafil galenico!

Data l’enorme quantità di richieste da parte di tantissimi pazienti, anticipiamo i tempi di qualche mese e vediamo cosa succederà entro la fine del 2017 (autunno probabilmente) quando scadrà il brevetto di un principio attivo utilizzato nella disfunzione erettile: il tadalafil.
N.B.: attualmente alla data del presente articolo, il brevetto del tadalafil NON è ancora scaduto e pertanto non è possibile reperire in farmacia:

  • tadalafil generico (realizzato da industrie farmaceutiche di generici/equivalenti)
  • tadalafil galenico (realizzato dal Farmacista Galenista)

L’articolo verrà prontamente aggiornato quando il brevetto del tadalafil galenico sarà definitivamente scaduto ed impiegabile per la realizzazione di farmaci galenici magistrali.

Cos’è il tadalafil?

Il tadalafil è una molecola appartenente alla categoria degli inibitori della 5 – fosfodiesterasi, un enzima coinvolto nel processo dell’erezione maschile. Si trova in commercio in Italia in farmaci industriali molto noti, come il Cialis® compresse. Appartengono a questa categoria altre molecole molto note quali il sildenafil (il famoso Viagra®) e il verdenafil (il Levitra®).
In realtà il tadalafil è impiegato anche nel trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare con il nome commerciale di Adcirca®: per tale indicazione terapeutica NON scadrà il brevetto d’uso prima di altri anni.

Cosa succederà quando il brevetto del tadalafil sarà scaduto?

Semplicemente sarà possibile per il farmacista realizzare un farmaco galenico a base di tadalafil con tutte le peculiarità del farmaco galenico:

  • possibilità di realizzare un qualsiasi dosaggio (es. 7mg, 11mg, 26mg, ecc…) in modo da soddisfare ogni richiesta terapeutica del Medico.
  • realizzazione di un qualsiasi numero di capsule o compresse: 10/100/1000 a seconda di quanto indicato in ricetta
  • possibilità di realizzare un farmaco senza determinati eccipienti a cui il paziente può essere allergico o intollerante.
  • possibilità di realizzare forme farmaceutiche alternative alle capsule/compresse in caso di necessità speciali o difficoltà di deglutizione (es. tadalafil sciroppo o tadalafil compresse sublinguali)

Certamente, essendo scaduto il brevetto, si assisterà ad un crollo dei prezzi dei farmaci industriali (solitamente almeno del 50% o anche più), e lo stesso accadrà per il tadalafil galenico realizzato dal Farmacista.

Informazioni su effetti collaterali e problematiche del tadalafil galenico?

Come riferimento è possibile leggere qui, anche se riferite alle specialità medicinali: sono riportate avvertenze, effetti collaterali e interazioni.

Non cambierà invece nulla per quanto riguarda il regime di dispensazione: così come è richiesta la ricetta medica ripetibile (valida 6 mesi per 10 confezioni) per i farmaci industriali a base di tadalafil, altrettanto servirà ricetta medica ripetibile per ottenere tadalafil galenico realizzato dal Farmacista.

Per cercare e visualizzare la Farmacie di Farmagalenica in grado di preparare tadalafil galenico in capsule o compresse, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).
NOTA: link non attivo ancora in quanto NON è ancora possibile realizzare il tadalafil generico.

Potassio cloruro compresse farmaco introvabile: con Galenica, si trova

potassio cloruro compresse kclretard farmaco farmacia

Si, le banane contengono potassio, ma solo il Farmacista può preparare potassio cloruro compresse per i pazienti

Sei un paziente che assume potassio cloruro compresse o capsule (es. KCl Retard®, Lentokalium®) e hai scoperto che è diventato introvabile in Farmacia? Non sai come fare a non interrompere o iniziare la terapia che ti ha prescritto il Medico?
Non temere, grazie alla Galenica (cioè la preparazione di Farmaci da parte del Farmacista direttamente nel Laboratorio Galenico della Farmacia) potrai risolvere il problema, ossia far preparare direttamente il potassio cloruro compresse (v. in fondo all’articolo per la lista delle Farmacie in grado di realizzare il farmaco).

Situazione potassio cloruro compresse o capsule in Italia: introvabile e mancante

Nelle ultime settimane, i farmaci industriali a base di potassio cloruro sono reperibili con difficoltà nelle Farmacie industriale o addirittura introvabili e molti pazienti sono spaventati all’idea di dover interrompere la loro terapia (cosa che in alcuni pazienti può essere pericolosa, v. dopo).

In attesa che torni pienamente disponibile, la soluzione è possibile: il Farmacista può realizzare direttamente delle capsule o compresse di potassio cloruro per sopperire alla mancanza del farmaco industriale (KCl Retard®, Lentokalium®)

A cosa serve il farmaco potassio cloruro compresse?

Per maggiori informazioni, mandiamo a questa pagina.

Come richiedere la preparazione galenica di potassio cloruro compresse o capsule?

Premessa fondamentale: i farmaci industriali come il KCl Retard® sono compresse “ritardo” o a “rilascio prolungato”, ossia la compressa dal dosaggio da 600 mg viene (semplificando) “digerita” lentamente rispetto ad una compressa/capsula normale.
Pazienti e Medici devono tenere ben presente questo fatto onde evitare errori di dosaggio o sovradosaggio, con conseguente iperkaliemia.
Normalmente infatti, in farmacia non sono realizzabili forme di compresse o capsule a rilascio prolungato.

Ma la Galenica permette la personalizzazione del dosaggio, per cui è possibile richiede la preparazione di QUALSIASI dosaggio (es. 300mg, 450mg, 600mg, eccetera), mantenendo o diminuendo il numero di dosi assunte giornalmente.

