Mictasol bleu: blu di metilene preparato in Farmacia

Mictasol bleu, farmaco preparato dal Farmacista che colora le urine di blu

Mictasol bleu, farmaco preparato dal Farmacista che colora le urine di blu

Stai cercando capsule di blu di metilene e malva (ex Mictasol Bleu ®)?. E’ un farmaco non più in commercio come tale (cioè non è più prodotto dall’industria), ma che può essere acquistato ancora oggi presso alcune Farmacie Italiane di Farmagalenica: è un medicinale che viene preparato dal Farmacista nel Laboratorio Galenico della Farmacia, (v. fondo dell’articolo per altre informazioni).

Per poter essere preparato in Farmacia, il blu di metilene necessita di ricetta medica ripetibile, valida per un massimo di 10 preparazioni nell’arco di 6 mesi. Essendo un farmaco preparato al bisogno, il Mictasol Bleu ® può essere preparato in qualsiasi quantità e qualsiasi dosaggio.
IL paziente o medico può quindi richiedere al Farmacista di preparare 10, 30, 50, 100, 1000 capsule di Mictasol Bleu ® in base alla necessità.

Il Mictasol Bleu ® è un farmaco utilizzato nelle affezioni genito-urinarie in quanto associa l’azione decongestionante e vasocostrittrice della malva purpurea con l’azione antisettica e disinfettante del blu di metilene.

Per quanto riguarda il dosaggio, il Mictasol Bleu ® aveva la seguente composizione:

  • blu di metilene 20mg
  • malva purpurea 250mg

Il Medico però, può chiedere al Farmacista di preparare un farmaco con qualsiasi dosaggio, cambiando la parte che interessa: esempio, richiedendo capsule da 40mg piuttosto che da 10mg o 200mg di malva purpurea piuttosto che 400mg.

Ribadito che il Mictasol bleu® non esiste più in commercio, ancora oggi la preparazione galenica è utilizzata per la sua efficacia nel trattamento di cistiti, prostatiti, incontinenza urinaria e emorroidi.

Per quanto riguarda la posologia, il Mictasol Bleu ® si somministra 3 volte al giorno (a distanza di circa 8 ora tra una somministrazione e l’altra) nel numero di capsule indicato dal medico.
Solitamente si assume ai pasti (dopo mangiato) poiché può avere un leggero effetto irritante per la mucosa dello stomaco (specie se assunto a dosi elevate).

Per finire, due informazioni importanti per chi utilizza il Mictasol Bleu ® (o comunque capsule a base di blu di metilene preparate dal Farmacista):

  1. MAI aprire o masticare la capsula: il blu di metilene è un fortissimo colorante e colorerebbe tutta la bocca. Può anche macchiare irreversibilmente i vestiti.
  2. poiché è un fortissimo colorante, i pazienti che assumono blu di metilene hanno la colorazione blu dell’urina. Nessun problema: è assolutamente normale.

Per cercare quali Farmacie Italiane di Farmagalenica possono realizzare il Mictasol Bleu ® (blu di metilene e malva), clicca qui (si aprirà una nuova pagina).

Questo articolo è stato pubblicato in Farmacie e contrassegnato come da Dr. Marco Ternelli . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Dr. Marco Ternelli

Dr. Marco Ternelli, farmacista appassionato di Galenica, Legislazione Farmaceutica e Farmaci al banco. Autore del blog Farmalegge. Amministratore di Farmagalenica.it, Cercagalenico.it e Preparazionigaleniche.it Nel 2013 si è specializzato in preparazioni galeniche a base di cannabinoidi e cannabis e ha conseguito un Master alla Bedrocan BV nel 2014. Da sempre lavora presso la Farmacia Dr. Ternelli (RE).

15 pensieri su “Mictasol bleu: blu di metilene preparato in Farmacia

      • Ho preso per anni Il Mi. Bleu e ne conosco l’ efficacia, stando però a Genova mi trovo distante più di 100 km da qualsiasi farmacia galenica citata nell’ elenco: per caso, inviandovi la ricetta medica, potreste spedirla e potreste indicare quantitativi minimi e prezzi relativi? Grazie e saluti

        • Salve. Tramite il motore di ricerca, può contattare la singola farmacia e chiedere l’invio della prescrizione e del farmaco tramite servizi appositi.
          In definitiva, si è possibile, solo deve rivolgersi alle singole farmacie che trova nell’elenco.

  1. Buongiorno dottore,
    intanto vorrei farle una domanda sulla tossicità del mictasol poiché tolto dal commercio.L’ho assunto tanto tempo fa x una cistite e ho trovato giovamento, ma ho letto che è stato tolto dal commercio x la tossicità del principio attivo, lei pensa che possa essere pericoloso il suo utilizzo nelle dosi indicate x il trattamento delle cistiti?
    ho provato a cercare le farmacie x la sua preparazione sul motore di ricerca da lei indicato, ma inserendo la città di partenza, roma, ricevo il msg che non sono state trovate farmacie,lo stesso se provo a cercare indicando altre città. …tipo Milano. Può aiutarmi? dove sbaglio?

    • Salve.
      Se un farmaco fosse ritirato dal commercio per rischi o problemi legati alla salute pubblica, la legge non permetterebbe al Farmacista di preparalo.
      La ditta ha cessato di produrlo perchè era un vecchissimo rimedio che non remunerava più ed era sempre meno usato.

      Per il problema che dice, provi a pulire la cache del browser e rifare la ricerca: quando scrive la cittò (es. ROMA) il sistema deve proporre in automatico la frase corretta della città (es. “Roma, RM, Italia”). Se non lo fa, provi a cambiare browser.

  2. Mi chiamo David è sono affetto da favismo il blu di metilene causa crisi emolitica è. Anche i nitrofurani tipo nitrofuranteina è. Vero perché?

    • Non ho capito se sono 2 domande, o una affermazione, comunque si, può essere e la causa sembra proprio la mancanza dell’enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD), quello che causa il favismo. La correlazione precisa però (a quanto ne so) non è chiara.

  3. Salve sono uno studente di farmacia, le chiedevo una delucidazione, ora le spiego…
    Qualche mese fa per curiosita’ ho provato a realizzare una cinquantita di capsule di mictasol bleu, con le stesse dosi che riporta nell’articolo. Mi sono procurato via internet una piccola opercolatrice ed una bilancina…e presso le farmacie locali capsule e sostanze.Procedo come visto all’ universita’ miscelo in mortaio le sostanze,misuro il volume, aggiungo l’ eccipiente per arrivare al volume che mi interessa e poi distribuisco nelle capsule, chiudo le capsule e bon, fin qui tutto ok.
    Il tutto fatto sul tavolo di cucina con finestra aperta vicino… il problema sorge mentre ripulisco, appena bagno qualcosa con l’ acqua, comincia ad apparire del blu dovunque… vestiti, tavolo, mortaio, opercolatrice TUTTO MACCHIATO DI BLU(pure in faccia me ne son trovata!) inoltre quella benedetta polvere se ne e’ andata in giro siccome a mesi di distanza ogni tanto trovo ancora del blu in giro per la cucina(non ne ho rovesciata ne sono stato esagitato nel maneggiare il mortaio e tutto il resto)…Dopo 3 ore di ripulitura con alcol sono riuscito a contenere un po il disastro.
    Quello che mi chiedevo e’ come si evitano questo tipo di problemi in un laboratorio galenico vero… preparazioni come queste sono fatte sotto cappa? avete doppioni di strumenti che usate solo per fare questa preparazione? usate altre tecniche di contenimento?

    Grazie per l’ attenzione.

    • Direi che si è scontrato con IL problema fondamentale di qualsiasi laboratorio galenico e che è stato il mio primo pensiero su come combatterlo, nella progettazione del nuovo laboratorio: le contaminazioni.
      Si, perchè il concetto è: lei ha visto dove è “volato” ovunque la polvere e che trova a distanza di mesi, ma solo perchè è ESTREMAMENTE COLORANTE (e questo lo ha capito :)). Ma tutte le polveri bianche e non coloranti? Si muovono esattamente come quella, ma nessuno si lamenta… ma non vuol dire che non ci sono.

      Fatta questa premessa, il modo è: avere un box chiuso dedicato, con cappa chimica aspirante (non aspiratore, cappa chimica chiusa). In questo modo le polveri sono intrappolate in uno spazio limitato (la cappa) che viene poi pulita (richiede tempo, ma almeno sono pochi cm2.

  4. Buongiorno,

    Dopo 3 interventi per recidiva di stenosi all’uretra, vorrei sapere se con una cura continua di questo composto c’è la possibilità perlomeno di mantenere i tessuti decongestionati e puliti, senza conseguenze negative per la patologia.
    In tal caso, che dosaggio?
    Mio figlio ha 24 anni e la prospettiva di una plastica come ultima possibilità.

    Grazie, cordiali saluti,
    Laura

    • Salve,
      non credo che un farmaco del genere sia adatto per un problema di stenosi.
      Certamente può aiutare a tenere puliti,ma è comunque un farmaco il cui uso NON è raccomandato di continuo, ma solo per brevi periodi.

      Il dosaggio da cui iniziare può essere benissimo quello del farmaco industriale che esisteva: blu di metilene 20mg, malva purpurea 250mg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *