Ipoclorito di sodio: soluzione preparata in Farmacia

Ultimo aggiornamento:

Sodio ipoclorito soluzione, farmaco preparato dal Farmacista in Farmacia
Sodio ipoclorito soluzione, farmaco preparato dal Farmacista in Farmacia

Cerchi farmacie che preparano ipoclorito di sodio soluzione come farmaco galenico (cioè preparato dal Farmacista)? Alcune Farmacie di Farmagalenica preparano soluzioni liquide (e altro) a base di ipoclorito di sodio: vengono preparate direttamente nel loro laboratorio galenico della Farmacia (v. fine articolo per visualizzare la lista delle Farmacie).

La soluzione liquida di ipoclorito di sodio viene preparata dal Farmacista a qualunque concentrazione: solitamente si prepara alla concentrazione del 6% o 12%, ma è tecnicamente realizzabile qualsiasi concentrazione (1%, 3.9%, 13.45%) a seconda della richiesta dal Medico mediante ricetta medica.
Infatti, per la preparazione della soluzione di ipoclorito è necessaria la ricetta medica riportante la dose; tale ricetta è ripetibile e ha validità di 6 mesi e può essere utilizzata per richiedere fino a 10 preparazioni.
Il farmacista prepara la soluzione di ipoclorito di sodio partendo da materie prime purissime (ipoclorito di sodio soluzione concentrata) diluendole opportunamente con acqua altamente depurata o altro solvente richiesto dal medico, in modo da ottenere un farmaco purissimo.
Oltre a qualsiasi concentrazione, l’ ipoclorito di sodio soluzione viene preparata in qualsiasi quantitativo (100ml, 200ml, 500ml, 1 litro e oltre), in appositi contenitori di vetro scuro.
La soluzione di ipoclorito 0.5% o 1% è presente in Farmacopea Tedesca (con indicazione per la pulizia dei canali dentari) ed è quindi anche acquistabile senza ricetta medica sulla base della normativa italiana.
Similmente può essere acquistato il sodio ipoclorito 0.25% linimento da Farmacopea Olandese (chiedere direttamente al Farmacista preparatore per informazioni sulla composizione).

Importante è la conservazione della soluzione: teoricamente potrebbe avere una durata massima di 6 mesi (il cloro è un potente disinfettante), ma il problema più grosso è la tendenza del cloro ad evaporare, motivo per il quale, con il passare dei mesi, la soluzione preparata potrebbe diminuire nel titolo (es. dal 6% diventare 5.5%, poi 5% ecc…). E’ quindi fondamentale conservare la soluzione in boccette di vetro scuro, ben chiusi!

La soluzione di ipoclorito di sodio ha diversi utilizzi: principalmente è usata come disinfettante (il cloro è in grado di distruggere batteri, virus, funghi, muffe e spore); per una trattazione più completa delle proprietà rimanda a questo link.
Si utilizza pura o diluita in acqua, direttamente sulla cute o effettuando dei tamponi con garza.

Per cercare e visualizzare la Farmacie di Farmagalenica in grado di preparare la soluzione di ipoclorito di sodio, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

Subscribe
Notificami
19 Commenti
Più recenti
Più vecchi
Inline Feedbacks
Mostra Tutti i Commenti

peccato Marco, stavo cominciando a divertirmi!! 😀 😀

Incredibile come Lei parli di “boombing” dal medesimo ip,ma come potrà ben vedere tra i precedenti commenti c’é il mio ed è uno solo (ip per forza univoco!). Tutte le altre persone cosa sono?Riguardo il Metodo,mi informerei prima di affermare che nessun farmacista sia a conoscenza del Metodo Ruffini, visto che fortunatamente si sta espandendo in modo incredibile,e tra non molto,chi non ne sarà a conoscenza (e non parlo dei poveri comuni cittadini!),sarà solo per un motivo: perché farà comodo non conoscerlo.