Per ottenere la preparazione galenica a base di potassio cloruro compresse o capsule serve una ricetta ad hoc, ossia NON è possibile realizzare il farmaco con un ricetta che prescriva KCl Retard®, Lentokalium®, ma il Medico dovrà riportare in una ricetta

  • la dose di potassio cloruro (es. 500mg)
  • il numero di capsule o compresse da far preparare (es. 10/100/500 eccetera)
  • la posologia (non è obbligatorio)

Si tratta dunque di una ricetta medica ripetibile valida per un massimo di 10 preparazioni.
A differenza del farmaco industriale che è mutuabile, la preparazione galenica di potassio cloruro compresse o capsule è a pagamento e può essere detratta fiscalmente.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire potassio cloruro compresse o capsule, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

 

TUDCA acido tauroursodesossicolico, farmaco orfano galenico

tudca acido tauroursodesossicolico farmaco orfano farmagalenica

Dove reperire il farmaco orfano l’ acido tauroursodesossicolico o TUDCA per SLA? In FARMACIA GALENICA!

Se stai cercando farmaci a base di acido tauroursodesossicolico (TUDCA), farmaco recentemente dichiarato orfano per la SLA, sappi che lo puoi trovare come farmaco galenico in alcune Farmacie di Farmagalenica.it. “Farmaco galenico” vuol dire farmaco preparato direttamente dal Farmacista nel proprio laboratorio, dove vengono realizzate capsule o compresse a base di acido tauroursodesossicolico (vedi in fondo all’articolo per la lista delle Farmacie aderenti).

Cos’è l’acido tauroursodesossicolico o TUDCA e a cosa serve

L’acido tauroursodesossicolico é un acido biliare prodotto dal fegato, presente fisiologicamente nella bile umana; i farmaci industriali presenti in Italia a base di questo acido (es. Tauro® o Tudcabil®) sono indicati per il trattamento della colelitiasi e della cirrosi biliare.
Tuttavia diversi studi hanno dimostrato l’efficacia dell’acido tauroursodesossicolico nel trattamento sintomatico della SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica).

Acido tauroursodesossicolico e SLA

Il razionale preclinico del TUDCA risiede nelle sue proprietà antiossidanti, immunomodulanti e neuroprotettive, le quali si esplicano a livello del sistema nervoso centrale sia in vivo che in vitro.
Questi effetti in sinergia spiegherebbero l’efficacia del TUDCA nel rallentare la progressione della SLA e del perchè, nel 2017 l’EMA l’ha dichiarato orfano (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25664595 e  http://www.ema.europa.eu/docs/en_GB/document_library/Orphan_designation/2017/03/WC500224880.pdf).
Per approfondire il significato di farmaco orfano, clicca qui.

Da questi studi si evince infatti come il TUDCA contribuisca a rallentare la progressione della malattia sia in monoterapia nei confronti del placebo, sia in associazione con altri Farmaci per la SLA.
La terapia richiede, secondo gli studi condotti, la somministrazione di una dose pari ad 1 grammo di TUDCA due volte al giorno, per un periodo superiore ad un anno.

Come reperire il TUDCA o acido tauroursodesossicolico e perchè il farmaco galenico

Per assumere l’acido tauroursodesossicolico, e possibilità sono

  1. di utilizzare offlabel i (pochi) farmaci industriali disponibili (problemi: uso al di fuori delle indicazioni autorizzate, basso dosaggio, molte compresse da assumere ogni giorno)
  2. richiedere un farmaco galenico personalizzato

I vantaggi derivanti dall’allestimento di un preparato galenico a base di TUDCA realizzato dal Farmacista Galenista sono molteplici:

  • l’allestimento di un preparato con uno specifico dosaggio (es. 500mg o 1g di TUDCA) riducendo quindi il numero di capsule//compresse da assumere ogni giorno.
  • la realizzazione di un quantitativo numerico specifico di capsule /compresse idonee alla durata della terapia (100/500/1000 capsule, data la lunga durata di terapia)
  • l’assenza di sostanze allergizzanti/intolleranti per il paziente (es. lattosio).

Tutto ciò rende la terapia fedelmente personalizzata per il singolo paziente in trattamento.
In laboratorio potranno essere allestite delle capsule per dosaggi inferiori ad 1 grammo di TUDCA, preferendo viceversa, nel caso di dosaggi pari o superiori al grammo, l’allestimento del Farmaco in pratiche compresse dalla più facile deglutizione.

Come assumere acido tauroursodesossicolico e alcuni effetti collaterali

La terapia può determinare degli effetti indesiderati che nella maggior parte dei casi includono diarrea, nausea e vomito, sarà quindi consigliabile assumere il farmaco dopo mangiato. Si sconsiglia inoltre la co-somministrazione con Farmaci che possono compromettere l’assorbimento del TUDCA, quali colestiramina e ossido di alluminio (es. Maalox), in caso di necessità se ne consiglia l’assunzione almeno due ore prima della somministrazione del TUDCA.
Per tutti i dettagli è buona norma chiedere il consiglio al Medico prescrivente o al Farmacista.

La preparazione di compresse o capsule a base di acido tauroursodesossicolico richiede la presentazione di una ricetta medica ripetibile (RR) valida sei mesi fino ad un massimo di dieci volte, che può essere redatta da qualsiasi Medico, generico o specialista.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire capsule o compresse a base di acido tauroursodesossicolico (TUDCA), consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Meldonium in Italia (mildronato): farmaco galenico in Farmacia

meldonium mildronato farmaco galenico italia farmagalenica

Il tuo cuore ha bisogno di meldonium o mildronato? Il Farmacista Galenista può preparartelo!

Se stai cercando come acquistare un farmaco a base di mildronato (o meldonium) per la tua patologia, ma ti sembra impossibile, sappi che può essere preparato come farmaco galenico (cioè preparato direttamente dal Farmacista) presso i laboratori di alcune Farmacie Galeniche di Farmagalenica (vedi in fondo all’articolo per la lista delle Farmacie aderenti).

