Latanoprost capelli folti grazie alla Galenica

Farmacista e latanoprost = capelli che ricrescono

Farmacista e latanoprost capelli e ciglia che ricrescono

Se stai cercando una farmacia in grado di allestire farmaci a base di latanoprost capelli o ciglia, sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica sono in grado di prepararli nel loro Laboratorio Galenico (v. lista farmacie in fondo all’articolo).

Dal punto di vista farmacologico, il latanoprost è un analogo delle prostaglandine e viene utilizzato, sotto forma di collirio, per il trattamento del glaucoma.
Come spesso avviene per altri farmaci, un effetto secondario insorto nei pazienti che utilizzavano colliri a base di latanoprost, ne ha rivelato anche un altro potenziale utilizzo: nei pazienti in cura con il suddetto collirio era molto comune, infatti, riscontrare alterazione delle ciglia e della peluria, con aumento nell’allungamento, nell’ispessimento, nella pigmentazione e nell’infoltimento (http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/Xalatan.asp#axzz488dShcui, scheda del collirio Xalatan, farmaco industriale in commercio per l’ipertensione oculare, ma a base di latanoprost). Sembrerebbe, infatti, che le prostaglandine (di cui il latanoprost è, appunto, un analogo) agiscano modulando il ciclo vitale di ciglia e capelli, allungandone la fase dei crescita.

Da recenti studi internazionali ed in particolare da uno studio dell’Università di Berlino nel 2011 è stata dimostrata una straordinaria capacità del principio attivo nello stimolare la ricrescita dei capelli: dopo 24 settimane di trattamento con lozioni a base di latanoprost nella metà dei partecipanti è stato osservato aumento della densità, della lunghezza e dello spessore del capello. Dagli studi preliminari è emersa anche la capacità del latanoprost di aumentare la pigmentazione dei capelli. Questo fa del latanoprost il primo ed unico farmaco utilizzabile nella cura sia dell’alopecia che per i capelli bianchi. (http://www.doctorsequipe.it/nostri-trattamenti/tricologia-medica/).

Il latanoprost, attualmente, trova impiego nel trattamento della alopecia androgenetica dei capelli e nella alopecia areata di ciglia, sopracciglia e barba. Attualmente, in Italia, per questi scopi è prescrivibile SOLO in formulazione galenica. Solo il Farmacista Preparatore può quindi allestire preparati a base di latanoprost, altrimenti non disponibili, con conseguenti vantaggi:

  • preparazioni a base di qualsiasi percentuale di latanoprost (es. 0.01%, 0.03%, 0.05%, 0.1% eccetera);
  • preparazione di qualsiasi quantità di soluzione (es. 10 ml, 30 ml, 50 ml, 100 ml eccetera);
  • allestimento di un farmaco che non esisterebbe in commercio e che quindi il paziente non potrebbe utilizzare;
  • allestimento di una formulazione estemporanea, senza i principali conservanti o allergeni, pur potendo avere un farmaco stabile e sicuro;
  • possibilità di associare il Latanoprost ad altri principi attivi estremamente utilizzati per l’alopecia androgenetica quali minoxidil e anti-androgeni;
  • possibilità di incorporare il Latanoprost nella forma farmaceutica più idonea per veicolare il principio attivo: soluzione, gel o in schiuma.

A proposito di quest’ultimo punto, per il Farmacista Preparatore, è possibile preparare una schiuma che permetta un’applicazione uniforme su tutto il cuoio capelluto a base di latanoprost grazie all’utilizzo di EspumilTM. EspumilTM è un innovativo eccipiente per applicazioni tricologiche che permette di veicolare in schiuma gli attivi coinvolti nella cura dell’alopecia androgenetica.

Le preparazioni a base di latanoprost vengono confezionate, nel Laboratorio Galenico della Farmacia, nella maniera più idonea all’utilizzo:

  1. flaconi di vetro scuro con contagocce per poter distribuire la soluzione su tutto il cuoio capelluto
  2. contenitori airless con apposito dosatore per le formulazioni in schiuma
  3. piccoli contenitori con pennellino per le applicazioni sul viso in caso di alopecia areata della barba
  4. applicatore simile a quello del mascara per apporre il prodotto su ciglia e sopracciglia.

L’applicazione del latanoprost si effettua una volta al giorno, salvo diversa prescrizione medica. La quantità di prodotto da utilizzare è solitamente 1-2 ml per quanto riguarda l’alopecia androgenetica dei capelli mentre per ciglia, sopracciglia e barba va spalmato il gel con l’apposito applicatore su tutta la zona interessata dalla caduta del pelo.

La ricetta per poter acquistare latanoprost capelli e ciglia in soluzione galenica, può essere redatta da qualsiasi Medico (sia specialista che Medico di base che non specialista), secondo l’art. 5 della Legge 94/98 (Legge “Di Bella”), con particolari formalismi poiché il principio attivo viene impiegato per indicazioni diverse da quelle autorizzate in Italia (nel caso del latanoprost, autorizzato per il trattamento del glaucoma).
Per semplificare, viene reso disponibile al download un facsimile di ricetta medica precompilata.
È una ricetta ripetibile, valida per 6 mesi fino ad un massimo di 10 preparazioni.

Una nota sul prezzo: i farmaci galenici a base di latanoprost capelli o ciglia sono solitamente abbastanza costosi, dato l’enorme costo della materia prima. È comunque necessario contattare la singola farmacia per conoscere il prezzo corretto che varia in base alla quantità da preparare e dal dosaggio (si consideri, ad esempio, che una soluzione 0,1% è 10 volte più concentrata di una allo 0,01%).

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire latanoprost capelli e ciglia in soluzione, da solo o in associazione con minoxidil o altri principi attivi, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Capsaicina farmaco galenico in Farmacia

Una pomata alla capsaicina farmaco galenico e il dolore sparisce!

Una pomata alla capsaicina farmaco galenico e il dolore sparisce!

Sei alla ricerca di capsico o capsaicina farmaco galenico, cioè preparato in Farmacia dal Farmacista?  Allora sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica sono in grado di allestire diverse preparazioni a base di capsico o capsaicina, fornendoti tutte le indicazioni circa l’utilizzo e i possibilità realizzative (vedi in fondo all’articolo per l’elenco completo delle Farmacie).

La capsaicina è un principio attivo contenuto, in diverse concentrazioni, all’interno di piante del genere Capsicum, che è responsabile del caratteristico sapore piccante associato alle varie tipologie di peperoncino.
Farmaci (galenici e industriali) a base di capsico, sia puro sia sotto forma di oleoresina, vengono tuttora utilizzati come antireumatici ed analgesici, ma risultano utili anche nel contrastare le nevralgie post – erpetiche e del trigemino (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1954640).

Alla base dell’azione analgesica attribuita a questi alcaloidi vi è la desensibilizzazione di fibre nervose di conduzione del dolore. Il capsico infatti stimola alcuni recettori determinandone successivamente la desensitizzazione, processo con il quale viene inattivata la conduzione del dolore attraverso la fibra nervosa. Da ciò ne deriva l’iniziale sensazione di bruciore e di calore, con relativo arrossamento, indotti dall’utilizzo topico di capsaicina farmaco galenico o industriale (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18209521 e http://www.fisiokinesiterapia.biz/download/Il%20dolore.pdf).
Proprio per dare l’idea della potenziale pericolosità, basti pensare che la sostanza pura viene manipolata da Farmacisti protetti da apposita vestizione e sotto speciali cappe chimiche, che li proteggono i
Il gel (o “pomata”) alla capsaicina viene inoltre spesso adoperato dagli sportivi prima di una gara, per favorire il rilassamento e la “preparazione” dei muscoli allo sforzo.

I Farmacisti di Farmagalenica sono in grado di allestire farmaci in

  • unguento
  • gel oleoso
  • collutorio
  • capsule

a base di capsaicina pura o di oleoresina di capsico (meno irritante, ma meno concentrato), garantendo diversi vantaggi a paziente e al medico quali

  • allestimento di un preparato personalizzato con concentrazioni di capsico variabili, da basse (es 0.025%, 0.075%, 1% eccetera) a alte (2%, 8%, eccetera)
  • assenza di sostanze allergizzanti o anche di conservanti se necessario
  • aggiunta di altri principi attivi quali canfora, metile salicilato eccetera
  • aggiunta di mentolo, per migliorare la gradevolezza del prodotto
  • realizzazione di vari formati di prodotto (es. solo 10 grammi piuttosto che 50g, 100g, 250g, eccetera) in modo da contenere sprechi e costi

Come già precedentemente detto può essere utilizzato sia il capsico puro, sia l’oleoresina. In quest’ultimo caso possono essere adoperate concentrazioni fino a 40 volte superiori rispetto al capsico puro (1g di capsico oleoresina equivale a 0,025 g di capsico puro).

La crema o il gel di capsaicina farmaco galenico, se utilizzati come antireumatici, possono essere applicati dalle tre alle quattro volte al giorno, massaggiando per alcuni minuti la parte da trattare, evitando l’applicazione su mucose, pelle irritata o piaghe ed in prossimità degli occhi, ed avendo l’accortezza di lavarsi le mani subito dopo l’uso (per evitare di strofinarsi gli occhi inavvertitamente nel corso della giornata).
L’utilizzo del preparato, anche se per uso topico, non è consigliato in gravidanza ed è allo stesso modo fortemente sconsigliato durante l’allattamento, per via dell’assorbimento percutaneo degli alcaloidi, fortemente irritanti, solubili nel latte.
In caso di utilizzo di quantità eccessive di prodotto si può facilmente incorrere in dolore temporaneo, arrossamenti ed addirittura ustioni. Nei casi più complessi è utile effettuare degli impacchi di ghiaccio, per calmare la sensazione di bruciore.

Per la realizzazione di capsaicina farmaco galenico in olio o pomata, sia puro sia in oleoresina, è solitamente necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile, valida per un massimo di dieci preparazioni per sei mesi dalla data di prescrizione.
Non è necessaria alcuna ricetta medica per quanto riguarda l’allestimento di capsico unguento al 2.5% per il quale è importante seguire i consigli del Farmacista preparatore.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire capsaicina farmaco galenico in olio o unguento o soluzione, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Vitamina A farmaco galenico, come Arovit gocce

L' Arovit gocce non è più in commercio? Ma non c'è problema!!

L’ Arovit gocce non è più in commercio? Ma non c’è problema!!

Sei alla ricerca di farmaci a base di vitamina A in gocce? Usavi l’ Arovit gocce che adesso non trovi più in Farmacia? Buone notizie: sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica.it sono in grado di allestire il farmaco galenico nei propri Laboratori, direttamente per te (vedi in fondo all’articolo l’elenco completo delle Farmacie).

La vitamina A è un composto liposolubile che si ritrova in natura in diverse forme che includono il retinolo ed i suoi analoghi (retinoidi), di cui se ne conoscono oltre 1500 tipologie.
Il β-carotene (tradizionalmente chiamato provitamina A), è un precursore del retinolo che risulta essere utile ai fini della sintesi della vitamina stessa; contribuisce alla visione crepuscolare, funzionalità fondamentale per garantire l’acuità visiva notturna.
Altre funzionalità degne di nota attribuibili al retinolo ed ai suoi analoghi sono

  • il potenziamento delle risposte immunitarie innate
  • l’eritropoiesi
  • lo sviluppo embrionale e fetale (attenzione: dosi troppo elevate, superiori a 10000 UI giornaliere, possono invece causare gravi danni al feto, in quanto teratogene, specie nel primo trimestre)

Date le notevoli funzionalità attribuite alla vitamina A, è facile comprendere come il soddisfacimento dei bisogni dei suoi derivati all’interno dell’organismo sia di notevole importanza. Ma quali sono i motivi della carenza di vitamina A? Tra i principali:

  1. malassorbimento della vitamina stessa
  2. carenza nella dieta
  3. fumo

L’insufficiente introduzione di vitamina A nell’organismo determina, inoltre, cecità notturna (emeralopia), discheratosi cutanea, fotofobia, secchezza della cornea (xeroftalmia), apatia etc. (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10637381)

Per tutti questi motivi è importante garantire il corretto apporto di vitamina A fin dall’età pediatrica, attraverso una dieta equilibrata e, qualora non fosse sufficiente, mediante un’ integrazione della stessa.
Un farmaco usatissimo sotto controllo medico (ergo, con ricetta medica), era Arovit® gocce a base di vitamina A, che però non è più in commercio in Italia.

