Linea Diretta +39 350 5434998 - Orari: 9.00-12.30 / 16.00-19.00 info@farmagalenica.it
Farmagalenica
Informazione su Galenici e Farmacie che fanno Preparazioni Galeniche

Da quando si è sparsa la voce che Farmagalenica ha una divisione cosmetica (il laboratorio cosmetico Farmacosmetica), ormai giornalmente giungono domande sulla possibilità di realizzare cosmetici alla canapa in Italia, insieme a

  • cannabis
  • canapa
  • estratti di canapa
  • cosmetici CBD
  • oli essenziali di canapa

e così via.

Lo scenario classico è l’agricoltore che ha un campo di canapa e vuole venderla (o vendere un semilavorato ottenuto dalla sua coltivazione) ad un laboratorio cosmetico affinché ne faccia cosmetici alla canapa.

Esattamente come nell’uso della canapa/cannabis nel consumo umano in cui vige una grande confusione, anche per l’uso della canapa nei cosmetici ci troviamo nella stessa situazione, specialmente su cosa è lecito e cosa non lo è.

In questo articolo, faremo chiarezza su quali parti e derivati della cannabis/canapa possono essere utilizzati per preparare un cosmetico (creme, shampo, sapono, sieri, ecc…).

Cannabis e canapa

Prima di procedere e per scongiurare incomprensioni ulteriori, serve un minimo di chiarimento sui termini usati, vale a dire

  • cannabis sativa L.: è il nome botanico latino e scientifico della pianta, indipendentemente che sia uso ludico, medico, tecnico, alimentare, industriale che sia. In questo articolo, però, il termine cannabis lo si userà per riferirsi alla cannabis stupefacente (con THC).
  • canapa: conosciuta anche come HEMP, è il termine con il quale ci si riferisce a Cannabis Sativa L. con contenuto di THC < 0,2% nel fiore e quindi non è considerata stupefacente. La canapa legale è destinata all’uso industriale, tecnico, alimentare, tessile, cosmetico ecc… Il limite di THC nelle infiorescenze (nei fiori) è tollerato fino allo 0.6% nelle analisi eseguite sulla coltivazione.

Ulteriori approfondimenti sono in questo articolo dedicato sulla canapa ad uso umano, in cui si spiegano ancora meglio e più dettagliatamente le differenze.

legislazione hemp cannabis in cosmetici
Bello produrre cosmetici alla canapa, ma ci sono (molte) limitazioni

Cannabis nei cosmetici: (breve) iter di produzione e legislazione

Non vogliamo annoiarvi, ma anche questo è un passaggio obbligatorio da conoscere per capire (tra poco) perché SI alcune cose e perché NO altre quando si parla di cannabis nei cosmetici.

Quando si vuole creare e immettere in commercio un cosmetico (qualsiasi, non necessariamente con cannabis) l’iter in estrema sintesi è:

  1. avere un laboratorio cosmetico idoneo
  2. creare la formula
  3. effettuare i test obbligatori sulla stabilità del prodotto
  4. redazione del PIF (Product Information File)
  5. comunicazione telematica al CPNP (Cosmetic Product Notification Portal)
  6. cominciare a commercializzare il prodotto

L’ultimo punto vuol dire che una volta inviato (elettronicamente) la comunicazione al CPNP, dopo appena mezz’ora è possibile commercializzare il prodotto cosmetico.

È nel punto 2 che avviene la scelta e utilizzo delle sostanze e materie prime, tra cui (volendo) canapa e derivati.

La normativa Europea dei cosmetici, valida anche per l’Italia è il Regolamento CE 1223/2009

Controlli sui cosmetici alla canapa e non solo

Seguita la procedura di cui sopra, le domande che sorgono sono:

  • chi garantisce a priori che la composizione del cosmetico venduta sia effettivamente quella registrata?
  • chi garantisce a priori che le sostanze usate nei cosmetici alla canapa siano certificate ad uso cosmetico (eh si, serve quello)?
  • chi garantisce a priori che non ci sia THC nel cosmetico alla canapa?