Anche il mio IP non può essere quello di altri, e come vedo non ha risposto alle mie domande. Ripeto, se lei prepara e vende una cosa del genere per uso topico o delle mucose, sta violando un brevetto in essere, di proprietà del dott. Gilberto Ruffini. Mi fa anche specie che non lo conosca, ma purtroppo lei ben sa e ci insegna che la legge non ammette ignoranza

Vedo che ancora una volta fa finta di non capire. Innanzitutto che ci creda o no, il Metodo Ruffini è brevettato, vada a controllare se non si fida. Seconda cosa, come saprà e mi insegnerà (ma inizio ad avere i miei dubbi) un brevetto tutela la produzione e vendita non autorizzata a terzi e la stessa cosa vale per le preparazioni galeniche, che vengono vendute da un commerciante (in questo caso il farmacista) ad un cliente (in questo caso il paziente). Le raccomando di chiedere espressamente al medico che compila la ricetta, che la preparazione galenica non deve essere utilizzata… Leggi il resto »

Le riporto anche quello che le ha scritto (sulla pagina di Facebook, il Dott. Gilberto Ruffini, titolare del brevetto in questione: “A proposito di Farmacia e farmacisti : vorrei fare presente al gentile Dr. Marco Ternelli come a tutti i suoi Colleghi che fingono di non sapere cosa è l’ Ipoclorito di Sodio, tacciono la scoperta o la banalizzano dandola per ovvia o si appropriano spudoratamente dei lavori altrui, con suoi costati anni di studi e donato a tutti con cristiano amore, disinteressata professionalità e massima serietà, senza mai profitto economico. Ebbene, per conoscere tutti i vari risvolti chimici e… Leggi il resto »

Aggiungo anche che mi sorprendo nel vedere che un preparatore galenico diluisca l’ ipoclorito di sodio con la sola acqua, dato che con questo sistema si aumenta ancora di più l’ instabilità dello stesso, conseguenza dell’ abbattimento parziale del pH basico dato dall’ idrossido di sodio, necessario per una migliore stabilizzazione. Tanto vale acquistare l’ ipoclorito di sodio e diluirselo da soli a casa, almeno si risparmia la costosa e alquanto semplice operazione del farmacista, che, stando alla descrizione fatta, non fa altro che travasare l’ ipoclorito di sodio da un contenitore all’ altro, diluendolo con sola acqua distillata…. mi… Leggi il resto »

Una ricetta per un disinfettante? Anche l’alcol è un disinfettante, la candeggina contiene il 5% di ipoclorito. Anche per questi serve la ricetta? Ma per piacere.

L’ipoclorito di sodio lo si trova anche nelle lavanderie, al 14-15%

In effetti la dott. Eloisa che ha commentato non ha torto. Il dott. Gilberto Ruffini ha ideato il Metodo Ruffini nel 1991. Vi invito a visitare il sito: http://www.metodoruffini.it
Cordiali saluti
Paolo Ruffini
Responsabile Relazioni pubbliche

sarebbe piu’ professionale, Leale e corretto indicare che queste % hanno un brevetto che si chiama METODO RUFFINI!!e che gentile dr Tenelli NON SONO sue invenzioni o prestazioni speciali ma l’IPLOCLORITO Fa parte delle migliaia di terapie studiate ESCLUSIVAMENTE DAL DOTT. RUFFINI e metodo scientifico di oltre 30 anni del dottor Gilberto RUFFINI!
Le suggerisco pertanto di contattare , CITARE, chiedere il
Permesso al dott. RUFFINI per qualsiasi pubblicazione o citazione delle sue scoperte scientifiche!

Cordiali saluti
Dott.ssa E. Terzo

Grazie per l’articolo Marco, anche per esserti soffermato non solo sulla preparazione in sè, ma anche sulla conservazione del preparato, che è sicuramente una componente essenziale nella riuscita del tutto. Chi non è un esperto del settore, magari crede che un flacone in vetro o un contenitore in plastica vada sempre bene, in realtà il packaging farmaceutico ha più sfaccettature di quanto si pensi!

19
0
Condividi una riflessione, lascia un commentox
()
x