A tal proposito, le Farmacie Galeniche di Farmagalenica.it possono realizzare una preparazione a base di vitamina A in gocce, capsule o altro, specifica per tutte le età e le diverse esigenze. I vantaggi:

  1. la preparazione di quantitativi diversi di Farmaco (10, 30, 50, 100 ml ecc.)
  2. la realizzazione di un prodotto a qualsiasi concentrazione di vitamina A (36.000 UI, 150.000 UI, 300.000 UI ecc..), in base alle necessità del medico e del paziente, permettendo di dosare il contenuto di vitamina A in ogni singola goccia
  3. l’aromatizzazione del farmaco (es. con aspartame, utilizzabile anche nei pazienti diabetici) per risolvere il problema dell’untuosità e amarognolo della vitamina A
  4. la realizzazione di un preparato in gocce che ad oggi non è più prodotto da nessuna industria farmaceutica
  5. la possibilità per i pazienti bisognosi, di potersi curare (grazie Farmacista! :-))

Il Farmaco galenico a base di Vitamina A realizzato dal Farmacista in Farmacia può contenere vitamina E o BHT, sostanze che vengono introdotti per evitare l’ossidazione della vitamina A, utili quindi come agenti stabilizzanti.
Il Farmaco, una volta allestito, va conservato in un luogo fresco (consigliato, ma non obbligatorio, il frigorifero) e utilizzato entro massimo sei mesi dalla data di allestimento.
Per l’allestimento di gocce orali galeniche a base di vitamina A è necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile, valida sei mesi per un massimo di dieci preparazioni. Non sono acquistabili senza ricetta, esattamente come era per il farmaco industriale Arovit gocce.

Le gocce di vitamina A possono essere assunte esattamente come si assumeva l’ Arovit gocce, quindi come tali direttamente in bocca oppure con una bevanda fresca (non acquosa, altrimenti l’olio galleggia) oppure fatte adsorbire su un pezzo di pane o un biscotto.

Trattamenti a lungo termine con vitamina A sono associati a cirrosi, alterazione della circolazione epatica ed epatotossicità, motivo per il quale è necessario evitarne la somministrazione in pazienti già affetti da disfunzioni epatiche. (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1002277/)
Per ulteriori approfondimenti su effetti collaterali, avvertenze e altro, si rimanda a questo indirizzo.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire preparati orali a base di vitamina A come era l’ Arovit gocce consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Tamoxifene senza lattosio, capsule in Farmacia

Tamoxifene senza lattosio? SI, grazie al Farmacista.

Tamoxifene senza lattosio? SI, grazie al Farmacista.

Sei alla ricerca di un preparato galenico contenente tamoxifene senza lattosio o altri eccipienti? Cerchi un dosaggio personalizzato di Farmaco ma non sai a quale Farmacia rivolgerti? Sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica.it possono allestire un farmaco in capsule a base di tamoxifene senza lattosio (vedi lista delle Farmacie in fondo all’articolo).

Il tamoxifene è un principio attivo non steroideo che mostra un complesso spettro di effetti antiestrogenici su alcuni tessuti quali quello mammario, ed estrogenici su altri (apparato osteoarticolare su tutti). Tali effetti ne favoriscono l’utilizzo nel trattamento del carcinoma al seno senza determinare riduzione della densità minerale ossea.
Dato l’importante ruolo che ricopre nella terapia del carcinoma mammario ER+ (la cui crescita è influenzata dagli ormoni estrogeni) risulta essere fondamentale garantire il corretto proseguimento della terapia con il tamoxifene in tutte le pazienti affette da questa forma tumorale.

Per diverse motivazioni, tra le quali degna di nota è l’intolleranza al lattosio, viene scoraggiato l’uso del farmaco in questi pazienti. Per garantire allo stesso modo l’inizio e la prosecuzione di terapia in donne affette da tale problematica si può ricorrere all’Arte del Farmacista, ossia la preparazione galenica di un farmaco personalizzato.
I Farmacisti di Farmagalenica.it possono realizzare delle capsule a base di tamoxifene senza lattosio o altri eccipienti, escludendo quindi il lattosio e/o agenti conservanti e/o allergizzanti.
L’allestimento del farmaco nei laboratori specializzati di Farmagalenica.it garantisce diversi vantaggi tra cui:

  • utilizzo di eccipienti nella formulazione ad ESCLUSIONE del lattosio, permettendo l’utilizzo del farmaco anche in pazienti intolleranti ad esso
  • realizzazione di un numero congruo di capsule adatte alla terapia in atto;
  • assenza di conservanti;
  • personalizzazione del dosaggio di tamoxifene (Es. 5 o 10, 20 mg etc. etc).

Uno studio realizzato in ambito ospedaliero ha potuto inoltre constatare la variabilità della risposta terapeutica in pazienti affetti da carcinoma mammario, trattati con tamoxifene citrato contententi lattosio, confrontati con un preparato avente analogo principio attivo distribuito all’interno della mescola B (una miscela di eccipienti non contenente lattosio). Il lattosio potrebbe infatti alterare l’assorbimento del farmaco, rendendo in taluni casi, ad esempio in pazienti con intolleranza alimentare, il trattamento meno efficace o addirittura inutile (cfr. http://www.farmaciaclinica.it/r.php?v=2046&a=22280&l=323158&f=allegati/02046_2015_03/fulltext/15_galenicaclinica_140_152.pdf).

La possibilità da parte del Farmacista Galenista di utilizzare una miscela diversa di eccipienti con (esempio) magnesio stearato, talco, amido e silice biossido in assenza di lattosio può garantire il prosieguo del trattamento senza incorrere in effetti indesiderati come nausea, diarrea, flatulenza e/o addirittura l’eliminazione precoce del farmaco, situazione che pregiudicherebbe l’effetto terapeutico.
Ѐ importante ricordare che in alcuni casi limitati il carcinoma mammario può colpire anche gli uomini, in questo caso può essere adoperato, a discrezione del medico specialista, un preparato a base di tamoxifene con un dosaggio personalizzato secondo la tipologia e l’entità della malattia.