Che cos’è il meldonium o mildronato e come funziona

Il meldonium diidrato (propionato) è un farmaco ad azione anti-ischemica sviluppato per il trattamento dell’ischemia cardiaca, angina pectoris, cardiomiopatia ischemica e insufficienza cardiaca cronica. Inoltre ha trovato impiego anche nella terapia nell’insufficienza cerebrovascolare acuta e nel recupero dopo disordini circolatori cerebrali e trauma cranico.
Il meldonium (mildronato) agisce regolando il metabolismo energetico abbassando i livelli di L-carnitina, un amminoacido, allo scopo di prevenire l’accumulo di intermedi tossici.

Ma il meldonium è commercializzato in Italia?

Negli anni passati era salito agli onori della cronaca in un famoso caso di doping che aveva coinvolto la tennista Maria Sharapova, poichè si ritiene che il meldonium sia in grado di ridurre la fatica e impedire il riconoscimento dell’uso di EPO (altro doping).
Il meldonium è un farmaco NON venduto in Italia come farmaco industriale, cioè prodotto dall’industria farmaceutica, mentre all’estero si trova in famaci chiamati Mildronate®, Carvecor® e Vasonat®.
Fino ad oggi, quindi, non era possibile utilizzarlo in Italia.
Ma grazie al Farmacista Preparatore ora è possibile ottenere il medicinale, che il Farmacista prepara partendo dalla materia prima purissima e allestendo delle capsule o compresse permettendo ai pazienti di accedere al farmaco.

Il Farmacista infatti può realizzare capsule a qualsiasi dosaggio e in qualsiasi quantità, potendo così creare un farmaco personalizzato per il singolo paziente.

Quali sono i dosaggi e gli effetti collaterali del meldonium o mildronato?

Generalmente il meldonium è ben tollerato e gli effetti collaterali sono rari e di lieve entità. Durante gli studi o nella fase di post-marketing sono stati osservati (come comuni e rari) casi di:

  • reazioni allergiche (solo negli studi clinici)
  • mal di testa (solo negli studi clinici)
  • indigestione (solo negli studi clinici)
  • dermatite allergica, orticaria
  • agitazione, ansia, tremori
  • disturbi del sonno
  • vertigini, andatura anomala
  • alterazioni nella frequenza cardiaca, disturbi del ritmo cardiaco

In letteratura non sono riportati casi di sovradosaggio, tuttavia in caso di assunzione accidentale di un quantitativo eccessivo di meldonium, occorre verificare la funzionalità renale ed epatica.

Il meldonium va assunto ai pasti con abbondante acqua. Dosaggi e posologie sono strettamente individuali e decise dal medico, ma alcuni esempi possono essere:

  • Patologie cardiovascolari (in associazione ad altri farmaci): 500-1000mg in una-due somministrazioni giornaliere per 4-6 settimane.
  • Disturbi cerebrovascolari cronici: 500mg una volta al giorno per 4-6 settimane
  • Stress psico-fisico: 250mg quattro volte al giorno per 10-14 giorni.
  • Sindrome da astinenza nell’alcolismo cronico (in associazione ad altri farmaci): 500mg quattro volte al giorno per 7-10 giorni.

Posto che il farmaco va assunto solo dopo che il medico ha redatto la ricetta medica, la dose va adattata in base alla necessità (la Galenica permette di ottenere qualsiasi dosaggio, come già spiegato), in particolare andrebbe ridotta in pazienti anziani, con moderata insufficienza renale e/o epatica.
Non va utilizzato:

  • in caso di Ipersensibilità al prodotto
  • grave insufficienza renale e/o epatica
  • in pazienti al di sotto dei 18 anni
  • in gravidanza o allattamento

Per ottenere il meldonium (o mildronato) è necessaria una ricetta medica non ripetibile (in quanto doping ad uso orale), valida 30 giorni per una sola volta. Tale ricetta può essere redatta da qualsiasi medico.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire il meldonium o mildronato (capsule o compresse), consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Soliphen, Gardenale e Fenobarbitale: galenica veterinaria

soliphen uso veterinario epilessia cane farmagalenica

Come fare a ottenere un dosaggio preciso al milligrammo di Soliphen (fenobarbitale uso veterinario), se non con il Farmacista? 🙂

Da Marzo 2017(*) è stato commercializzato in Italia un farmaco ad uso veterinario chiamato Soliphen ® 60 compresse da 60 mg a base di fenobarbitale al costo di 13.40€ (inizialmente costava 16€), da utilizzare nella prevenzione delle crisi dovute a epilessia generalizzata nel cane.
Fino ad oggi, non esistendo una specialità medicinale ad uso veterinario, il Medico Veterinario prescriveva (in base alla “cascata” prevista dal D.lgsl. 193/2006) il corrispondente (e famoso) farmaco ad uso umano Gardenale®, compresse da 50mg o 100mgLuminale, compresse da 15mg o 100mg.
In questo articolo, Farmagalenica SNC spiegherà come la Galenica può risolvere alcuni problemi legati alla gestione del corretto dosaggio del fenobarbitale uso veterinario, sostanza stupefacente che richiede quindi la massima precisione nella somministrazione a cani, gatti o altri animali di piccola taglia.

Aggiornamento: la Ditta produttrice del Soliphen, con un comunicato ufficiale, ha dichiarato di aver sospeso la produzione per rottura di stock. Attualmente dunque, si continua a prescrivere Gardenale e Luminale come se non fosse successo nulla (comunicazione ufficiale).

Da dove nasce il problema del dosaggio del Soliphen ®, del Gardenale® e del Luminale®?

Il Soliphen è un farmaco destinato ai cani e venduto in Italia (attualmente) in confezioni con 5 blister da 12 compresse. Le compresse sono divisibili, ossia è possibile dividerle a metà per ottenere 2 mezze-compresse da 30mg di fenobarbitale cadauno o 4 mezze-compresse da 15mg di fenobarbitale cadauno.

In generale, il fenobarbitale negli animali di piccola taglia come i cani, viene dosato in base al peso corporeo dell’animale: dai piccolissimi (4-5 Kg) ai più grossi (50-60Kg). Poichè esiste questa grande variabilità, è fondamentale per il Veterinario poter somministrare la dose con assoluta precisione onde evitare effetti collaterali (da sovradosaggio) o inefficacia del farmaco (da sottodosaggio).
In alcune circostanze, con le compresse divisibili è “solo” possibile avvicinarsi al valore corretto richiesto dal Veterinario (es. 20mg, 38mg, ecc…), ma soprattutto nei cani di piccola taglia, anche mezza compressa divisa (ossia 15mg di fenobarbitale) possono essere troppi (es. ne servirebbero 8mg). Discorso analogo in caso di aggiustamenti legati a problemi epatici.
Inoltre, nel foglietto illustrativo è indicato di non somministrare il Soliphen ® (fenobarbitale uso veterinario) in cani di peso inferiore ai 6 Kg, per i quali è stato chiarito essere possibile la prescrizione di Gardenale®.

È scientifico e terapeuticamente sicuro che il Veterinario chieda al proprietario dell’animale di spezzare “a occhio” una compressa, senza avere idea del dosaggio reale che andrà a dare all’animale?
È sicuro (inteso come incolumità fisica) per il paziente, manipolare direttamente polveri di fenobarbitale?

Come la Galenica può risolvere il problema del dosaggio?

La risposta è semplice: partendo dal Soliphen® (o Gardenale® nei casi consentiti) acquistato dal proprietario dell’animale (legalmente parlando si vende il Soliphen® al paziente e lo si fa riconsegnare per eseguire la preparazione), il Farmacista può realizzare capsule o compresse alla dose esatta di fenobarbitale prescritta dal Veterinario (es. 6mg, 13mg, 20mg, 43mg, ecc…).
Il farmacista può infatti micronizzare le compresse in polvere impalpabile, uniforme e ridiluirla con analogo eccipiente; in questo modo è possibile:

  1. ottenere un farmaco alla dose esatta, senza che divisioni maldestre o errate causino errori di dosaggio
  2. aumentare la compliance della terapia
  3. garantire una scadenza della capsula a nuovo dosaggio superiore ai 3 giorni normalmente indicati, dato che la polvere di Soliphen® in essa contenuta viene protetta da luce, aria, umidità.

Ma se il cane o l’animale è allergico a uno degli eccipienti presenti nel Soliphen®?

È uno dei problemi possibili, legati ai diversi eccipienti che compongono il farmaco e, tra i quali, potrebbe esserne presente uno a cui l’animale è allergico o intollerante.
In quel caso il Veterinario potrebbe (sempre in base al D.lgsl 193/2006 e dopo opportuna segnalazione alla farmacovigilanza) prescrivere il farmaco ad uso umano Gardenale® compresse (50 o 100mg) e richiedere comunque al Farmacista Galenista la ripartizione della dose di fenobarbitale secondo necessità (es. 17 mg), considerando che il Gardenale® NON permette una pratica e precisa suddivisione delle compresse.

In teoria il Farmacista potrebbe realizzare un farmaco purissimo partendo dal fenobarbitale materia prima, ma la “cascata prescrittiva” delD.lgs 193/2006, prevede l’uso del farmaco ad uso umano (Gardenale®), prima ancora del galenico magistrale.
Nel caso però di preparazioni particolari (es. fenobarbitale transdermico in PLO), è possibile la prescrizione in deroga di fenobarbitale materia prima pura come farmaco galenico.

Cosa serve per richiedere la divisione di dosaggio personalizzato del fenobarbitale uso veterinario al Farmacista?

Innanzitutto è necessaria una ricetta medico veterinaria non ripetibile in copia semplice che richieda l’acquisto del farmaco industriale Soliphen® compresse. Nella stessa ricetta (o in altra accompagnatoria) il Veterinario dovrà indicare di ripartire le compresse nella dose prescritta (es. 8 mg) oltre che  al numero totale di capsule/compresse da realizzare con quel dosaggio.
ATTENZIONE: NON è consentito al Farmacista di utilizzare Gardenale® o fenobarbitale uso veterinario per la preparazione, quando la ricetta prescrive Soliphen® (e viceversa).
La ricetta ha validità di 30 giorni escluso quello di emissione ed essendo non ripetibile, può essere utilizzata una sola volta.
Importante: il Farmacista prepara e dispensa ed utilizza QUALSIASI RICETTA a base di fenobarbitale, sia che riporti Soliphen o Gardenale o Luminale: non è compito del Farmacista sindacare la prescrizione del Medico Veterinario ovvero se questi ha rispettato la normativa! Il Farmacista, se la ricetta è formalmente corretta, esegue la preparazione e spedisce, come la Legge gli impone di fare.
Tale ricetta NON deve contenere in alcun modo dichiarazioni del veterinario su peso dell’animale, altre terapie usate o motivazioni di sorta.

Per cercare e visualizzare le Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire capsule (o compresse) a dose personalizzata di fenobarbitale ripartite da Soliphen ® o Gardenale® per cane o gatto o altri animali, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Phenibut: cos’è e dove comprare il farmaco

phenibut cose capsule farmacia galenica italia

Il phenibut si può acquistare in Italia, grazie al Farmacista Galenico

A volte ritornano: se stai cercando informazioni aggiornate sul phenibut o “fenibat” (phenibut cos’è, come funziona, a cosa serve, dove si acquista in Italia), allora sei nel posto giusto: alcune Farmacie di Farmagalenica sono infatti in grado di realizzare farmaci a base di phenibut, essendo ora disponibile la materia prima pura che, lavorata dal Farmacista nel Laboratorio Galenico della Farmacia, può realizzare un medicinale a base di questa sostanza (v. fine articolo per accedere alla lista delle farmacie di Farmagalenica).
Non stiamo parlando, infatti di un farmaco “di marca” acquistabile come tale, ma che può essere preparato come farmaco galenico magistrale grazie all’Arte del Farmacista.

Cos’è il Phenibut e a cosa serve

Il phenibut (Noofen®, nome commerciale del farmaco all’estero) è un farmaco neuropsicotropo derivato dal GABA (Acido Gamma Amino Butirrico), un neurotrasmettitore inibitorio naturale.
Venne sintetizzato per la prima volta nel 1964 in Russia, ed è stato testato come farmaco tranquillante e sedativo, in quanto ha mostrato la capacità di ridurre l’ansia, migliorare il sonno e diminuire il nistagmo. Inoltre riduce i sintomi dell’astenia, la cefalea, mentre migliora la capacità lavorativa, la memoria, l’attenzione, la velocità di reazione e la precisione.
Per questo, trova applicazione principalmente nel trattamento di: astenia e instabilità emotiva, ansia e stati neurotici, insonnia, stress pre-chirurgico, enuresi, balbuzie e tic nei bambini, sindrome di Meniere, profilassi della cinetosi e, in associazione a farmaci specifici, nella disassuefazione da alcool.

Perchè non si trovava il phenibut in Italia

Esatto, non si trovava! Ma ora è assolutamente possibile e legale acquistare in Italia il phenibut in farmacia come farmaco galenico, ossia farmaco preparato estemporaneamente dal Farmacista.
Non è infatti reperibile come farmaco industriale (le “scatolette” che si acquistano sempre in Farmacia), ma va realizzato su indicazione medica nella dose e quantità stabilita dal Medico.
Ora, invece, è possibile disporre di un canale sicuro e certificato (la Farmacia) che, acquistando la materia prima purissima da un fornitore italiano autorizzato, è in grado di realizzare capsule o compresse a base di phenibut a qualsiasi dosaggio e qualsiasi quantità.

Grazie al Farmacista Galenista, quindi è possibile:

  1. ottenere un farmaco altrimenti non reperibile in Italia (se non illegalmente)
  2. ottenere un farmaco a qualsiasi dosaggio il Medico ritenga necessario (es. 100mg, 250mg, 483mg, ecc…)
  3. ottenere un qualsiasi numero di capsule o compresse a seconda della durata della terapia (10 capsule, 50, 100, 785, ecc…)
  4. realizzare il farmaco senza determinati conservanti o eccipienti a cui il paziente è allergico o intollerante

Sull’attività del phenibut esistono tantissimi studi (si veda ad esempio https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11830761 o ),

Va sottolineato inoltre, che il phenibut non è un farmaco stupefacente o psicotropo e risulta testato in diversi scenari:

  • ansia (in alcuni casi, con efficacia superiore al diazepam)
  • astenia
  • potenziamento degli effetti dei farmaci neurolettici e anti-parkinson, suggerendo come l’associazione con il primo possa permettere di ridurre i dosaggi dei secondi
  • stress post-traumatico e balbuzie
  • ipocondria
  • depressione
  • insonnia (ha effetto ipnoinducente)
  • nootropo
  • aumento dell’attenzione, in generale e nell’ADHD
  • Sindrome di Meniere, cinetosi, disfunzioni vestibolari
  • diverse altre patologie

Posologia del phenibut: come assumerlo e quando

Premessa: in genere un farmaco galenico ha una posologia strettamente personale o comunque non generalizzabile. In questo caso, pur essendo prodotto in Italia come farmaco galenico, il phenibut esiste in altri stati Europei come farmaco industriale, ad un dosaggio fisso per compressa di 250mg (si ricordi comunque che il Farmacista può allestire QUALSIASI dosaggio).

La posologia del phenibut varia a seconda della patologia per la quale è prescritto; Il Medico saprà dire qual è la più adatta in base al problema, ma alcuni suggerimenti (presi dalla vasta bibliografia disponibile) possono essere i seguenti:

  • somministrarlo massimo 3 volte al giorno, dose massima prodose (singola capsula) 750mg
  • durata della terapia variabile da 1 a 3 settimane a seconda della patologia o comunque a discrezione del Medico curante
  • assumerlo contemporaneamente ai pasti

In caso di necessità, è possibile chiedere direttamente al Farmacista un depliant informativo sul phenibut e le patologie più note, oltre che informazioni su farmacocinetica e farmacodinamica.

È tutto oro quello che luccica. Ovviamente no….

Come tutti i farmaci, anche il phenibut ha effetti collaterali e interazioni con altri farmaci.

In generale, aumenta l’effetto dei farmaci ipnoinducenti, tranquillanti, ansiolitici e antiepilettici. La cosomministrazione va quindi attentamente monitorata dal Medico.
Anche se in caso di sovradosaggio, il phenibut è generalmente ben tollerato (gli effetti indesiderati rari), negli adulti sono stati osservati:

  • disturbi gastrointestinali e nausea (a inizio terapia)
  • sonnolenza (a inizio terapia)
  • cefalea
  • vertigini
  • epatotossicità (in caso di somministrazione prolungata di alte dosi)
  • rash cutaneo e prurito

Ci sono avvertenze particolari per chi deve assumere il phenibut?

Anche qui, come sempre, trattandosi di un farmaco, ci sono certamente alcune cose da tenere in considerazione, che il Farmacista saprà ricordare al momento della dispensazione. Principalmente:

  1. non somministrare in caso di ipersensibilità al farmaco.
  2. si consiglia di non somministrare il phenibut durante la gravidanza o l’allattamento
  3. può irritare il tratto gastrointestinale, perciò occorre somministrarlo con cautela nei pazienti con disturbi a questo apparato (es. ulcere, gastriti, colon irritabile ecc.)
  4. somministrare con cautela nei pazienti con insufficienza epatica
  5. può influire sulla capacità di guida e di conduzione di macchinari
  6. non esistono dati concernenti l’impiego nei bambini sotto i 3 anni

Come acquistare il phenibut in Italia?

Per l’acquisto del phenibut in una Farmacia Galenica è necessario presentare una ricetta medica ripetibile, valida 6 mesi per un massimo di 10 preparazioni.
Può essere redatta da qualsiasi Medico e non richiede formalismi particolari se per le indicazioni mediche autorizzate del Noofen®, se non l’indicazione della sostanza, della dose in mg (es. 250mg) e del numero di capsule (es. 50 capsule).
Con questa, il paziente può acquistare a pagamento il farmaco, che il Farmacista preparatore realizzerà in base alle indicazioni contenute in ricetta medica.

Per cercare e visualizzare le Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire phenibut capsule o compresse, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

POTABA bustine, capsule, farmaco galenico in Italia

Dove trovare il POTABA bustine in Italia? Grazie al Farmacista, un aiuto per la fertilità e per la malattia di Peyronie

Se stai cercando un farmaco o integratore a base di potassio para-aminobenzoato ( POTABA bustine, capsule, ecc..) ad una dose personalizzata, sappi che può essere preparato su misura direttamente dal Farmacista Galenista, nel suo laboratorio Galenico.  Infatti, alcune Farmacie di Farmagalenica.it sono in grado di allestire delle capsule (o bustine) a base di POTABA, fornendoti poi tutte le informazioni di cui necessiti per la terapia (vedi in fondo all’articolo per la lista delle Farmacie).

Cos’è il potassio para-aminobenzoato o POTABA?

Il potassio para-aminobenzoato (POTABA) è un elemento vitaminosimile essenziale per diversi processi metabolici in quanto, sottoforma di acido para-amino benzoico (PABA), risulta essere un componente costituzionale dell’acido folico (vitamina B9).
L’assunzione di POTABA sembra essere utile nel trattamento di diverse patologie tra le quali la sclerodermina, la vitiligine e la malattia di Peyronie.

Cos’è la malattia di Peyrone, per cui usare il POTABA?

Per la malattia di Peyronie, il POTABA bustine o capsule sembra avere un ruolo chiave nel contrastarne la patogenesi ed i sintomi ad essa correlati. La malattia di Peyronie è caratterizzata dalla formazione di placche di materiale fibrotico all’interno dei corpi cavernosi del pene, le quali ne contrastano la normale elasticità determinando alterazioni erettili associate a dolore localizzato.
La causa di tale patologia non è nota, seppur i piccoli traumi, sportivi o accidentali, sembra ricoprano un ruolo fondamentale nella sua insorgenza.
L’utilizzo del PABA e del suo derivato (POTABA) sembra anche essere in grado di contrastare l’infertilità, attraverso la stimolazione dell’attività estrogenica, anche se non è da escludere l’importante ruolo che ricopre questa sostanza come agente antiossidante. Diversi studi hanno constatato una diretta correlazione tra uso di PABA e POTABA bustine ed aumento della fertilità femminile.
Per chi volesse approfondire, ecco alcuni link:

I Farmacisti preparatori di Farmagalenica.it possono allestire delle capsule o bustine a base di potassio para-aminobenzoato (POTABA) a diverso dosaggio (importantissimo!), specifici per ogni tipologia di patologia precedentemente descritta.
La preparazione di bustine o capsule galeniche a base di questo attivo permette di:

  1. realizzare delle capsule con un dosaggio personalizzato di Farmaco (il dosaggio giornaliero può variare dai 100 mg ai 3 grammi totali ripartiti in diverse somministrazioni giornaliere), a seconda dell’indicazione medica
  2. l’associazione con altri principi attivi o sostanze che possono supportare l’azione farmacologica, ad esempio la vitamina E e/o del gruppo B
  3. l’assenza di sostanze allergizzanti o intolleranti per il paziente (es. lattosio); addirittura è possibile ottenere dosi di farmaco puro, senza alcuna sostanza aggiuntiva
  4. la realizzazione di un numero di capsule o bustine congruo alla durata della terapia
  5. l’allestimento di un Farmaco non rinvenuto nel normale ciclo distributivo

Quali sono i dosaggi terapeutici del POTABA?

Il dosaggio è variabile in base al tipo di patologia e sarà il Medico a decidere quale sarà la dose più adatta per il caso in esame.
Normalmente l’organismo può tollerare un dosaggio fino a 3 grammi giornalieri, seppur in diversi studi sono stati sperimentati gli effetti del Farmaco con dosaggi ben superiori (fino a 12 g/die) oltre ai quali insorgono inevitabilmente effetti indesiderati (dovuti principalmente all’iperkalemia) che includono: nausea, vomito, ipoglicemia, disfunzioni renali ed epatiche.
L’uso del POTABA bustine a dosaggi minimi di 300-400 mg giornalieri, somministrati per almeno 7 mesi, sembra tuttavia già essere sufficiente nel contrastare l’infertilità femminile.
(http://www.babymed.com/blogs/sitesuper/what-paba-and-how-can-it-help-conceiving).
Un altro studio ha messo alla luce l’efficacia del PABA nell’infertilità ad un dosaggio ancora più basso, più precisamente di 100 mg suddivisi in 4 somministrazioni giornaliere: http://natural-fertility-info.com/paba-study-shows-75-success-rate.html.

Ѐ consigliabile assumere le capsule o bustine durante i pasti e ripartire la dose totale in 3 – 4 assunzioni giornaliere, in particolar modo quando sono prescritti dosaggi totali giornalieri molto alti (v. http://www.nutritional-supplements-health-guide.com/paba-side-effects.html).
L’assunzione del medicinale è sempre sconsigliata in gravidanza o durante la terapia con antibiotici sulfamidici o con trimetoprim (es. Bactrim®) o dapsone.

Come ottenere il POTABA bustine o capsule nelle Farmacie italiane

Per la realizzazione di bustine o capsule a base di potassio para-aminobenzoato è necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile, valida sei mesi per un massimo di dieci preparazioni.

Per cercare e visualizzare le Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire POTABA bustine o capsule (potassio para-aminobenzoato), consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Ronidazolo gatto, farmaco galenico in Farmacia

Il ronidazolo gatto veterinario è finalmente disponibile in Italia. Grazie alla Galenica!

Se stai cercando un farmaco in Italia a base di ronidazolo, sappi che è finalmente possibile reperirlo. Infatti, da Marzo 2017, alcune Farmacie di Farmagalenica.it disporranno della materia prima pura per poter allestire, nei loro Laboratori Galenici, farmaci ad uso veterinario a base di ronidazolo gatto, cane, piccioni o altro (vedi in fondo all’articolo l’elenco completo delle Farmacie).

Cos’è il ronidazolo e per cosa è usato il ronidazolo

Il ronidazolo è un principio attivo che risulta essere altamente efficace nel trattamento di infezioni condotte da Tritrichomonas foetus, noto per la capacità di indurre aborto ed infertilità nei bovini. Negli ultimi anni tale patogeno è stato più volte associato ad infezioni del tratto gastrointestinale del gatto, che determinano nel felino colite cronica, forti scariche diarroiche e flatulenza.
Molto spesso le condizioni generali del gatto rimangono buone, aspetto che porta spesso a sottostimare l’effettiva gravità del problema, il quale può perdurare per molto tempo. In questo modo, aumentano drasticamente le probabilità di contagio della malattia, specie in ambienti in cui convivono più gatti, dal momento che la trasmissione del patogeno avviene per via orofecale.
La malattia tuttavia può determinare gravi conseguenze nei gattini giovani, specie se non trattata in tempo e può essere anche causa di co-infezioni come quella da Giardia o Cryptosporidium (http://icatcare.org/advice/cat-health/tritrichomonas-foetus-infection-cats )

È possibile reperire il ronidazolo gatto o cane in Italia?

In Italia non esiste un farmaco industriale gia pronto a base di ronidazolo gatto o cane e, nel caso il Veterinario volesse utilizzarlo (magari perchè unica terapia efficace), non avrebbe possibilità se non richiedere l’importazione dall’estero.
Ma non disperare! Grazie al Farmacista Galenista è possibile disporre di tale farmaco, realizzato su misura direttamente dal Farmacista che, lavorando la materia prima pura, può realizzare il farmaco nella forma e quantità necessaria; in parole povere:

  • permettere il trattamento della diarrea causata dal T.foetus in modo efficace
  • creare farmaco con un dosaggio specifico di farmaco in relazione all’età ed al peso del gatto (es. 10mg, 30mg, 60mg, eccetera)
  • fornire un numero sufficiente di capsule per il trattamento (solitamente ls durata è di due settimane, v. dopo)
  • aromatizzare le capsule per rendere più appetibile e pratica la somministrazione
  • evitare l’uso di eventuali eccipienti o conservanti che possono risultare intolleranti o a cui il cane, gatto o altro risultasse allergico
  • possibilità di realizzare, oltre che capsule, paste appetibili aromatizzate o altre forme farmaceutiche per rendere pratica e precisa la somministrazione del ronidazolo gatto o cane.

Come scritto, il Farmacista Galenista può aromatizzare le capsule o la pasta orale con (esempio) manzo o pollo, per favorire l’assunzione da parte del gatto; è sconsigliata, invece, l’apertura della capsula e la solubilizzazione del principio attivo nel cibo o bevanda, a causa del sapore amaro del ronidazolo.

Quali sono i dosaggi del farmaco ronidazolo?

Il dosaggio di assunzione suggerito è di 20 – 30 mg/kg una volta al giorno per due settimane, limite oltre il quale si può facilmente incorrere in disturbi di natura neurologica, quali letargia, atassia e convulsioni. In caso di disturbi epatici il dosaggio può scendere a 10 mg/kg con le stesse modalità di utilizzo.
Ovviamente, sarà il Veterinario a calcolare il dosaggio necessario in base alla situazione e a redigere la ricetta veterinaria corrispondente.

L’assunzione del Farmaco va evitata in caso di gatte in gravidanza, per il possibile effetto teratogeno del ronidazolo, e nei gattini di età inferiore alle 12 settimane di età (per approfondimenti si veda http://www.vetjournal.it/item/1638-i-tritrichomonas-foetus-i-nel-gatto-studio-retrospettivo.html e http://www.esccap.org/uploads/docs/lsbn9a5j_ESCCAPItaly_Protozoi_6_2012.pdf e http://www.aivpafe.it/wp-content/uploads/2014/05/RASSEGNA-3-2013.pdf)

Norme igieniche complementari all’uso del ronidazolo gatto o cane

Ѐ importante pulire e disinfettare efficacemente la lettiera e tutti gli oggetti con cui è venuto a contatto l’animale, al fine di scongiurare la trasmissione della malattia o addirittura una sua recidiva.
Anche se ad oggi non si ha un’adeguata documentazione in relazione ad una eventuale trasmissione dell’infezione dal gatto all’uomo, è comunque buona norma disinfettare tutto il materiale che può essere causa di possibile contagio.

Il ronidazolo in polvere è indicato per il trattamento di infezioni da trichomonas nei piccioni, mentre non è registrato in Italia per l’utilizzo nel gatto. Per tale motivo il Farmaco può essere prescritto, come preparato galenico veterinario con

  • una ricetta veterinaria non ripetibile, della durata di trenta giorni dalla data di prescrizione se destinato ad animali nDPA (cani, gatti, ecc..)
  • una ricetta veterinaria non ripetibile in triplice copia, della durata di dieci giorni lavorativi dalla data di prescrizione se destinato ad animali DPA (es. bovini)

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire capsule a base di ronidazolo gatto o cane, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Dicloroacetato capsule si trova in Farmacia, farmaco galenico

Dove si trova il dicloroacetato capsule? Sicuramente nelle capsule :) preparate dal Farmacista Galenista!

