Prezzo cannabis FM2 italiana di Stato: guida completa

Dopo il crollo prezzo cannabis terapeutica, da 35€ si passa a 19-22€ al grammo!!! E arriva pure la cannabis FM2.

Da quanto la cannabis è diventata legale ad uso terapeutico nel 2013, uno degli ostacoli più grandi lamentati dai pazienti e associazioni è stato il prezzo: chi diceva che si pagava 35€ al grammo, chi 40€, chi 50€, chi 80€, eccetera.
Posto che agli inizi 2013 (appena diventata legale ad uso terapeutico), la cannabis aveva davvero un prezzo di 35€/grammo (mai 40€), ad oggi importi del genere sono legati o a (voluta) disinformazione o situazioni episodiche disdicevoli. Il Farmacista NON può scegliere liberamente a quale prezzo vendere un farmaco galenico (qualsiasi, non solo i farmaci a base di cannabis), ma deve sottostare a una Tariffa ben precisa, ferma al 1992 (!!), dove tutto parte dal prezzo di acquisto della materia prima (cannabis grezza, raw).

Chiarito il concetto che “1 grammo di cannabis” non vuol dire nulla (si legga l’articolo dedicato), vediamo a fine 2106 – inizio 2017 quale è la situazione:

  1. a partire da Marzo 2016, la cannabis terapeutica di provenienza olandese (Bedrocan BV) verrà venduta nelle Farmacie Italiane (incluse alcune di Farmagalenica) ad un costo di circa 19-22€/grammo, un importante crollo del prezzo cannabis, quindi, rispetto agli inizi.
  2. la notizia che molti aspettavano è arrivata: la “cannabis di stato” o “cannabis italiana” o “cannabis dei militari” o “cannabis FM2” (titolata al 5-8% THC e 7-12%CBD), prodotta a Firenze dall’Istituto Farmaceutico Militare sarà acquistabile in farmacia a partire da (fine) Gennaio 2017.

A cosa è dovuto il calo del prezzo cannabis OLANDESE?

In primis e tecnicamente, ad un solo fattore: la diminuzione dei prezzi di acquisto olandesi.
L’Olanda, infatti, vende ad un prezzo più basso ai fornitori Italiani, i fornitori italiani vendono ad un prezzo più basso ai Farmacisti, i Farmacisti vendono ad un prezzo più basso ai pazienti.
I “responsabili” di questo calo sono da identificarsi in alcuni fornitori italiani che si sono attivamente proposti per ridurre il prezzo all’origine e rivalutare il prezzo di vendita all’Italia.

Qual è il prezzo di vendita della cannabis nelle Farmacie galeniche italiane?

OLANDESE: la cannabis olandese viene acquistata dalle Farmacie Italiane ad un prezzo che varia dagli 8€ ai 10€ + IVA 22% al grammo (ossia dai 9.76€ ai 12.2€ IVA INCLUSA).
In base alla Tariffa nazionale, il prezzo di vendita al pubblico della cannabis diventa circa 18 – 22€ al grammo (IVA 10% inclusa).

ITALIANA: il prezzo cannabis è unico e preciso: viene stabilito (Nota del Ministero QUI) che il prezzo di vendita dello Stabilimento Farmaceutico Militare di Firenze a Farmacie, AUSL e Ospedali è di 6.88€ + IVA 22% = 8.39€ (+ 20.49€ fissi di spese di spedizione). NON è il prezzo di vendita al PUBBLICO, ATTENZIONE! Continuare a leggere!.
Diversamente da quanto si diceva in interviste passate, infatti, sarà lo Stabilimento Farmaceutico Militare di Firenze a vendere direttamente, SENZA passare da intermediari. Questo incide sul prezzo finale? Si.

Si è sempre parlato in interviste e interventi passati, di un costo finale di vendita al pubblico (al paziente finale) che sarebbe stato composto da 3 fattori (riferendosi a 1 grammo di cannabis terapeutica):

  1. 6€ circa per Stabilimento Farmaceutico Militare di Firenze
  2. 2€ circa per il grossista intermediario
  3. 2-3€ circa per il Farmacista

che avrebbe dovuto portare, in base alla Tariffa sulla Cannabis (citata nell’ultimo articolo del Decreto 9/11/2015), ad un prezzo di vendita finale della cannabis al paziente di CIRCA 10€ + IVA = 12€/grammo.
Invece, ora, la cannabis FM2 terapeutica è venduta direttamente come materia prima dallo Stabilimento Farmaceutico Militare alla Farmacia. Questo vuol dire che

  • essendo in vigore la Tariffa Nazionale dei Medicinali (aggiornata al 1992!)
  • NON essendo in vigore alcuna Tariffa della Cannabis
  • essendo stabilito comunque un prezzo cannabis fisso al grammo ossia non c’è convenienza ad acquistare (esempio) 1000 grammi rispetto 100 grammi rispetto a 10 grammi

il Farmacista si comporta come sempre, raddoppiando il prezzo di acquisto.
In parole povere, dai 6.88€ + IVA 22% = 8.39€ di acquisto, il prezzo cannabis di vendita al paziente della cannabis FM2 è di 15.14€ al grammo (IVA inclusa).

Quali sono i costi sostenuti dalle AUSL o Ospedali per l’importazione diretta della cannabis olandese?

Normalmente sono tra i 5-6€ + IVA 22%.
Si chiarisce ancora: sono i costi per l’acquisto diretto da parte di AUSL e Ospedali, non da parte di pazienti o farmacie.

Che aspetto ha la cannabis FM2 terapeutica italiana dell’Istituto Farmaceutico Militare?

La cannabis FM2 viene definita dal Ministero come

“costituita da infiorescenze femminili non fecondate, essiccate e macinate con granulometria inferiore a 4 mm”

L’aspetto è il seguente:

Barattolo da 5 grammi di FM2, appena aperto. Courtesy of Farmacia Dr. Ternelli

Nota: i lotti disponibili di cannabis FM2 da gennaio 2017 avranno scadenza a MAGGIO 2017.

Quali sono i TEMPI di approvvigionamento della cannabis?

OLANDESE: se parliamo di farmacie “rifornite”, normalmente in pochi giorni/settimana è possibile ottenere la preparazione.
I grossisti e gli ospedali che si devono invece approvvigionare dall’Olanda, possono richiedere 1-2 mesi di attesa a seconda della DISPONIBILITA’.
Va però detto anche che ormai ci sono Farmacie che dispongono di ampi quantitativi di scorte di cannabis terapeutica ed è quindi impossibile rimanerne sprovvisti: i pazienti devono solo cercare la Farmacia con scorte, ad esempio tramite il motore di ricerca galenico Cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

ITALIANA: come precedentemente scritto, lo Stabilimento Farmaceutico militare dichiara che in caso di DISPONIBILITA’, la cannabis FM2 farmaceutica viene fornita in circa 15 giorni lavorativi alla Farmacia/Ospedale.

Da quanto FISICAMENTE e REALMENTE sarà disponibile la cannabis FM2 nelle Farmacie Italiane?

Probabilmente da metà-fine gennaio 2017. Perché non prima? Stando a quanto riportato sul sito dello Stabilimento Farmaceutico Militare di Firenze e alle dichiarazioni sul portale del Ministero della Salute:

  1. lo Stabilimento Farmaceutico Militare di Firenze non evade più ordini a partire dal 18 Dicembre 2016 fino al 9 Gennaio 2017.
  2. per poter richiedere la cannabis FM2, la farmacia deve dotarsi di CIG (procedura abbastanza lunga e laboriosa) per ogni singolo ordine.
  3. ogni ordine viene processato in 15 giorni (“stimati”, cit.)

La cannabis FM2 terapeutica italiana potrà essere usata solo per le prescrizioni SSR (gratuite) o anche nelle prescrizioni a pagamento? Solo per cartine o anche per estratti o altro?

Interessante domanda. Il dubbio nasce esclusivamente da un documento tecnico redatto da un gruppo di lavoro del Ministero e UCS, disponibile QUI.
Certamente a pagamento, cioè quando la ricetta è fatta su ricettario privato del medico (c. d. “ricetta bianca”) NON ci sono limiti, essendo stabilita nel Decreto 9/11/2015 la possibilità di utilizzare la cannabis terapeutica per effettuare estratti (olio o resina) di cannabis. Non ci sono inoltre vincoli prescrittivi alla libertà del Medico, che prescrive sempre secondo scienza e coscienza e in base alla Legge 94/98.
A livello SSR la risposta attualmente migliore è che DIPENDE da ogni singola Regione se consentire o meno l’utilizzo della varietà di cannabis FM2 per l’uso in estratti o altri, piuttosto che solo per decotto o vaporizzazione.