Il Farmaco galenico allestito dai Farmacisti specializzati di Farmagalenica.it verrà introdotto in appositi contenitori per capsule da tenere al riparo da umidità e fonti di calore ad una temperatura al di sotto dei 30 gradi.
Così come per il farmaco industriale anche il preparato galenico può determinare diversi effetti indesiderati, tra i quali i più frequenti sono rappresentati da vampate di calore, sudorazione notturna, perdite vaginali, irritabilità, alterazione del ciclo mestruale etc. In ogni caso, al fine di garantire la massima risposta terapeutica, è consigliabile assumere il farmaco sempre alla stessa ora, con una tolleranza massima di due-tre ore.

Per la realizzazione di un farmaco galenico in capsule a base di tamoxifene senza lattosio è necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile, valida per dieci preparazioni nell’arco di sei mesi dalla data di prescrizione.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di realizzare capsule di tamoxifene senza lattosio o altri eccipienti consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

Cannabis capsule orali, farmaco in Farmacia

La vita è semplice con la cannabis capsule orali decarbossilate :)

La vita è semplice con la cannabis capsule orali decarbossilate :)

Una novità recente sul panorama farmaceutico è la cannabis capsule orali decarbossilate, pronte all’uso, da ingoiare come tali, parzialmente o completamente decarbossilate.
Sono preparate dai Farmacisti preparatori di Farmagalenica nei loro Laboratori Galenici (lista delle Farmacie in fondo all’articolo).

Attenzione: le capsule orali di cannabis decarbossilate NON sono assolutamente da confondere con le capsule contenenti olio/resina di cannabis (olio di cannabis incapsulato). Nel testo che segue, si parlerà delle infiorescenze di cannabis terapeutica tali e quali, decarbossilate in stufa e racchiuse in capsule.

Le classiche vie di somministrazione della cannabis sono note: inalatoria (vaporizzata o fumata) e orale (specie in tisana).
Si è già parlato più volte dei limiti e difficoltà della tisana alla cannabis (vedi articolo dedicato) piuttosto che della difficoltà che molti pazienti incontrano ad assumere cannabis per via inalatoria, principalmente per i seguenti motivi:

  1. via di somministrazione generalmente non accettata
  2. rapidità di effetto, ma altrettanto rapida scomparsa (e molte patologie richiedono una durata d’azione molto più lunga)
  3. elevato costo dei vaporizzatori

La soluzione al problema è sempre stata rappresentata dall’olio di cannabis (specie in olio di oliva, il Cannabis Olive Oil), che però, soprattutto nell’ultimo periodo, ha incontrato alcune difficoltà:

  1. la necessità di essere titolato dal farmacista (in base al Decreto 9/11/2015), cosa che ha portato quasi tutte le farmacie a cessarne la preparazione
  2. elevata variabilità di contenuto in base alla metodica di preparazione e successiva estrazione

Certamente l’olio di cannabis in olio di oliva (Cannabis Olive Oil) ha innumerevoli vantaggi che vanno da una enorme semplicità d’uso, alla sua elevata praticità, miglior biodisponibilità, miglior decarbossilazione, ecc…

In alcuni casi, però, il Medico e/o il Paziente possono avere necessità di non utilizzare l’olio (es. problemi di gusto, farmacocinetica, trasporto di liquidi, malassorbimento di grassi), ma allo stesso tempo necessitano di una certezza e precisione della dose di cannabis che la tisana non può in nessun modo garantire.
Ecco che i Farmacisti Preparatori di Farmagalenica sono in grado di realizzare cannabis capsule orali decarbossilate, contenenti non l’olio di cannabis, ma la cannabis vera e propria (il fiore femmina), opportunamente preparata, per fornire l’esatta e precisa dose richiesta dal medico.
Infatti, se il medico richiede una “dose” da es. 100mg esatti di cannabis terapeutica, le capsule orali di cannabis decarbossilata conterranno esattamente 100mg di cannabis senza che sia avvenuta alcuna estrazione o perdita di sostanza.

Per fare un esempio: immaginiamo un medico che prescriva ad un paziente di assumere 100mg di cannabis 3 volte al giorno. Si avrà che

  • Tisana/capsule per tisana: il paziente prepara la tisana (45-50 minuti ogni volta) e non ha idea di cosa sta assumendo. Questo per 3 volte al giorno…
  • Cannabis Olive Oil: il paziente conta le gocce che servono, tenendole sotto la lingua, 3 volte al giorno. La dose assunta si avvicina a 100mg a seconda di come la Farmacia ha preparato l’olio.
  • Capsule orali: il paziente ingoia 1 capsula da 100mg 3 volte al giorno.

Detto altrimenti: mentre nelle capsule apribili per tisana, la cannabis polverizzata contenuta nella capsula andava comunque posta in acqua e scaldata, in questo caso la cannabis capsule è già pronta all’uso, solo da ingoiare con un po’ di liquido (acqua o altro) in base alla posologia stabilita dal medico.

Di cosa si tratta di preciso, dunque?
Di una capsula che contiene al suo interno 3 componenti:

  • la cannabis (qualsiasi varietà tra le varietà di marijuana terapeutica legale in Italia: Bedrocan, Bedrolite, Bediol, Bedica, Bedrobinol) alla esatta dose richiesta dal medico (es. 87 mg)
  • maltodestrine, una sostanza dolciastra (anche per diabetici) di supporto per la lavorazione della cannabis
  • olio di cocco (certificato di grado farmaceutico), aggiunto a parte, direttamente dal Farmacista in un ultimo momento.

I Farmacisti preparatori di Farmagalenica aggiungono infatti l’olio di cocco in rapporti e dosi precise nella capsula, allo scopo di aumentare enormemente la biodisponibilità della cannabis terapeutica, vale a dire la quantità di principi attivi che viene assorbita: semplificando, più la cannabis è “immersa” nel grasso, più viene assorbita ed è quindi “potente”.

Per poter acquistare la cannabis capsule orali decarbossilate è necessario (come per qualsiasi preparazione a base di cannabis) disporre di una opportuna ricetta medica. Per tutti i dettagli, facsimile e informazioni, si rimanda a questo esaustivo post e anche a quest’altro.
Inoltre, i farmacisti preparatori potranno trovare dettagli tecnici e metodica di preparazione accedendo a questa pagina.

Per cercare e visualizzare quali Farmacie di Farmagalenica sono capaci di allestire cannabis capsule orali decarbossilate consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

Gel al perossido di idrogeno, preparazione in Farmacia

Gel al perossido di idrogeno preparato direttamente dal Farmacista

Gel al perossido di idrogeno preparato direttamente dal Farmacista

Se sei un odontoiatra e stai cercando un gel al perossido di idrogeno a diversa concentrazione (bassa – medio – alta), sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica sono in grado di preparalo nei loro Laboratori Galenici (vedi lista delle Farmacie in fondo all’articolo).

Il gel al perossido di idrogeno è spesso usato in ambito professionale nel trattamento della discromia dentale. Essa è l’alterazione del colore dei denti, che può presentarsi sotto forma di macchie o interessare tutta la superficie esposta del dente e che rende i denti non esteticamente gradevoli.
Le cause della discromia dentale possono essere molteplici:

  • assunzione di particolari cibi e bevande dall’elevato potere colorante quali caffè, tè, liquirizia, vino rosso, salsa di soja ecc..
  • fumo
  • deficit nutrizionali
  • età
  • scarsa igiene dentale e formazione di placca e tartaro
  • assunzione prolungata di farmaci quali le tetracicline e la ciprofloxacina
  • elevati livelli di fluoro
  • utilizzo eccessivo di collutori a base di clorexidina

Ad oggi, è molto in voga lo “sbiancamento-fai-da-te”, ma è sempre bene rivolgersi ad un Dentista per evitare danni quali l’abrasione della superficie del dente ed aumento della sensibilità dentale.
Grazie al Farmacista Galenista, ora il Dentista può prescrivere gel al perossido di idrogeno (noto anche come acqua ossigenata), per lo sbiancamento dei denti, che viene preparato direttamente in Farmacia dal Farmacista, con conseguenti vantaggi:

  1. il paziente può beneficiare di un preparato specifico realizzato su misura in base alle sue necessità (livello di colorazione, sensibilità dentale, superficie da sbiancare);
  2. la possibilità di ottenere gel con percentuali diverse di perossido di idrogeno: ad esempio 7.5%, 29%, 35%;
  3. allestimento della preparazione senza l’utilizzo di sostanze che danneggino il dente e le gengive (ad esempio alcune strisce per lo sbiancamento dei denti presenti in commercio contengono biossido di cloro che può corrodere irreversibilmente lo smalto).

Va però ricordato che concentrazioni medio – alte sono di competenza ed uso ambulatoriale esclusivo del Dentista, in quanto il paziente non ha le conoscenze per manipolare un prodotto potenzialmente dannoso per la salute del dente.

Il Farmacista Preparatore è quindi in grado di realizzare qualsiasi concentrazione e qualsiasi quantità di gel al perossido di idrogeno in base a quanto riportato dal Medico o Odontoiatra in ricetta (v. fine articolo).

Volendo dare qualche indicazione sul funzionamento del gel al perossido di idrogeno, esso si scompone in radicali liberi di ossigeno, che sono in grado di ossidare le sostanze colorate in molecole più semplici, incolori; inoltre lo sbiancamento può essere effettuato con o senza fotoattivazione tramite particolari lampade che, producendo calore, accelerano la reazione ossidativa del perossido di idrogeno.

Il tempo di applicazione del gel va dai 30 ai 60 minuti e il numero di applicazioni va deciso dal Dentista, in base all’effetto ricercato e alla situazione di partenza.
Il trattamento domiciliare prevede l’utilizzo di gel a concentrazioni medio-basse e richiede tempi più lunghi, mentre quando il trattamento è effettuato direttamente in ambulatorio dal Dentista, utilizzando prodotti altamente concentrati, solitamente sono sufficienti una o due sedute da trenta minuti circa.

Importante: dopo il trattamento sbiancante bisogna assolutamente evitare per almeno 48 ore cibi e bevande sopracitate quali caffè, tè, vino rosso, liquirizia ecc e bisogna evitare di fumare.

Il gel preparato dal Farmacista viene dispensato sotto forma di siringhe per utilizzo orale (quindi senza ago) e va conservato in frigo, al riparo dalla luce. Se refrigerato, ha una validità di 14 giorni.
Il gel al perossido di idrogeno non può essere acquistato liberamente, ma richiede una ricetta medica ripetibile valida 6 mesi, durante i quali possono essere dispensate al massimo 10 preparazioni.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire gel al perossido di idrogeno consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

Blu di toluidina, preparazione galenica

E' possibile far preparare il blu di toluidina al Farmacista preparatore

E’ possibile far preparare il blu di toluidina al Farmacista preparatore

Sei un medico e/o hai la necessità di reperire la soluzione di blu di toluidina ma non sai a chi rivolgerti per acquistarla? Sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica.it possono allestire tale preparazione secondo le tue personali necessità (vedi in fondo l’articolo per l’elenco completo delle Farmacie).

Il blu di toluidina, o cloruro di tolonio, è una sostanza colorante basica che causa la colorazione della pelle in modo differente in base al pH e alla natura chimica dei costituenti. In ambito clinico, la soluzione a base di blu di toluidina può essere utilizzata a scopo diagnostico per la valutazione precoce di neoplasie (tumori) a livello orale o genitale, grazie all’alta praticità di utilizzo e ad una buona selettività nell’individuazione di cellule tumorali e pre-cancerose (cfr. http://www.uniroma2.it/didattica/tecnistol/deposito/LEZ._3-_ISTOCHIMICA.pdf).

L’azione di questo colorante è molto semplice: ad esempio, in campo ginecologico una soluzione di blu di toluidina viene spennellata sulle aree da trattare, per venir poi “risciacquata” con acido acetico al 5% o 1% (o qualsiasi altra desiderata). La cute “normale/sana” capterà poco colorante; al contrario, un’area caratterizzata da cellule “atipiche” tratterrà il colore blu, fissandolo in superficie e determinando il mantenimento della colorazione.
In ambito ginecologico l’esame diagnostico che sfrutta queste specifiche caratteristiche prende il nome di test di Collins e, come detto, risulta essere adeguatamente selettivo e specifico nella diagnosi di diverse neoplasie.

Discorso analogo per patologie cancerose a livello orale – buccale (utile per odontoiatri) in cui vari studi confermano la buona selettività dell’analisi, caratterizzata da un numero basso di falsi positivi e negativi, ed un’ottima praticità di utilizzo (v. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3424943/#ref6, https://pubchem.ncbi.nlm.nih.gov/compound/Toluidine_Blue_O#section=Top,  http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/6200814).
Ciò avviene anche in presenza di malattie quali lupus eritematoso, disfagia sideropenica, glossite atrofica, epatopatie croniche ed in caso di immunodeficienza (http://ildentistaconlev4ns.com/lesioni-precancerose-del-cavo-orale-2/).
I test possono essere effettuati anche in vitro.

Per la diagnosi di neoplasie orali, l’utilizzo della soluzione di blu di toluidina è altrettanto semplice:

  1. effettuare lavaggi con acqua sulla zona da trattare
  2. sempre sulla stessa zona, effettuare lavaggi con una soluzione all’1% di acido acetico
  3. applicare la soluzione direttamente sull’area da trattare mediante un tampone in cotone
  4. risciacquare nuovamente con la soluzione di acido acetico
  5. valutare il risultato (netta colorazione blu scuro = positività).

Il Farmacista Preparatore può realizzare diverse tipologie di preparati a base di blu di toluidina, partendo direttamente dalla materia prima pura per “creare” il prodotto con le specifiche richieste dal medico:

  • qualsiasi dosaggio desiderato di blu di toluidina (es. 1%, 2%, ecc…) o di acido acetico soluzione (es. 1%, 1.5%, 2%, ecc…)
  • produzione di una qualsiasi quantità di preparato: es. 10ml, 100ml, 1 litro, eccetera.
  • totale o parziale assenza di conservanti o altre sostanza allergizzanti
  • reperimento di un prodotto non sempre presente in commercio.

Va ricordato, inoltre, che oltre alla soluzione pura, il Farmacista preparatore può realizzare anche soluzione di blu di toluidina fenicata.

Affinché il Farmacista Galenista possa preparare e dispensare questo preparato, è richiesta la presentazione di una ricetta medica ripetibile valida per sei mesi, massimo 10 dispensazioni.
Curiosità: a volte il nome del blu di toluidina è storpiato in tolOudina.

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di realizzare preparazioni a base di blu di toluidina consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Metodo COIMBRA: Vitamina D preparata in Farmacia

Metodo COIMBRA: le Farmacie permettono di ottenere i farmaci galenici necessari.

Metodo COIMBRA: le Farmacie permettono di ottenere i farmaci galenici necessari.

Hai sentito parlare del metodo COIMBRA (o protocollo COIMBRA) e delle sue possibili applicazioni terapeutiche, ma non sai cosa tratta nello specifico? Ti è stato prescritto l’utilizzo di vitamina D ad alti dosaggi, ma non sai dove trovarla e acquistarla? Sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica sono in grado di realizzare farmaci galenici (cioè preparati direttamente dal Farmacista) a base di vitamina D e/o del mix vitaminico richiesti per la corretta applicazione del metodo COIMBRA (vedi in fondo l’articolo per l’elenco completo delle Farmacie).

Il metodo COIMBRA è stato formulato dal Dottor Cicero Coimbra, neurologo e professore della UNIFESP e anche ricercatore nell’ambito delle malattie del sistema nervoso ed autoimmunitarie, ed è tuttora applicato da diversi pazienti per il trattamento di molteplici malattie autoimmuni quali la sclerosi multipla, la vitiligine, la psoriasi.
Alla base di tale metodo vi è la certezza da parte del Dott. Coimbra che bassi livelli di vitamina D (nome chimico colecalciferolo), dovuti a

  • scarsa esposizione solare
  • scarsa assunzione di vitamina D con gli alimenti
  • alterata attività dell’enzima che ne determina la sua attivazione nel metabolita attivo (nome chimico 1,25 diidrossicolecalciferolo)

possano determinare l’insorgenza di quasi tutte le malattie di origine autoimmunitaria.

La vitamina D, considerata dal Dott. Coimbra un vero e proprio ormone, sembra influenzare l’espressione di almeno il 10% del nostro patrimonio genetico, risultando essenziale come agente immunomodulatore e garantendo, in particolare a livello del sistema nervoso centrale, un’azione antiproliferativa ed antinfiammatoria (vedi http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2733195/#CR61).
L’assunzione di vitamina D con la dieta risulta essere, secondo gli studi condotti dal dott. Coimbra, molto marginale: i 100 UI giornalieri assunti comunemente con una dieta occidentale apportano un quantitativo di vitamina D ben al di sotto della dose minima consigliata dal protocollo, la quale si può estendere fin oltre i 500 UI per kg di peso corporeo al giorno!
La stessa esposizione ai raggi solari per circa venti minuti (passaggio essenziale per il protocollo COIMBRA), determina in un organismo giovane la produzione di circa 10.000 unità di vitamina D (vedi http://www.thisisms.com/forum/coimbra-high-dose-vitamin-d-protocol-f57/topic27182.html e http://coscienzeinrete.net/benessere-olistico/item/2006-vitamina-d-nella-cura-della-sclerosi-multipla).

Il metodo COIMBRA segue schemi personalizzati per ogni paziente, che permettono di stabilire in base all’età, sesso, patologia e ai livelli nel sangue di vari indicatori (paratormone, creatinina, calcio, albunina, ferritina, tsh, eccetera), il giusto dosaggio giornaliero di vitamina D che il paziente deve assumere.

Si inizia con uno schema posologico che garantisce l’apporto di livelli alti, ma non elevatissimi di vitamina D, da somministrare per almeno sei mesi.
Seguirà un controllo clinico con aggiustamento della posologia e assunzione di dosaggi ancora più elevati di vitamina D, fino a 2 anni, seguiti poi da un’ulteriore visita specialistica (http://www.thisisms.com/forum/coimbra-high-dose-vitamin-d-protocol-f57/topic27182.html).

Le uniche avvertenze che richiede il protocollo COIMBRA sono

  1. l’assunzione di una minima quantità di calcio, il che vuol dire riduzione nella dieta di latticini e correlati, al fine di evitare l’unico grande effetto indesiderato associato all’assunzione di alte dosi di vitamina D, ovvero l’ipercalcemia e l’aumentato rischio di insorgenza di calcolosi renale.
  2. qualora possibile, attività fisica regolarmente, seppur minima
  3. eseguire periodicamente esami del sangue al fine di valutare i livelli di calcio, paratormone e vitamina D.

Da ciò si evince che tale metodo richiede una personalizzazione della terapia ben precisa, a cui si aggiunge l’indisponibilità in commercio di farmaci industriali già pronti in grado di apportare dosi così elevate di vitamina D, se non con alti quantitativi assunti ed altrettanto dispendio economico.

Ed ecco che l’Arte Galenica del Farmacista viene in aiuto, permettendo l’allestimento di un farmaco personalizzato per le singole necessità: nei Laboratori Galenici di alcune Farmacie di Farmagalenica, infatti, possono essere allestite delle capsule a base di vitamina D in olio a diversi dosaggi per capsula, tale da facilitare la terapia farmacologica con questo metodo.
Inoltre possono essere realizzati qualsiasi numero di capsule, in base alle esigenze del paziente e alla durata della terapia. Alla terapia standard a base di vitamina D, a dosaggi altamente variabili, viene spesso associata una preparazione costituita da un mix di sostanze quali: zinco, magnesio aspartato, riboflavina, acido folico, vitamina B12, selenio e cromo da assumere tre volte al giorno, al mattino dopo il pranzo e dopo cena.
Il protocollo COIMBRA, sopratutto all’estero, sembra stia ottenendo risultati insperati e sorprendenti, specie riguardo il trattamento della sclerosi multipla. Molti studi infatti illustrano il miglioramento della condizione clinica in pazienti trattati con alti dosaggi di vitamina D affetti da tale patologia.

Gli unici ostacoli alla terapia sembrano essere la depressione, lo stress, il fumo ed alcuni farmaci antiepilettici, tutti fattori che possono ridurre il quantitativo di vitamina D assorbito a livello intestinale (info su http://www.thisisms.com/forum/coimbra-high-dose-vitamin-d-protocol-f57/topic27182.html e http://www.jns-journal.com/article/S0022-510X(13)00144-5/abstract e http://www.tandfonline.com/doi/full/10.4161/derm.24808)

Per l’allestimento di tutti i preparati sopra descritti (capsule di vitamina D e mix di macro/microelementi) è necessaria la presentazione di una ricetta medica ripetibile valida per 10 preparazioni in 6 mesi, in cui, per la presenza degli alti dosaggi, il medico si assuma la responsabilità di quanto prescritto (esempio, apponendo “Sic volo” sulla ricetta).

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di realizzare i preparati utilizzabili nel metodo COIMBRA, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Calcio gluconato gel, farmaco galenico in Farmacia

calcio gluconato gel farmaco galenico

Ustione da acido fluoridrico? Il Farmacista prepara il calcio gluconato gel e salviamo la pelle :)

Se stai cercando un farmaco come il calcio gluconato gel, sappi che alcune Farmacie di Farmagalenica.it sono in grado di allestire un galenico a base di questo principio attivo nei loro Laboratori Galenici. (vedi in fondo l’articolo per l’elenco completo delle Farmacie).

Il calcio gluconato gel o non gel (sale dell’acido gluconico), viene utilizzato per diversi scopi a seconda della forma farmaceutica e quindi della via di somministrazione.
Rappresenta infatti un valido integratore di calcio, grazie all’alta percentuale di calcio disponibile in esso contenuto, se somministrato per via orale o iniettiva. Rappresenta inoltre il solo antidoto valido ed utilizzabile nel trattamento di ustioni da acido fluoridrico.

L’acido fluoridrico, in campo industriale, viene impiegato in svariati ambiti, quali la pulizia del marmo, dei mattoni e delle pietre, produzione di fertilizzanti, coloranti, pesticidi, solventi, combustibili, ecc… In ambito domestico l’acido fluoridrico è utilizzato in un sempre maggior numero di prodotti tra i quali spiccano gli smacchiatori per la ruggine ed i brillantanti per la pulizia dell’alluminio.
Il contatto diretto della cute con questo acido è altamente pericoloso poiché provoca rapidamente ustioni dolorose e ulcere.
Vale la pena conoscere il meccanismo d’azione (semplificato): gli ioni fluoruro determinano la fuoriuscita di calcio provocando morte delle cellule cutanee. (https://www.researchgate.net/publication/265380316_Le_ustioni_delle_mani_da_acido_fuoridrico_in_ambiente_domestico_corretto_approccio_terapeutico).
L’alto contenuto di calcio prontamente disponibile contenuto nel calcio gluconato gel tampona direttamente gli ioni fluoruro, formando complessi che prevengono l’ulteriore tossicità, aiutando inoltre a correggere l’ipocalcemia cellulare e sistemica. (v. http://www.raiuc.it/attachments/article/32/Ustioni%20chimiche.pdf).

Ecco che i Farmacisti preparatori di Farmagalenica.it possono realizzare un gel galenico a base di gluconato di calcio, farmaco non disponibile in commercio, ma ottenibile solo grazie al Lavoro del Farmacista.
Il fatto poi, che sia realizzato ad Arte, permette:

  • la realizzazione di un preparato magistrale non disponibile in commercio;
  • la preparazione di un gel ad una determinata concentrazione (solitamente si utilizza il gel al 2.5%), tenendo conto che il Medico potrà richiedere qualsiasi concentrazione necessaria;
  • l’aggiunta, nello stesso gel, di altri principi attivi (esempio, anestetici o disinfettanti quali la lidocaina e la clorexidina); la clorexidina, in particolare, è indicata in caso di ulcerazioni a rischio di infezione;
  • la realizzazione di un determinato quantitativo di calcio gluconato gel, esempio piccoli tubetti da 30 grammi se la zona è piccola (es. mano) o anche chilogrammi di gel nel caso la superficie sia il dorso o torace.

Per la posologia, va ricordato che in caso di contatto cutaneo con acido fluoridrico è importante intervenire nel più breve tempo possibile, detergendo inizialmente con abbondante acqua ed applicando successivamente nella zona da trattare il calcio gluconato gel 2.5% ogni 3 – 6 ore, vale a dire fino a 6-7 volte al giorno (http://www.aslal.it/allegati/Manuale_antidoti_ASL4.pdf).
Qualora il gel venisse applicato a livello delle mani è importante indossare dei guanti protettivi dopo l’applicazione (in cotone), dal momento che il gel risulta essere particolarmente “sdrucciolevole” e potrebbe pertanto compromettere le normali attività quotidiane.

Il calcio gluconato gel non può essere acquistato liberamente, ma richiede una ricetta medica ripetibile valida 6 mesi per 10 preparazioni (diventa NON ripetibile se il medico indica lidocaina, come precedentemente descritto).

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica.it in grado di allestire il calcio gluconato gel, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

Crollo prezzo cannabis terapeutica nelle Farmacie

crollo prezzo cannabis terapeutica italia farmacia

Dopo il crollo prezzo cannabis terapeutica, da 35€ si passa a 21€ al grammo!!!

Da quanto la cannabis è diventata legale ad uso terapeutico nel 2013, uno degli ostacoli più grandi lamentati dai pazienti e associazioni è stato il prezzo: chi diceva che si pagava 35€ al grammo, chi 40€, chi 50€, chi 80€, eccetera.
Posto che agli inizi 2013 (appena diventata legale ad uso terapeutico), la cannabis aveva davvero un prezzo di 35€/grammo (mai 40€), ad oggi importi del genere sono legati o a (voluta) disinformazione o situazioni episodiche disdicevoli. Il Farmacista NON può scegliere liberamente a quale prezzo vendere un farmaco galenico (qualsiasi, non solo i farmaci a base di cannabis), ma deve sottostare a una Tariffa ben precisa, ferma al 1992 (!!), dove tutto parte dal prezzo di acquisto della materia prima (cannabis grezza, raw).

Chiarito il concetto che “1 grammo di cannabis” non vuol dire nulla (si legga l’articolo dedicato), la notizia che molti aspettavano è in arrivo: a partire da Marzo 2016, la cannabis terapeutica di provenienza olandese (Bedrocan BV) verrà venduta nelle Farmacie Italiane (incluse alcune di Farmagalenica) ad un costo di circa 21-22€/grammo, un importante crollo del prezzo cannabis, quindi.

A cosa è dovuto questo calo?
In primis e tecnicamente, ad un solo fattore: la diminuzione dei prezzi di acquisto.
L’Olanda vende ad un prezzo più basso ai fornitori Italiani, i fornitori italiani vendono ad un prezzo più basso ai Farmacisti, i Farmacisti vendono ad un prezzo più basso ai pazienti.

Dopodiché, le considerazioni si sprecano (v. di seguito).

Il calo è avvenuto perché l’Istituto Farmaceutico Militare sta per terminare i raccolti?
Nonostante la risposta possa sembrare di si, la verità è no, per ameno 2 motivi:

  1. i “responsabili” di questo calo sono da identificarsi in alcuni fornitori italiani che si sono attivamente proposti per ridurre il prezzo all’origine e rivalutare il prezzo di vendita all’Italia.
  2. al di la di proclami sensazionalistici di partenza imminente (chi ha seguito dal 2014, ne avrà sentiti tanti, tutti rivelatesi buchi nell’acqua), i tempi reali di effettiva distribuzione delle cannabis prodotta dall’Istituto Militare sono stimati per metà/fine 2016.

Se, come si dice, il prezzo di vendita della cannabis “italiana” del Farmaceutico Militare sarà attorno ai 10€, che convenienza c’è per AUSL o pazienti ad acquistare dall’Istituto Militare?
Sul costo: nessuna. Sui tempi: poco.

Costi: il prezzo di vendita della cannabis Olandese è sui 6€/grammo (più IVA e tasse), esattamente come quello di PRODUZIONE (non vendita) dell’Istituto Militare (5,93€ + IVA, come da Decreto 9/11/2015).
Il prezzo di vendita della cannabis “di stato”, quindi, si aggirerà (stando ad indiscrezioni) sui 10€/grammo (+ IVA), mentre la cannabis di provenienza Olandese, va ribadito, costerà alla fonte 6€/grammo.
Che ne è della convenienza per AUSL e Ospedali, in sostanza, per il Sistema Sanitario Italiano? Cosa ne sarà della coltivazione italiana dopo il crollo del prezzo cannabis, dato che ha un costo superiore a quello di acquisto Olandese?

Tempi: solitamente i tempi di approvvigionamento dall’Olanda sono lunghi (richiedono 1 – 2 mesi), quindi poter acquistare direttamente dall’Italia ridurrà i tempi.
Va però detto anche che ormai ci sono Farmacie che dispongono di ampi quantitativi di scorte di cannabis terapeutica ed è quindi impossibile rimanerne sprovvisti: i pazienti devono solo cercare la Farmacia con scorte, ad esempio tramite il motore di ricerca galenico Cercagalenico.it.

Quale il confronto con la cannabis reperibile sul mercato illegale?
Con il crollo del prezzo cannabis, si è raggiunto sostanzialmente il costo €/g della cannabis illegale reperibile in Italia (cfr. “Cosa ci fanno fumare”, Ghizzoni 2015), con la differenza che il valore medio di THC della cannabis illegale è la metà (10%) rispetto al Bedrocan (22%), senza considerare la purezza, standardizzazione, coltivazione “biologica” della cannabis farmaceutica.

Farmagalenica ricorda infine che alcune Farmacie potranno ancora avere scorte da smaltire con i vecchi prezzi, per cui il calo sarà armonizzato nel giro di qualche settimana/mese.

———————

Su gentile concessione della Farmacia Dr. Ternelli, si rende disponibile al download una scheda riepilogativa sulla Cannabis terapeutica in Italia, incluso un appendice con tabelle di equivalenze tra olio, milligrammi e gocce.

———————

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire preparazioni a base di cannabis (marijuana) terapeutica consultare il motore di ricerca Cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).