Queste domande hanno una risposta divisa in 2 parti:

  1. nessuna forza dell’ordine/sanitaria controlla a priori! Tutti i controlli sui cosmetici sono demandati a posteriori mediante controlli a campione sul prodotto già in vendita o dopo segnalazione di reazione avversa da parte del consumatore
  2. il fabbricante è responsabile dei dati dichiarati, qualità delle materie prime usate, corrispondenza al certificato di analisi, ecc…

Fatta questa introduzione (speriamo utile), andiamo al nocciolo.

estratti cannabis nei cosmetici
Nei cosmetici alla canapa NON ci vanno estratti da infiorescenza

Quali sono le parti e derivati della canapa utilizzabili LEGALMENTE nei cosmetici alla canapa?

Versione breve

Sono 4:

  • CBD (non da estratti, tinture o resine)
  • estratti ottenuti da semi di canapa
  • olio ottenuto da semi di canapa
  • steli polverizzati

NON sono utilizzabili nei cosmetici alla canapa:

  • CBD da estratti, tinture o resine
  • olio essenziale
  • tutti gli estratti/resine/tinture da infiorescenze/foglie/gemme

Coraggio, continuate a leggere per capire come e perché 😉

Versione lunga (con dettagli)

Tutte le sostanze utilizzabili nei cosmetici in Europa sono contenute in un grande database chiamato Cosing (Cosmetic Ingredient Database) che è composto da

Per quanto riguarda la canapa (hemp), in questo database Europeo e quindi valido per qualsiasi cosmetici alla canapa, sono riportate 17 diverse registrazioni alla data del presente articolo, in particolare le seguenti (nome INCI):

  • CANNABIDIOL (cannabidiolo)
  • CANNABIS SATIVA SEED OIL (olio di semi di canapa)
  • CANNABIS SATIVA SEED EXTRACT (estratto dai semi di canapa)
hemp seed oil cannabis nei cosmetici

Cannabis Sativa Seed Oil

Il più semplice, l’olio di seme o olio di canapa, inteso come l’olio ottenuto dalla spremitura del seme.

Avete presente i cosmetici all’olio di oliva o con l’olio di mandorle dolci o olio di enotera? Ecco, stessa cosa, cosmetici con l’olio di canapa. Niente CBD (se non tracce irrilevanti), niente cannabinoidi, …

Posto che si utilizza anche a livello alimentare, a livello cosmetico, l’olio di semi di canapa ha proprietà

  • emollienti
  • protettive per la pelle

Volete saperne di più sull’olio di canapa? Leggete l’articolo dedicato.

Cannabis Sativa Seed Extract

Anche qui, parliamo di qualcosa di noto: estratti derivanti dal seme di canapa.
Il seme di canapa ufficialmente non contiene THC (se non tracce per contaminazione) e ha bassissimi livelli di CBD.

A livello cosmetico si utilizza ufficialmente come emolliente.

Cannabidiol (CBD)

Cristalli di CBD nei cosmetici alla cannabis? Si, ma…

È la richiesta che va per la maggiore, la “crema al CBD” o “il siero alla cannabis con CBD”.

Qui le cose si complicano, o meglio, è necessario spiegare bene. Difatti, nel Cosing il CBD viene descritto in 2 modi diversi:

  1. derived from extract or resin or tincture of cannabis (derivato da estratto o resina o tintura di cannabis)
  2. shyntetically produced (prodotto sinteticamente)

Per entrambi, poi, è presente un riferimento all’Annex II/306. Calma! 🙂

Annex II/306

L’Annex II (annex secondo, non annex due) è quella parte del Regolamento sui cosmetici Europei relativo alle sostanze vietate. Il numero 306 riferito alla cannabis, indica (hahaha… “indica”… ) che la cannabis si trova nella posizione 306.

Il fatto che una sostanza sia presente nell’Annex II, significa che non può essere usata nella preparazione di un cosmetico.

1. CBD derivato da estratto o resina o tintura di cannabis

Questo è il CBD che nel 99,9% dei casi viene richiesto da chi vuole produrre un cosmetico alla cannabis: il CBD “naturale” perché ottenuto dalle infiorescenze di cannabis (che sono naturali, giusto?).
Ma, nelle annotazioni sul CBD, il Cosing riporta che (traduzione a cura dell’Autore):

il cannabidiolo come tale, indipendentemente dalla sua origine, non è contenuto nelle sostanze stupefacenti della Convenzione Unica sulle sostanze Narcotiche del 1961. Ad ogni modo, il suo uso dovrebbe essere vietato nei prodotti cosmetici (II/306) se utilizzato come estratti o tinture o resine di cannabis, in accordo con la Convezione Unica.
Considerare inoltre che la legislazione di ogni Stato Membro sulle sostanze stupefacenti che potrebbe applicarsi

Cosing

Il che significa che il CBD puro in quanto tale può essere usato, mentre in forma di resine, tinture o estratti titolati in CBD (indipendentemente dal tenore di THC ovvero anche se < 0.2% o anche < 0.1%) NON POTREBBE essere utilizzato nella produzione di cosmetici alla canapa.

2. CBD prodotto sinteticamente

Molti rabbrividiscono e storcono il naso alla parola “sintetico” associata alla cannabis, ritenendo che associando tale termine associato alla parola “cannabis” sia un reato! 😉

Di fatto, dal punto di vista chimico, il CBD sintetico è identico al CBD naturale, quel che cambia è “l’intorno”, ossia le altre sostanze presenti. Spieghiamo.

Immaginiamo un cristallo naturale di CBD ottenuto dalle infiorescenze di canapa, puro al 99.2% e un cristallo sintetico di CBD puro al 99.2%.
Significa che in entrambi casi il 99.2% è rappresentato dal CBD, chimicamente identico tra i 2. La differenza sta in quel 0,8%.

Nel caso del CBD naturale, lo 0,8% potrà essere composto da terpeni, altri cannabinoidi (anche THC, a tenore variabile), alcaloidi.
Nel caso del CBD sintetico, lo 0,8% saranno per lo più solventi residui e metaboliti secondari (anche THC, anche se in tracce).

Tutto ciò detto, anche per il CBD sintetico, il Cosing riporta la stessa frase citata sopra per il CBD naturale, ma in questo caso non si tratta né di resina, né di estratto, né di tintura.

Di conseguenza CBD sintetico può essere impiegato nella preparazione di cosmetici alla canapa

Cannabis nei cosmetici e THC: ci sono limiti?

Il THC (tetraidrocannabinolo) è una sostanza classificata come stupefacente e perseguita da leggi internazionali. La sua presenza nel FIORE è solitamente richiesta sia < 0.2%.

Ma per quanto detto dell’Annex II/306, tutte le materie prime ad uso cosmetico della cannabis nei cosmetici devono essere completamente prive di THC, che non deve essere presente neppure in tracce.
In pratica, un certificato di analisi di una materia prima ad uso cosmetico deve riportare ND (Not Detected).

A voi le considerazioni.

E gli oli essenziali? I terpeni? Le foglie? Le gemme?

A parte i terpeni (per un motivo che vedremo a breve), non si può usare nient’altro, in base alla normativa attuale sui cosmetici alla canapa.

Il motivo è presto detto:

  • alcuni non sono riportati nel Cosing. E se non ci sono, NON si possono usare.
  • altri derivati, sono ottenuti da estrazione da fiori e/o foglie, quindi inclusi nell’Annex II = divieto.

Perchè i terpeni si possono usare nei cosmetici alla cannabis?

Perché i terpeni NON sono costituenti unici della cannabis, ma a livello botanico sono presenti in tanti altri vegetali (es. agrumi, luppolo, ecc…) ossia si possono ottenere (estraendoli) da piante che nulla hanno a che vedere con la cannabis e le sue limitazioni.
E, ovviamente, queste sostanze sono riportate nel Cosing.

L’importante, è che siano sempre certificati ad uso cosmetico.

Riassunto finale sul cosa si può e non si può fare

Per evitare di ripetere cose già dette, proponiamo questa tabella riepilogativa su quali parti e derivati della canapa possono essere utilizzate per preparare cosmetici alla canapa.

E ricordiamo che il nostro laboratorio cosmetico Farmacosmetica prepara e vende da tempo cosmetici alla canapa, secondo tutto quello spiegato in questo articolo.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This