Molte testate giornalistiche scrivono che con la cannabis FM2 di “Stato” le regioni cominceranno a permetterne la distribuzione nelle Farmacie. Ma non era già così?

Si, infatti. Si tratta di errori da parte dei giornalisti che (probabilmente) confondo la distribuzione della cannabis a pagamento tramite le farmacie (che già avviene dal 2013) con la distribuzione a carico SSR (che pure avviene da qualche mese in pochissime Regioni) e che partirà in ulteriori Regioni da quando sarà disponibile la cannabis FM2.
Inoltre essa verrà distribuita a partire dalla riapertura del Farmaceutico a Gennaio, non ci saranno “primi” e “ultimi” a riceverla.

Che ricetta serve per poter ottenere cannabis FM2 terapeutica?

Le modalità di prescrizione per ottenere cannabis FM2 italiana dello stabilimento farmaceutico Militare di Firenze sono IDENTICHE a quelle della cannabis olandese, cambia solo il nome.
Questo significa che:

  1. per la prescrizione a pagamento (su ricetta bianca) di cannabis FM2, il medico può scaricare i facsimile dedicati in questa pagina, sostituendo solamente il nome della cannabis Olandese (es. Bediol) con quello della varietà italiana (FM2) e relative percentuali di THC/CBD.
  2. per la prescrizione a carico SSR nelle regioni in cui già era già rimborsata la cannabis olandese, le ricette vengono redatte alla stessa maniera, sostituendo solamente il nome della cannabis Olandese (es. Bediol) con quello della varietà italiana (FM2) e relative percentuali di THC/CBD.

———————

Su gentile concessione della Farmacia Dr. Ternelli, si rende disponibile al download una scheda riepilogativa sulla Cannabis terapeutica in Italia, incluso un appendice con tabelle di equivalenze tra olio, milligrammi e gocce.

———————

Per cercare e visualizzare l’elenco completo delle Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire preparazioni a base di cannabis (marijuana) terapeutica consultare il motore di ricerca Cercagalenico.it (si aprirà una nuova finestra).

67 pensieri su “Prezzo cannabis FM2 italiana di Stato: guida completa

  1. Pingback: Cannabis sativa (Bedrocan), farmaco galenico in Farmacia - Farmagalenica

    • Si, infatti. Da 10€ circa di acquisto raddoppiati + IVA al 10% vengono i 21/22€ grammo. Questo se si parla di vendita al pubblico.
      Se sono AUSL e Ospedali, la tariffa non vale dato che cedono gratuitamente il farmaco.

  2. Pingback: Vendita cannabis in Farmacia: situazione 2016 - Farmagalenica

  3. salve dottore..soffro di stati d’ansia e attacchi di panico.sono di roma..qui gli unici farmaci che il neurologo mi vuol prescrivere sono gli psicofarmaci che ovviamente io non prendo(presi una volta con esperienza negativissima sul mio fisico e sulla mia mente)..trovo ora molto piu’ utile l’uso di un po’ di cannabis illegale..come posso fare e cosa devo fare per ottenere anche io una prescrizione di cannabis terpeutica da un medico a chi me devo rivolgere..grazie anticipatamente

  4. Buongiorno Dr.Tornelli,
    grazie per le informazioni che ogni giorno ci riserva.

    Tutto bello,ha dimenticato di dire,che le nuove normative dicono che ogni tre mesi bisogna rinnovare la ricetta con ulteriore aggiunta di circa 200 euro da devolvere al medico che la prescrive,bella porcata,complimenti allo stato Italiano in comunione alle case farmaceutiche che speculano sui malati…
    Infatti in origine il bedrocan costa 6/8 euro…moltiplicando pane e pesci al malato,fino ad ieri costava 40 euro al grammo,parlo per esperienza personale…ma come fa una pianta ad essere illegale se un privato la coltiva per uso medico,mentre lo stato può venderla a prezzi da rapina in modo legale?

    • Dimenticavo:questa nuova normativa di replicare ogni 3 ricetta con passaggio al medico per rinnovarla,a cosa e achi serve se non a specularci?sappiamo come avviene una visita,si paga solo l’emissione della ricetta,perchè in verita nn vi è alcuna visita..