Dove si trova il dicloroacetato capsule? Sicuramente nelle capsule 🙂 preparate dal Farmacista Galenista!

Sei alla ricerca di un farmaco galenico contenente dicloroacetato capsule (o dicloroacetato sodico) e non sai dove si trova? Come reperirlo legalmente e con la garanzia e sicurezza secondo normativa?
Sappi allora che alcune Farmacie di Farmagalenica.it sono in grado di allestire direttamente nei loro Laboratori Galenici, capsule a base di dicloroacetato, da solo o in associazione con altri principi attivi, soddisfacendo ogni tua specifica esigenza (Vedi in fondo all’articolo l’elenco completo delle Farmacie).

Cosa è il dicloroacetato (“sodico” o “di sodio”) e a cosa serve?

Il dicloroacetato sodico (o DCA) è un piccolo composto chimico utilizzato in terapia sottoforma di sale sodico, a cui sono state associate diverse proprietà terapeutiche che ne hanno permesso l’utilizzo in pazienti affetti da diverse tipologie di tumori solidi.
Il dicloroacetato sembra infatti essere in grado di stimolare la sintesi di energia attraverso processi ossidativi che avvengono all’interno dei mitocondri, sfavorendo, allo stesso tempo, il processo della glicolisi, responsabile della morte cellulare programmata (apoptosi).
In parole più semplici, il DCA stimola il ciclo di krebs, riducendo la produzione di lattato, aumentando il quantitativo di energia prodotto e stimolando il processo apoptotico. Per maggiori dettagli leggere https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2567082/

Il dicloroacetato è stato testato in diversi trial clinici nel trattamento di varie tipologie di tumori solidi tra i quali: carcinoma intestinale, prostatico e mammario, nel glioblastoma e nel linfoma non-Hodgkins (http://medicorcancer.com/wp-content/uploads/DCA-FAQs_form-Medicor.pdf e https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2567082/)

Viene inoltre impiegato nel trattamento dell’acidosi lattica in malattie mitocondriali.

Quali effetti indesiderati possono insorgere durante il trattamento con il DCA?

Di norma il DCA è una sostanza ben tollerata dall’organismo, tuttavia il principale effetto avverso, comune specie a dosaggi massimali di principio attivo (es. superiori a 100mg/Kg), è rappresentato dalla neuropatia periferica, reversibile con la riduzione del dosaggio e la contemporanea somministrazione di vitamina B-1 (tiamina), acido alfa-lipoico ed L-acetil carnitina.
Altri effetti avversi segnalati sono rappresentati da disturbi gastrointestinali, tra i quali vomito, nausea e diarrea, ed aumento degli enzimi epatici (si veda https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2567082/ e https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1533324/?page=1).

Cosa possono realizzare i Farmacisti Galenisti di Farmagalenica?

Spesso è difficile trovare in Italia il dicloroacetato e si ricorre all’acquisto illegale su internet o da soggetti non autorizzati.
La via per acquistare dicloroacetato capsule sicura e legale è più semplice di quanto si pensi, grazie al lavoro del Farmacista Galenista che permette di preparare farmaci a base di dicloracetato partendo dalla materia prima purissima e certificata, direttamente in Farmacia.
L’allestimento di dicloroacetato capsule (ma anche compresse o sciroppo in sospensione orale) garantisce importanti possibilità al paziente:

  1. la preparazione di un Farmaco non disponibile in commercio in Italia
  2. l’allestimento di capsule a dosaggi assolutamente precisi (al milligrammo) e variabili di dicloroacetato (es 250mg, 500mg, 1000mg eccetera)
  3. la possibilità di associare all’interno della stessa capsula altri principi attivi, quale a titolo di esempio la tiamina (Vitamina B-1)
  4. la realizzazione di un numero di capsule adeguato alla durata della terapia (con risparmio economico annesso)
  5. l’allestimento di un preparato stabile in capsule (evitando i problemi relativi a dosaggio ed igroscopicità della polvere ripartita in cartine)

Quanto dicloroacetato assumere e per quanto tempo?

La grande varietà di patologie trattate, diverse per tipologia, sede ed entità, non permettono la realizzazione di linee guida di utilizzo, ma sarà il medico che deciderà in base alle specifiche necessità la migliore terapia da utilizzare.

Di norma nei trial clinici il Farmaco è stato testato ad un dosaggio variabile dai 10mg/kg ai 100mg/kg al giorno, da assumere per via orale. Il trattamento viene proseguito per almeno 8 settimane, allorché si valutano gli eventuali effetti clinici derivanti dalla terapia ed in base ai risultati conseguiti si sceglie se proseguire la terapia, sospenderla o modificare il dosaggio del Farmaco (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2567082/, https://www.spandidos-publications.com/ol/1/5/889?text=fulltext e https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25362214)

Infine, in caso di necessità, ad esempio nei bambini, negli anziani, o nei pazienti che presentano difficoltà nell’ingestione delle capsule, il Farmacista preparatore potrà allestire una forma liquida di dicloroacetato in sospensione orale (sciroppo), al gusto di arancia, stabile per trenta giorni se conservata in frigorifero (http://www.farmaciaclinica.it/r.php?v=2046&a=22280&l=323158&f=allegati/02046_2015_03/fulltext/15_galenicaclinica_140_152.pdf)

Cosa serve per poter acquistare il dicloroacetato capsule o sciroppo?

Un paziente italiano che volesse acquistare farmaci galenici a base di dicloroacetato deve richiedere al Medico (QUALSIASI, di base, privato, ospedaliero, specialista, ecc…) la presentazione di una ricetta medica ripetibile valida sei mesi, per un numero massimo di 10 preparazioni.
Con tale ricetta sarà sufficiente presentarsi in farmacia per richiedere la preparazione del dicloroacetato sodico, che il Farmacista realizzerà alla dose indicata dal medico in ricetta.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire un farmaco a base di dicloroacetato capsule e sciroppo, puro o con altri principi attivi, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).