      GRANDE PORCATA.

    • Una ricetta NON ha limiti di quantità (dura 30 giorni escluso quello di emissione), per cui un Medico SE VUOLE può prescrivere una terapia di 6 mesi (i fattori per cui un Medico non lo fa possono essere diversi, ad esempio avere un’idea di come la terapia sta andando e fare follow up). Sulla necessità di pagare o meno una visita (e quanto) dipende dal singolo Medico (siamo in regime privatistico, lo Stato non c’entra nulla).

      • 1 grammo di cannabis con principio attivo pari al 5% ad un costo di 20 euro/grammo
        Ci state prendendo per il culo?
        Da fumatore per scopi ricreativi posso tranquillamente dire che:
        1) marijuana di qualità 3 volte superiore (15% di thc) si trova tranquillamente a 10 euro in meno sul grammo.
        2) il modo in cui viene venduta e ridicolo se non stupido
        ogni cartina contenuta nella confezione di FM2 contiene 30mg di sostanza ( http://iltirreno.gelocal.it/italia-mondo/2017/01/09/news/la-cannabis-terapeutica-e-ora-made-in-italy-1.14686326 ) in poche parole o ti fumi praticamente solo tabacco (bella salute !) o usi ben 10 cartine in una volta sola per ottenere quella che è una singola dose (ovvero 0.3 grammi).
        il modo in cui è impacchettata e venduta è quindi stupido ed inutile, senza contare che chiunque capirebbe che impacchettarla ogni 30 mg ha un costo che potrebbe essere tranquillamente evitato vendendola tutta insieme
        2) molti malati necessitano di una quantità di principio attivo nettamente superiore.
        se tu hai dolori davvero forti 0.030g (un decimo in meno rispetto alla dose classaica) non serve assolutamente a nulla .

        • Parte delle cose che dice sono vere.
          Ma il discorso cade se considera che il Bedrocan (olandese) che si vende in Italia dal 2013 ha un THC del 22% e costa sui 18€/grammo. Standardizzato. Certificato di grado farmaceutico, senza pesticidi, inquinanti o fertilizzanti. Decisamente meglio, non trova?

          Purtroppo molti medici attuano medicina difensiva e partono con titolazioni bassissime, spesso inefficaci (i 30mg che cita sono un esempio). Condivido che sono ben altre le dosi da usare, anche se va tenuto conto della via di somminstrazione: vaporizzare 500mg permette di ottenere l’intera dose; FUMARLA, è come buttare via (letteralmente) il 40% del THC presente.. circa 220mg sprecati… e i costi salgono.

  5. Pingback: Cannabis Terapeutica – Cannabis in farmacia: dal dottor Ternelli tutte le informazioni necessarie

  6. Pingback: LA GANJA PUO’ CURARE L’EPILESSIA – Microgenetica

  7. Pingback: Marijuana di Stato, primo raccolto da buttare - Farmagalenica

  8. Salve dottor Ternelli,abito in Lombardia e in prov.di Bergamo,ieri ho avuto la prescrizione x Fibromialgia Reumatica Importante,Ma Sono Affetta Da S.Sjogren Importante,Diffusa Sofferenza Miogena,Neuropatia Del Pudendo ,S.Di Raynaud E Altro dallo specialista della terapia del dolore x Bedrocan 50mg.x 10 bustine Da Nebulizzare,Una Al Dì al momento da iniziare x comprendere se il dosaggio sarà tollerato e quanto concerne all’uso della Cannabis.Qui il costo di 10 bustine da 50 mg.è compresa la lavorazione di 30 Euro.Da quanto letto mi sembra di capire che in Lombardia il prezzo sia eccessivo,premetto che sono ignorante in materia e non ho mai assunto sostanze stupefacenti in 56 anni,tranne anni fa quando lo stesso medico succitato e altri specialisti che mi seguivano mi prescrissero Oxicontin fino a 80 mg. x 2 al dì ,e,dopo 3 anni decisi x gli effetti collaterali che tutt’ora non mi abbandonano di smettere con la guida del mio medico di base,ovviamente i dolori in tutto il corpo di varia natura fino a non poter condurre una vita normale,carrozzina e letto,un inferno x me anche la minima cosa con molti sforzi…Grazie infinite x la sua disponibilità.Cordiali Saluti,Vita Bianchi.

    • Salve,

      il costo dipende sempre dal prezzo cui la farmacia acquista la cannabis, MA in linea di massima il suo sembra fuori mercato, nel senso: 10 cartine da 50mg sono 500mg di cannabis (mezzo grammo di cannabis).
      Costasse anche (es.) 30€/grammo sarebbero 15€ + lavorazione (circa 6-7€).

  9. Buonasera dottore sono un farmacista vincitore di concorso in Toscana e abbiamo aperto da febbraio una nuova farmacia. Vorremmo iniziare a fare le cartine di cannabis dove trovo la normativa ? avete in previsione di fare corsi per la tecnica di preparazione?

    Cordiali sauti

    • È impossibile quantificare la spesa giornaliera per qualsiasi patologia: dipende dalla forma di assunzione, dalla varietà e dalla singola persona (oltre che tanti altri fattori).
      Consideri che la cannabis FM2 ha un costo sui 15€/grammo, mentre il Bediol 18€/grammo.
      La differenza non è così abissale.

  10. Salve dott. Ternelli. Premetto che considero qualsiasi iniziativa,pubblica o privata,che vada verso una presa di coscienza medica e culturale delle potenzialita’ di questa pianta,la ritengo un passo avanti,visto che in tema di cannabis terapeutica siamo alla preistoria nel nostro paese.Ma molte sono le osservazioni che sarebbero da fare.Mi limito a 2 .La prima che le voglio sottoporle e’ questa:mi spiega la necessita’ e l’utilita’ di rendere la cannabis quasi in polvere?cito:” macinate con granulometria inferiore a 4 mm”.! Le posso garantire che non e’ una bella idea! si perdono una marea di ‘sostanze'(mi passi il termine)che sono volatili e thc e cdb (e non solo )si degradano piu’ velocemente,perdendo inevitabilmente potenzialita’ terapeutiche.I fiori vanno conservati intatti il piu’ possibile fino a poco prima di essere utilizzati! non ha senso lasciarli triturati 2-3 mesi in un barattolino ! poi se vogliamo parlare di ‘cannabis di stato’, e di prezzi vorrei dire 2 cose:i prezzi vengono determinati dal mercato,che ha avuto un’impennata di richieste negli ultimi anni,visto l’aumento di pazienti che ricorrono a questa terapia.da qui: se c’e’ maggiore mercato i prezzi calano.e’ bussines , e su questo gli olandesi fanno scuola.Porto poi l’esempio del’ Uruguay,dove la cannabis di stato costa max 1,50 euro,e dove si e’ visto che lo stato da solo non puo’ riuscire a soddisfare il consumo.La seconda cosa che vorrei far notare con forza e’che questo modo di dispensare la cannabis e’ quantomeno ‘bislacco’:ricette ogni 3 mesi,bustine da 200 mg,cannabis tritata! Le faccio una domanda:Lei sa’ che ci sono patologie che richiedono l’assunzione di 10 e piu’ grammi di cannabis al giorno?che facciamo tutte bustine? e ogni bustina ci ricarichiamo sopra 1-2 euro?e le tritiamo tutte?MAH……………….La seconda osservazione che vorrei sottoporle e’ quella delle prescrizioni da parte dei medici,che secondo l’articolo dovrebbero prescrivere secondo ‘scienza e coscienza’!Per quel che riguarda la scienza,visto che, come dicevo prima,siamo nella preistoria riguardo all’informazione sulla cannabis, ma solo nel nostro paese,purtroppo la scienza non e’ pervenuta.Stesso discorso per la coscienza:la conoscenza empirica della materia manca totalmente, sono a conoscenza di medici che motivano la loro scelte di non prescrivere la cannabis con le risposte piu’ assurde. Io stesso,parlando e chiedendo informazioni ai medici dell’ospedale che mi tiene in cura(e le garantisco che a me le informazioni in materia non mancano)mi sono sentito rispondere nell’ordine; 1)io non te la prescrivero’ mai: 2)ne sai piu’ di me,che ti devo dire:3)la migliore:tu mi stai chiedendo di prescriverti di ‘sniffare’ marijiuana?mai! Ora potrei infierire per ore su questa cosa,visto che faccio parte di un’associazione che si occupa di questa problematica,e le lamentele,perlomeno nella mia regione,sono innumerevoli.Potrei poi continuare ad oltranza su questo argomento:terapie,metodi di assunzione e somministrazione,patologie,varie tipologie di cannabis,garanzia di continuita’ terapeutica,metodi di coltivazione,ma mi fermo qui’.Rivolgo un’appello in modo che Lei,chi legge questo post e chi deve tutelare i diritti dei malati faccia una piccola presa di coscienza delle difficolta’ che un cittadino malato trova quando prova ad affrontare questa tematica.Le informazioni ci sono,le esperienze ci sono,le potenzialita’ idem,quello che manca e’ la condivisione,il buon senso e un goccio di umilta’……………..

    • Salve, direi che condivido quasi tutto quello che ha scritto.

      Cannabis tritata: mi tremano le gambe a pensare cosa potrà essere successo a questa cannabis. Già lancio fulmini ai colleghi che grindano la cannabis prima di preparare cartine per tutti i motivi che ha elencato. Mi chiedo cosa sarà successo per una scelta del genere… ma temo di saperla; dico solo che in Olanda si lavora A MANO, per non danneggiare i fiori.

      Per il prezzo sicuramente c’è un discorso di “rientro dei costi”. Sul fatto che lo Stato non sia grado, penso all’Olanda che è invece perfettamente in grado di autosoddisfare il proprio bisogno legale di cananbis (non i coffe shop dove è illegale, ma tollerata). Ed esporta pure…

      Fornitura: questi vincoli esistono “solo” negli ospedali e in distribuzione a carico SSN dato che “paga pantalone” e i soldi preferisce metterli man mano che tutti all’inizio. Possiamo dargli torto, considerando che così come paga la cannabis, paga gli antitumorali, antiperntensivi, cure sperimentali, ecc.. a milioni di cittadini/pazienti?
      Comunque a pagamento (ma ovvio che non è una strada percorribile per alti quantitativi) uno può acquistare 100Kg se trova chi glieli vende 😉

      Per i medici, ha ragione in quello che scrive, ma quelli sono limiti che valgono per qualsiasi farmaco il Medico non conosca, non solo per la cannabis.

      • La ringrazio della risposta celere ed onesta.dalle sue parole capisco che conosce le diverse problematiche,e questo un po’ mi rincuora:finalmente si sa’ di cosa si parla.Le chiedo ,da malato e da cittadino,vista la sua competenza ed il suo ruolo, di farsi carico e di fare da anello di congiunzione dai pazienti verso i suoi colleghi medici.la storia insegna che dove si sono unite le competenze,i diritti ,i mezzi ,le esperienze di chi vive in primis certe problematiche ed il buon senso la comunita’ tutta ne ha tratto beneficio.Le rivolgo una domanda:possibile che 70 anni di proibizionismo cancellino 5000 anni di storia medica?Lei da medico che ne pensa? Grazie e buonasera.

        • PS:da quello che mi risulta non tutto il bedrocan viene prodotto in olanda,ma prenda questa informazione col beneficio del dubbio.

        • Io da Farmacista 😉 penso che dovremmo prendere esempio dagli Olandesi che a loro volta hanno preso esempio dagli stessi pazienti, cioè da chi la cannabis la conosce da “millenni”.
          Inutile ergersi a “conoscitori della scienza” quando l’esperienza degli utilizzatori (che si può comunque ricondurre ad una EBM, Evidence Based Medicine) può insegnare tantissimo.
          Gli Olandesi nello sviluppare certe varietà di cannabis non hanno fatto altro che recarsi nei coffè shop (dove la cannabis presente è illegale), osservare, domandare, intervistare e capire cosa il paziente vuole, perchè e come.

          • condivido in pieno ! la linea da tenere e’ quella di condividere le esperienze e i risultati con chi la cannabis la usa da anni.la storia insegna che laddove si sono unite forze e competenze il risultato e’ garantito,basti vedere quello che e’ successo in america sui farmaci per l’aidsnegli anni 80-90 ,ma ne dovrebbe parlare principalmente con i suoi ‘colleghi’ medici.penso che dall’altra parte la disponibilita’ a sbloccare questa situazione non manchi,e per ‘altra parte’ intendo noi pazienti ovviamente.

  11. Pingback: Fissato il prezzo Medical Cannabis di Stato: 15,14 euro al grammo! - Progetto FreeWeed

  12. Pingback: Cannabis Terapeutica – Cannabis italiana: da gennaio in farmacia a 15 euro al grammo

      • grazie dottore ,ma il mio medico non mi prescrive la ricetta ,potrei avere la cannabis in pillole o gocce anche senza e orientativamente il prezzo .grazie ancora .

        • Salve,
          no, non è assolutamente possibile: la cannabis farmaceutica è tutta classificata stupefacente e ogni movimentazione viene registrata su appositi registri per renderla tracciabile. E’ assolutamente necessaria la prescrizione del medico.
          L’unica è davvero trovare un Medico…

  13. Pingback: Arriva in farmacia la cannabis prodotta in Italia: dettagli, modalità di prescrizione e prezzo di vendita – Santa Mariuana

  14. Pingback: Italie : du cannabis médical bientôt dans les pharmacies - Newsweed

  15. Pingback: Italie : du Cannabis médical bientôt dans les Pharmacies – Le Miracle Cannabis

  16. Buongiorno, mi chiamo Anna, soffro di POLICITEMIA VERA, ho saputo che la cannabis è valido per il mio male, so che devo chiedere al mio medico, ma è su appuntamento è sicuramente passerà un po’ di tempo prima che la possa conttattare, ma, mi farebbe piacere saperne di più.
    Ringrazio per qualsiasi informazione possiate avere per me.
    Saluti , a
    Anna.

    • Guardi, a costo di deluderla: non ho mai sentito parlare di cannabis e policetemia vera. Vero che la cannabis agisce sul sistema immunitario e sul sangue, ma che questo sia di aiuto nella sua patologia è a me sconosciuto. Certamente il Medico (o altri lettori del blog) ne sapranno di più…

      • Speravo in una risposta diversa, ma non perdo la speranza, chiederò alla mia dottoressa, ma se lei ha qualche informazione per piccola che sia me lo scriva per favore.
        Grazie mille della sua gentilezza.
        Anna

  17. Salve Dottore, Io sono piena di dolori a causa della fibromialgia e artrosi in tutte le articolazioni. Da tre mesi faccio usa di erba illegale e mi si sono attenuati i dolori, sono scomparsi gli attacchi di panico e i crampi notturni. Si può dire che ho ricominciato a vivere. Sono una nonna, non una ragazzina yeye e mi urta l’atteggiamento della mia dottoressa disinformata e scandalizzata dalla mia richiesta di cannabis terapeutica. Purtroppo vedrò il reumatologo solo fra due mesi e in tutto avrò aspettato 7 mesi per l’appuntamento. Uno schifo tutto italiano. La domanda è questa:- Se il reumatologo mi prescriverà la cannabis terapeutica e lui lo si può vedere una volta all’anno, come potrò fare per il rinnovo della ricetta, tenuto conto dell’atteggiamento della mia dottoressa di base ? Grazie.

    • Salve signora, la risposta è semplice, ma purtroppo non l’aiuta. Essendo la ricetta non ripetibile e valendo solo 30 giorni, una volta usata viene trattenuta dal farmacista e non ha più validità per cui ne serve sempre una nuova.
      Le possibilità sono farsi prescrivere un quantitativo sufficiente a coprire diversi mesi (3-4-5 eccetera), ma va pagata e dipende dalla quantità e quindi dal costo.
      In alternativa è trovare un altro medico (diverso da quello di base) che possa “ripetere” la ricetta, magari avendo come base la ricetta del reumatologo.

  18. Un consiglio che mi sento di dare a chi ha veri problemi tipo dolori di non buttare via i soldi perché a quei dosaggi e tipologia di cannabis molto leggera con poco thc5% non serve a nulla. fidatevi

  19. Io utilizzo la cannabis terapeutica e la acquisto proprio dal dottor Ternelli e vi assicuro che la quantità è giusta, io ne assumo 2 bustine alla mattina e 2 alla sera e vi assicuro che mi bastano e trovo beneficio, quindi fidatevi, io posso dare il mio giudizio positivo in base alla mia esperienza

  20. buongiorno ,ho la fibromialgia e purtroppo il mio medico non mi fa la ricetta della cannabis che pensavo di provare . Chiedo se e”possibile acquistarla anche senza e quanto mi costerebbe ? grazie .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *